13 Mag 2014 / 13:05

Italia ospite d'onore a Gastronomika. Con Cracco, Alajmo, Cogo e la pizza

a cura di
Non un'Italia, ma le tante Italie della cucina. Nord e Sud, e tutto quel che ci gira intorno. Prodotti tradizione e ricerca. Chi rappresenterà l'Italia al congresso di San Sebastian ai primi di ottobre? Ecco i nomi.
Italia ospite d'onore a Gastronomika. Con Cracco, Alajmo, Cogo e la pizza
Non un'Italia, ma le tante Italie della cucina. Nord e Sud, e tutto quel che ci gira intorno. Prodotti tradizione e ricerca. Chi rappresenterà l'Italia al congresso di San Sebastian ai primi di ottobre? Ecco i nomi.
a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery
Un nome lo conoscevamo già. Era il 9 ottobre 2013, quando Gennaro Esposito, affiancato da Roser Torras, direttrice di San Sebastián Gastronomika, annunciò, durante l'ultima giornata del congresso basco, che l'Italia sarebbe stata l'ospite d'onore dell'edizione 2014. Da allora, fra gli addetti ai lavori, c'è stato un rincorrersi continuo di voci sulla selezione dei cuochi invitati al congresso: gli spagnoli avranno la volontà di rappresentare un'immagine fedele della varietà della cucina italiana? Sarà l'Italia in grado di sfruttare questo palcoscenico per comunicare al mondo la propria avanguardia?
A sciogliere alcuni dubbi ci ha pensato l'organizzazione di Gastronomika, convocando una conferenza stampa a Milano, all'Eataly Smeraldo (nel quadro della settimana La Spagna a Milano organizzata dall’Ufficio Spagnolo del Turismo). Già dal comunicato un'anticipazione del nome che avrà la XVI edizione di Gastronomika: Italia - nord vs sud. Tante Italie, quindi, attese sul palco del Kursaal. I primi invitati confermati sono Lorenzo Cogo, Davide Scabin, Carlo Cracco, Massimiliano Alajmo, Norbert Niederkofler, Arcangelo Dandini, Andrea Berton, Matias Perdomo, Viviana Varese, Nino di Costanzo, oltre al già citato Gennaro Esposito. Ci sarà anche la pizza, per la prima volta in tale cornice, con i napoletani Enzo Coccia ed Enzo Piccirillo, e il gelato, con Alberto Manassei, della Gelateria dei Gracchi di Roma, in un'interessantissima session con Jordi Roca, geniale pasticcere del Celler de Can Roca. Tra i nomi del vino, in questi primi annunci figura quello di Luca Maroni.
Come sono state operate le scelte in programma? Alcuni membri dell'organizzazionedi Gastronomika hanno visitato personalmente molte insegne durante due viaggi in lungo e in largo per la penisola, facendosi consigliare dagli chef del proprio comitato tecnico (tra cui Juan Mari Arzak e Andoni Aduriz) e da vari giornalisti del settore, che hanno indirizzato la ricerca nelle varie regioni. Il quadro che ne è venuto fuori è concentrato sulle tante diversità gastronomiche che l'Italia racchiude al suo interno, esemplificate dalla contrapposizione nord/sud, con un focus sull'importanza delle materie prime che tanto pesano sull'avanguardia culinaria del nostro paese.
Della manifestazione quindi faranno parte prodotti e produttori - Gastronomika presenta un'ampia zona commerciale, insieme alla parte puramente congressuale - oltre agli attesi protagonisti, i cuochi. Nel programma figurano i cavalli di razza, che, da Alajmo a Cracco a Scabin, sono sulla cresta dell'onda per ciò che concerne attenzione mediatica e visibilità (anche se ci pare stonata l'assenza di Bottura nel primo elenco annunciato); ci saranno i giovani cuochi, con Cogo che, tra le nuove leve, è quello che porta avanti una concezione molto personale di ricerca ed è il più noto al pubblico basco, dati i trascorsi nella cucina di Victor Arguinzoniz all'Etxebarri. Una piacevole sorpresa è data dalla presenza di esponenti della contaminazione dell'alta cucina tricolore: Perdomo, che italiano non è, ma che dalla sua cucina con vista Navigli contribuisce al rinnovamento del nostro codice culinario, può essere considerato un buon auspicio del fatto che la discussione non sarà ridotta a una vetrina per le nostre tradizioni, che, per quanto preziose e basilari, risultano spesso ingombranti quando si parla di ricerca e di avanguardia.
Spazio anche per il grande artigianato: la presenza di pizzaioli e gelatieri su un palco come quello di San Sebastián magari ci darà modo di sfatare una serie di cattive eredità che l'immagine della cultura italiana nel mondo porta con sé per anni di imitazioni e contraffazioni spudorate. Ultima nota è per la cucina più antica, quella di strada, altro argomento di tendenza che si ritaglierà il suo spazio durante l'evento:la presenza di Arcangelo Dandini, fresco di apertura della sua friggitoria Supplizio di Roma, è più che un indizio, come lo è la partecipazione di quel mago della pizza fritta che è Enzo Piccirillo della Masardona di Napoli.
Tra gli intervenuti alla conferenza stampa milanese, Andrea Berton ha riferito di attendere con emozione l'arrivo del congresso, che potrebbe portare una bella dose di visibilità al settore, davvero da non sottovalutare in un momento del genere. Non è da trascurare, del resto, che l'avvicinarsi dell'Expo renda questa tappa ancor più strategica per il sistema gastronomico italiano, una sorta di prova generale in trasferta, data la tempistica.
Restano da rendere noti una decina di nomi tra i cuochi invitati, non sono infatti ancora state ufficializzate le prime voci, ad esempio, che davano per probabile la presenza di Pino Cuttaia e di Salvatore Tassa, ma gli spagnoli hanno deciso di tenere fra qualche settimana un altro incontro per pubblicizzare l'evento, stavolta a Vico Equense, durante la prossima Festa a Vico di giugno. La volontà del team di San Sebastián è di ottenere quanta più visibilità possibile nel nostro paese, anche per fare una sorta di scouting tra i produttori interessati agli spazi espositivi e per attrarre al congresso addetti ai lavori, studenti di cucina o semplici appassionati.

Noi attendiamo fiduciosi ulteriori novità: il parterre è d'eccezione, le premesse per fare bene ci sono tutte e Gastronomika è un teatro internazionale importante (secondo la rivista Forbes uno dei più dinamici eventi culinari), che lo scorso anno ha registrato 12.500 visitatori, con centinaia di giornalisti stranieri accreditati. L'appuntamento per l'Italia è quindi a San Sebastian/Donostia dal 5 all'8 ottobre 2014.

Gastronomika | Spagna | San Sebastian |Palacio de Congresos Kursaal | dal 5 all'8 ottobre 2014 | http://www.sansebastiangastronomika.com/es/index.php


a cura di Pina Sozio
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Gambero Rosso Channel

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition