23 Apr 2015 / 13:04

Cile a Expo 2015. I contenuti del padiglione

a cura di
Un grande architrave in legno avvolto da uno scheletro in travi incrociate, un tunnel circondato da ventiquattro proiettori sincronizzati, una grande tavolata di 65 metri. Ecco in sintesi il Padiglione Cile a Expo 2015.
Cile a Expo 2015. I contenuti del padiglione
Un grande architrave in legno avvolto da uno scheletro in travi incrociate, un tunnel circondato da ventiquattro proiettori sincronizzati, una grande tavolata di 65 metri. Ecco in sintesi il Padiglione Cile a Expo 2015.
a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery

Il Concept: El Amor de Chile

Dal deserto di Atacama alla Patagonia, dalle verdi vallate alle sue splendide isole. Il Cile a Expo vuole mostrare la sua incredibile varietà geografica attraverso un viaggio esperienziale tra i diversi ecosistemi, mostrando come la vita cresce in ognuno di essi e con quali strumenti la si preserva. L'obiettivo? Promuovere il Paese, sia da un punto di vista turistico sia testimoniando l’impegno a favore della protezione delle risorse idriche e della produzione di cibo sostenibile. Il Cile si focalizza su tre elementi chiave: frutta, talento e sensazioni. Il Paese mostra dunque la sua frutta straordinaria, la propria abilità gastronomica e architettonica, e le sensazioni che si provano visitandolo.

Il Padiglione: un grande architrave in legno

Opera dell'architetto Cristián Undurraga, l'edificio si sviluppa in uno spazio di 1.910 metri quadri e rappresenta un grande architrave in legno avvolto da uno scheletro in travi incrociate, sollevato da quattro pilastri di cemento. L’accesso e il punto relax, con tavoli e panche, sono a livello strada, mentre tutto il padiglione si sviluppa in altezza, quasi a sembrare sospeso nell'aria. All'interno, oltre a un auditorium, c'è l'area ristoro dove fa capolino un lunghissimo (65 m) tavolo sociale,realizzato interamente in legno dall’artista Osvaldo Peña. Il materiale, con il quale è stato concepito e costruito, vuole ricordare che la superficie forestale in Cile è in aumento, in controtendenza rispetto alla diffusa deforestazione.

Percorso espositivo

Il percorso comincia con l'ascolto della poesia El Amor de Chile di Raúl Zurita. Dopodiché ci si dirige verso un tunnel circondato da ventiquattro proiettori sincronizzati che immergono in una realtà virtuale. Capiterà dunque di essere catapultati a bordo di un peschereccio o nelle spiagge dell'isola di Pasqua. Una volta terminato il viaggio, i visitatori possono dirigersi verso l'area ristoro dove ad attenderli c'è la Tavola del Cile. Qui hanno la possibilità di degustare una grande varietà di prodotti e piatti tipici, come le tortillas, l’humita, gli stufati o i frutti di mare, in un incontro di sapori intensi e unici. Quest'area diventa dunque un punto di riferimento per le persone che desiderano conoscere meglio la gastronomia e la cultura cilene.


expomilan.cl

a cura di Annalisa Zordan

Per leggere Gran Bretagna a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui
Per leggere Francia a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui
Per leggere Austria a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui
Per leggere USA a Expo 2015. I contenuti del padiglione cicca qui
Per leggere Cina a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui
Per leggere Italia a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui

Per leggere Brasile a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui
Per leggere Svizzera a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui
Per leggere Giappone a Expo 2015. I contenuti del padiglione clicca qui
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition