10 Lug 2014 / 11:07

Arancini in movimento. L'Ape di LuBar che porta a Milano lo street food catanese

a cura di
Ancora un cibo da strada su ruote che punta al design e a un concept semplice e goloso. È lo slow street food di LuBar, l'Ape che porta a Milano arancini e cannoli direttamente dalla Sicilia.
Arancini in movimento. L'Ape di LuBar che porta a Milano lo street food catanese
Ancora un cibo da strada su ruote che punta al design e a un concept semplice e goloso. È lo slow street food di LuBar, l'Ape che porta a Milano arancini e cannoli direttamente dalla Sicilia.
a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery
In un'Ape Piaggio dal sapore retrò, color terra (la terra di Vendicari) rivestita di juta, si friggono arancini superbi che stanno facendo impazzire Milano. Arancini rossi (al ragù di carne), bianchi (prosciutto e formaggio), o nella versione vegetariana senza latticini, con riso integrale e spinaci, e ne arriveranno altri: siamo solo all’inizio. Nuovo tassello delle Api Piaggio gourmet che stanno riempiendo l'Italia in un nome di un cibo di strada finalmente di qualità.

Un mini spaccato di Sicilia, non quello folcloristico del carretto siciliano, ma quello legato ai sapori e ai colori della terra, che è quella della Sicilia orientale, verso Catania e non Palermo: non per niente sono arancini e non arancine. Arrivano ogni giorno freschi da Scicli, preparati da un superbo fanatico gourmand, che in via assolutamente esclusiva fornisce LuBar.

Il focus del progetto è la qualità e l'unicità del prodotto e della preparazione tradizionale, da qui il saggio concetto dello slow street food, che regalano il sogno del vero arancino siciliano, praticamente un’operazione di teletrasporto. Saltuariamente oltre agli arancini riempiono al momento freschi cannoli, hanno invece sempre a disposizione il migliore cioccolato della dolceria Bonajuto di Modica, il tutto accompagnato da bevande come spuma, chinotto e gazzosa di Polara, una marca di bibite siciliane introvabili a Milano e vini siciliani.

Due dei fondatori, Lucrezia e Ludovico Bonaccorsi, sono milanesi, ma hanno origini siciliane e una prima esperienza nella gestione di un innovativo concept di bistrot-baracchino nell'Oasi di Vendicari, il Lubar. Insieme all’amico Edoardo Giardini, laureato in economia, hanno iniziato questa avventura. Come? Ce lo racconta qui Lucrezia, scenografa cinematografica, designer del gruppo: L' idea nasce per gioco un pomeriggio di poco più di tre mesi fa. Mio fratello Ludovico faceva spesso su e giù con la Sicilia e tornava sempre carico di buonissimi arancini, pronti per essere fritti a cena con gli amici. Il food è sempre stata la sua passione. Da tempo lavorava anche all’idea di creare un'Ape che distribuisse i nostri prodotti agricoli siciliani (olio del Castelluccio e mandorle) a Milano. Edoardo, amico di lunga data, ha lanciato l'idea di unire gli arancini all’Ape! A questo punto ne hanno parlato con me per aiutarli a realizzare il progetto. Siamo cosi entrati in società con diverse mansioni: Ludovico il prodotto e la cura del food, Edoardo il marketing e io il design.”

La loro prima tappa è stata all’orto botanico di Brera a Milano durante il Salone del Mobile, la perfetta cornice primaverile per presentare un tale angolo di edonismo, da lì il successo e la partecipazione a numerosi eventi come Foodami Milano all’Expo Gate, Streeat food truck Festival, durante Pitti a Firenze. Sul sito potrete seguire tutti i loro spostamenti, in location non sempre esclusive e incantate, ma LuBar offre anche un gettonatissimo servizio catering su tre ruote per eventi privati e non, tutto prima di tornare a friggere nella terra madre.


www.lubarslowstreetfood.it


a cura diSofia Villa
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition