18 Giu 2015 / 17:06

In viaggio. Yorkshire, l'Inghilterra più foodie

Da Richmond ad Harrogate, attraverso birre, formaggi di pascolo, grandi carni e la classica pasticceria inglese: viaggio nell’Inghilterra più golosa e a misura d’uomo, tra piccoli villaggi e personaggi che vale la pena conoscere.

In viaggio. Yorkshire, l'Inghilterra più foodie

Da Richmond ad Harrogate, attraverso birre, formaggi di pascolo, grandi carni e la classica pasticceria inglese: viaggio nell’Inghilterra più golosa e a misura d’uomo, tra piccoli villaggi e personaggi che vale la pena conoscere.

a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery


Il Yorkshire è il regno di formaggi e birre– questo si sapeva – ma forse non ci aspettavamo una campagna tanto bella, incorniciata da muretti a secco e interrotta raramente da solitarie costruzioni, isolati castelli e piccoli villaggi con graziose case in pietra, adornate di fiori. Una destinazione foodie da consumare lentamente: le distanze colmate da campagne silenziose da attraversare senza fretta; i greggi di pecore, capre e mucche che pascolano incuranti su colline ricoperte d’erbe odorose, da cui i profumi di tanti formaggi locali.

Richmond

E la nostra prima tappa, guarda caso, è con la tradizione casearia. A Richmond, villaggio avvolto da un’atmosfera bucolica e con un maestoso castello medievale, la Swaledale Cheese Company fa una decina di formaggi diversi utilizzando latte di pecora, capra o mucca. Fondato nel 1987 da David e Mandy Reed oggi il caseificio è guidato dai figli Sam e Louise, non ancora trentenni.“Il fiore all’occhiello è il Traditional Swaledale. Spiega Sam Reed:“è il formaggio introdotto dai monaci cistercensi arrivati dalla Normandia intorno all’anno mille, che trasmisero ai contadini locali i segreti del mestiere”. Grazie alla qualità dell’alimentazione naturale e al metodo di lavorazione, il formaggio di casa Reed ha un gusto delicato e una fetta tira l’altra. Fatto con latte di mucca, le forme cilindrichedel Traditional Swaledale sono stagionate per 4-6 settimane. Le altre specialità sono i formaggi affumicati ed erborinati, con venature di muffe bluastre (il Blue cheese), ma anche caprini e pecorini. Da assaggiare senza parsimonia.

Hawes

Per chi apprezza il formaggio la contea dello Yorkshire non pone limiti al piacere. Un altro valido indirizzo è nel villaggio di Hawes, tra colline lussureggianti di verde e muretti a secco che ricamano la campagna. Qui troviamo la Wensleydale Creamery, altra azienda che ha fatto tesoro degli antichi insegnamenti dei monaci francesi riscoprendo la tradizione casearia nel 1987, quando Edward Chapman cominciò a comprare latte per trasformarlo in formaggio. Nel 1992 il caseificio fu rilevato da un gruppo di 7 imprenditori, tra i quali David Hartley, l’attuale direttore. Ogni giorno alla Wensleydale Creamery 80 chili di prodotto se ne vanno solo per le degustazioni: tanto ne occorre per accontentare i circa 200mila visitatori che ogni anno si fermano qui. Il latte è fornito da 40 allevatori locali e la produzione conta una trentina di referenze. Il top è lo Yorkshire Walesdale che l’azienda produce in esclusiva, sia fresco, cioè pronto in un paio di settimane, che stagionato per 6 mesi. Vale la pena assaggiare anche gli affumicati come lo Smoked Kit Calvert, il più intenso Blue erborinato e iformaggi aromatizzati alla frutta, con albicocche, mirtilli o ananas a pezzetti. Più che altro una curiosità.
All’interno ci sono anche un ristorante e l’immancabile pub, accanto al punto vendita. Da non perdere poi la visita al piccolo museo con sala multimediale e vecchi strumenti del casaro, con tanto di vetrata a vista sul laboratorio.

Masham

Qualcosa da bere? Anche su questo in Yorkshire si viaggia tranquilli, se non altro perché qui si producono ottime birre. Nel villaggio di Masham, nel nord della contea, il birrificio Black Sheep Brewery produce birre artigianali da un ventennio, sia alla spina che in bottiglia, e le propone anche in un bistrot in abbinamento a piatti che usano bionde, rosse e scure come ingredienti. “Prima di introdurre nuovi piatti in menu facciamo varie prove in cucina”racconta lo chef Derek Ballantine, originario di Liverpool “La nostra priorità è la birra: siamo in un birrificio e ogni ricetta, dall’antipasto al dolce, è concepita per usare la birra come ingrediente o per abbinarla correttamente. Uno dei nostri classici è il Fish & Chips alla birra: il pesce (haddock) viene immerso in una crema di burro, farina, erbe e Black Sheep Ale, che rende la pastella croccante e scura. Invece, ad esempio, con la carne proponiamo la scura Riggwelter; mentre con il pesce la chiara Golden Sheep: la birra deve creare armonia con il piatto ed esaltarne i sapori”.

Harome

Un altro chef che valorizza l’accostamento con la birra è Andrew Pern, proprietario del The Star Inn at Harome, raffinato resort in stile country-chic con un bel ristorante. Pern, tra l’altro, produce una sua linea di birra personale, la Two Chefs, insieme all’amico e socio James MacKenzie, titolare del The Pipe & Glass Inn, a Beverley. Figlio di allevatori locali, Pern ha una certa dimestichezza nel riconoscere e selezionare prodotti freschi e genuini: così attinge a piene mani nell’orto del ristorante e, per quanto non produce in proprio, si rifornisce di verdura e frutta da altri contadini locali. Lo stesso per le carni, da allevatori del villaggio di Harome. E siamo a circa un’ora da Leeds.

Ledsham

Per sorseggiare un boccale d’ottima birra un’altra tappa consigliata è a Ledsham, villaggio di 160 abitanti, al The Cequers Inn, un posto d’atmosfera, il classico pub inglese old style con interni in legno e decine di biglietti delle corse dei cavalli appesi dai clienti sulle travi del controsoffitto tra una pinta e l’altra. Il locale di Chris Wraith è uno dei 10 Best Pub dello Yorkshire e offre 5 tipi di birra alla spina che volendo si possono abbinare ai piatti sia di carne che di pesce, verdure e formaggi regionali preparati dallo chef David Siddall, come la salsiccia alla cipolla caramellata su patate schiacciate e salsa alla birra.

Harrogate

Ma la voglia di un dolce finale, per completare questo pasto itinerante nello Yorkshire, ci porta dritti nella storica pasticceria Bettys, fantasia e classe al servizio della gola dal 1919; inParliament street, la strada principale di Harrogate. Il primo impatto suscita il dubbio se torte, pasticcini, praline e uova di cioccolato siano più belli da guardare o più buoni da mangiare. Il tea del pomeriggio non è per niente banale vuoi per la ricca selezione d’infusi vuoi per la varietà dei dolci. E l’indomani si ricomincia, con il breakfast...

Il rabarbaro, antica tradizione

Il prodotto che non ti aspetti di trovare in Yorkshire è il rabarbaro, pianta officinale usata per millenni dai cinesi in campo medicinale oltre che alimentare. Lo immaginavamo come un ingrediente della lontana Asia e lo abbiamo trovato anche in Inghilterra, dove si è sviluppata una gastronomia che usa i gambi rossastri, robusti e polposi di questa pianta per farne torte dolci e salate, marmellate o confetture. Tra le cittadine di Wakefield, Leeds e Morley il rabarbaro trova terreno e microclima adatto alla coltivazione. In genere si fanno due raccolti, tra aprile a maggio e tra giugno e luglio. La Oldroyd Hume of HopefieldFarm, per esempio, è una azienda con 5 generazioni di esperienza e 800 acri di terreni, specializzata nella coltivazione di rabarbaro, anche “rinforzata” in capannoni al buio. La raccolta del primo rabarbaro dell’anno coltivato nei capannoni si svolge a lume di candela, esclusa ogni altra luce, per incoraggiare la germinazione. Si ottiene così un prodotto con i gambi più teneri e di gusto più dolce. Per produrre rabarbaro “rinforzato” si favorisce una crescita anticipata garantendo alle piante temperature più alte, all’interno dei capannoni. Vendita di rabarbaro fresco, frutta e verdura. Visite guidate su prenotazione.Al rabarbaro è dedicato persino un festival, il Wakefield Festival of Food, Drink and Rhubarb, che si tiene a febbraio.

Andar per cantine

Nel Kent e nel Sussex, contee dell’Inghilterra meridionale dal clima più mite e adatto alla viticoltura, da diversi anni ormai si producono vini, non senza risultati interessanti, soprattutto nel campo delle bollicine. Non tante cantine, ma una curiosità che vale il viaggio, anche per i dolci paesaggi collinari che fanno tanto Inghilterra. Biddenden Vineyards, cantina fondata nel 1969, produce vini bianchi, rossi, rosè e spumanti.
La Carr Taylor, oltre a spumanti brut e rosè, vini fermi bianchi e rossi, fa anche bevande dalla fermentazione di frutta presentate dal simpatico produttore David Carr Taylor.
Chapel Down, altra cantina ospitale ed enoturistica, si è specializzata negli spumanti e ne imbottiglia 7 tipi, di cui 2 rosè. All’interno, anche il ristorante Swan che propone cucina inglese moderna e stagionale in abbinamento ai vini aziendali.
Tutti biodinamici i bianchi, rossi, rosati e spumanti della cantina Sedlescombe Organic Vineyard, del produttore Roy Cook. Lui e la moglie curano personalmente le visite e le degustazioni, con varie formule e ospitalità in azienda.

Andar per castelli e chiese normanne

A Harrogate lo storico centro termale Royal Pump Room Museum ospita una galleria di negozi d’epoca e mostre (Crown Plac).
Da visitare anche il Ripley Castle, del XIV secolo, un’imponente costruzione squadrata e in ardesia, immersa in un bellissimo parco. Giardino e raffinati saloni in stile antico, su richiesta, sono destinati a location d’eccezione per matrimoni da favola.
La All Saints’ Church di Ledsham, costruita a partire da 700, è la chiesa più antica dello Yorkshire.
Risale invece all’anno mille il Richmond Castle, grande fortezza militare normanna costruita su uno sperone roccioso dal quale domina la valle del fiume Swale. Tra gli elementi architettonici meglio conservati la torre merlata e porzioni delle spesse mura(Riverside Road). Gioiello storico di Masham è la St. Mary’s Church, di epoca normanna ma con aggiunte del XV secolo.


Mangiare

Clocktower Restaurant | Follifoot |Harrogate |tel. +44 (0)1423 871350 | www.ruddingpark.com/food-drink/clocktower.aspx | prezzo medio 120 euro | La cucina dello chef Stephanie Moon in abbinamento a vini internazionali.
Green’s of Withby | 13 Bridge Street | Whitby | North Yorkshire | tel. +44 (0)1947 600284 | www.greensofwhitby.com | prezzo medio 45 euro | Menu di pesce fresco oppure carne e selvaggina.
Johnny Baghdad’s Cafè |
52 Market Place |Masham |Ripon |tel. +44(0)1765.688809 | johnnybaghdadscafe.co.uk | prezzo medio 20 euro | aperto lun-ven | Zuppe, panini, insalate ai tavolini della piazza.
The Cequers Inn |
Claypit Lane| South Milford| Ledsham| Leeds| West Yorkshire| tel. +44/(0)1977.683135| http://thechequersinn.com/ | prezzo medio 25 euro | Pub old style con saletta ristorante per mangiare. Cucina tradizionale con prodotti locali.
The Pipe & Glass Inn | West End |South Dalton |Beverley |tel. +44 (0)1430 810246| www.pipeandglass.co.uk | prezzo 50 euro) | chiuso lun | In una storica costruzione il ristorante di James and Kate Mackenzie con uno spettacolare tavolo da 28 posti.

Dormire

Cedar Court Hotel | Park Parade, off Knaresborough Road |Harrogate |tel + 44(0)1423.858585 | www.cedarcourthotels.co.uk | doppia da 100 euro prima colaz. incl. | 4 stelle per 100 camere e 3 lussuose suite. Sempre aperti la brasserie di cucina stagionale e il lounge bar.
Hotel du Vin | Prospect Pl, Harrogate |Yorkshire |tel. +44(0)1423 856800 |www.hotelduvin.com|doppia da 130 euro prima colaz. incl.| In un edificio di epoca georgiana albergo esclusivo con salabiliardo, cantina ebistrot.
The Star Inn | High StreetHarome |North Yorkshire |tel. +44(0)1439 770397| www.thestaratharome.co.uk | doppia da 180 euro prima colaz. incl. |Nove diverse camere in albergo stile country-chic con ristorante.
The Devonshire Arms | Bolton Abbey |Skipton |North Yorkshire |tel. +44 (0)1756 710441| www.thedevonshirearms.co.uk | doppia da 370 euro prima colaz. incl. | Ospitalità di classe nella country house, hotel e spa.


Foodshop

Bettys | Hookstone Chase |Harrogate |North Yorkshire |tel. +44 (0)1423 814008 |www.bettys.co.uk |Il tradizionale thè del pomeriggio è accompagnato da irresistibili specialità di pasticceria artigianale.
Black Sheep Brewery |Wellgarth |Masham | North Yorkshire | tel. +44 (0)01765 689227 |www.blacksheepbrewery.com | Birre, salse, mostarda e dolci. Visite al birrificio tutti i giorni con degustazione.
Northern Dales Farmers Market | 119a High Street |Northallerton |vicino al negozio di Marks & Spencers) |tel. +44 (0)01642 710594 |www.northerndalesfarmersmarkets.com| Spesa genuina al mercato degli agricoltori di Northallerton ogni quarto mercoledì del mese orari 8,30-14,30.
Oldroyd Hume of Hopefield Farm | tel. +44 (0) 113 282 2245| www.yorkshirerhubarb.co.uk| Storica azienda produttrice di rabarbaro
Sykes House Farm | Walton Road |Wetherby |West Yorkshire | tel. +44 (0)1937 545249 | www.sykeshousefarm.co.uk | Mart-sab 8,30-16,30 | Oltre a tagli di carne fresca e pollame di qualità, vende anche salsicce, salumi e piatti pronti.
Swaledale Cheese Company | Mercury Road, Richmond |North Yorkshire |tel. +44 (0)1748 824932 | www.swaledalecheese.co.uk| Vendita diretta con preavviso, escluso domenica | Caseificio artigianale.
Wensleydale Creamery | Gayle Lane |Hawes |Wensleydale |North Yorkshire |tel. +44 (0)1969 667664 | www.wensleydale.co.uk | C’è anche un piccolo museo nel caseificio con ristorante, pub, caffetteria e negozio.

Cantine

Carr Taylor | www.carr-taylor.co.uk | oltre a spumanti brut e rosè, vini fermi bianchi e rossi, fa anche bevande dalla fermentazione di frutta.
Chapel Down | www.chapeldown.com | www.loveswan.co.uk | specializzata negli spumanti, ne imbottiglia 7 tipi, di cui 2 rosè. All’interno, anche il ristorante Swan.
Sedlescombe Organic Vineyard | www.englishorganicwine.co.uk | bianchi, rossi, rosati e spumanti biodinamici

Luoghi di interesse turistico

Royal Pump Room Museum | Crown Place | www.harrogate.gov.uk/museums|
Ripley Castle |www.ripleycastle.co.uk
All Saints’ Church | Ledsham | Claypit Lane | South Milford | www.ledshamwithfairburn.org
St. Mary’s Church | Mashsm | www.visitmasham.com

testi e foto di Massimiliano Rella


Articolo uscito sul numero di Giugno 2015 del Gambero Rosso. Per abbonarti clicca qui


Per leggere In viaggio. Etna, Il sale del vulcano, il dolce del sole clicca qui
Per leggere In viaggio. Giro della Sicilia in 4 microbirrifici clicca qui
Per leggereIn viaggio. Modena, ieri, oggi e domaniclicca qui
Per leggere In viaggio. Germania del Nord, sulle rotte della Lega Anseatica clicca qui
Per leggere In viaggio. Alla scoperta della Liguria di Ponente clicca qui
Per leggere In viaggio. Fusion madrileno: la new wave gastronomica ispano-asiatica in 4 indirizzi clicca qui
Per leggere In viaggio. Paesi Baschi vol. 2: tour alla scoperta dei pintxos di Bilbao clicca qui
Per leggere In viaggio. Cilento: terra di bufale, formaggi e dolci golosi clicca qui
Per leggere In viaggio. La Piccola Polonia da Cracovia ai Carpazi clicca qui
Per leggere In viaggio Dall'Appennino all'Adriatico nella Marca Fermana clicca qui
Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Verona nei giorni del Vinitaly clicca qui
Per leggere In viaggio. Ginevra: verso l'Expo a passi ecosostenibili clicca qui
Per leggere In viaggio. Riga, la nuova cucina lettone clicca qui
Per leggere In viaggio. Agnone, nel paese delle campane tra soste golose e passeggiate nella natura clicca qui
Per leggere In viaggio. Sicilia d'inverno: nuovi locali e vecchie trattorie clicca qui
Per leggere In viaggio. Firenze: le belle arti… del quinto quarto clicca qui
Per leggere In viaggio. Bruges & Anversa: cioccolato, birra e la cucina dei Primitivi Fiamminghi clicca qui
Per leggere In viaggio. A Vienna per i 150 del Ring, tra caffè e giovani chef clicca qui
Per leggere In viaggio. Sapori di confine da Trieste al Carso clicca qui
Per leggere In viaggio. Cuba: racconto di una serata alcolica sulle tracce di Hemingway a la Habana clicca qui
Per leggere In viaggio. Paesi Baschi: tour alla scoperta dei pintxos di San Sebastian clicca qui
Per leggere In viaggio. Pantelleria. Alla scoperta della Figlia del Vento clicca qui
Per leggere In viaggio. Soave: a spasso tra vigneti e grandi tavole clicca qui
Per leggere In viaggio. La Piana di Sibari e i sapori del Pollino clicca qui
Per leggere In viaggio. Venezia: autunno in laguna clicca qui
Per leggere In viaggio. La Cina. Seconda tappa: Pechino e Shanghai clicca qui
Per leggere In viaggio. La Cina. Prima tappa: Xi’an, la capitale antica clicca qui
Per leggere In viaggio. Torino, il Salone del Gusto, la Reggia di Venaria clicca qui
Per leggere In viaggio. Il Frusinate: tesori d'Appennino clicca qui
Per leggere In viaggio. Val Tidone, quei sapori tra le vigne clicca qui
Per leggere In viaggio. Cadore: i sapori delle Dolomiti clicca qui
Per leggere In viaggio. Cosa porta con sé la Scozia se vota per l’indipendenza? Angus, whisky e ostriche clicca qui
Per leggere In viaggio. Conero da cima a fondo. Le sorprese delle Marche e della costa Adriatica clicca qui
Per leggere In viaggio. Il Sulcis Iglesiente, Carloforte e Sant'Antioco: la Sardegna tra mare e terra clicca qui
Per leggere In viaggio. Dove mangiareinLanghe, Roero e Monferrato. Consiglia Davide Palluda clicca qui
Per leggere In viaggio. In Salento tra panorami marini, vigneti, olivi secolari e arte barocca clicca qui
Per leggere In viaggio. A Genova e dintorni per scoprire i profumi e i colori di una terra stretta fra monti e mare clicca qui
Per leggere In viaggio. Dove mangiareinCosta Azzurra. Indirizzi golosi tra la Francia e l'Italia suggeriti da Mauro Colagreco clicca qui
Per leggere In viaggio. Dove mangiareinIstria. Itinerario goloso tra negozi e ristoranti suggeriti da Ana Roš clicca qui
Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Formentera clicca qui
Per leggere In viaggio nel Pollino, il parco dei tesori clicca qui
Per leggere In viaggio da Trapani a Erice. Sale, aglio e genovese clicca qui
Per leggere In viaggio tra sassi e mare alla scoperta della provincia di Matera clicca qui
Per leggere In viaggio nella Penisola Sorrentina: oltre al mare c’è di più clicca qui
Per leggere nel cuore di Perugia. Indirizzi foodies e musica jazz clicca qui
Per leggere In Istria alla ricerca di sapori tra Croazia e Slovenia clicca qui
Per leggere In viaggio verso Foggia e la Daunia clicca qui
Per leggere In viaggio in Portogallo tra Porto e baccalà clicca qui
Per leggere In viaggio. InTrentino tra sapori di malga clicca qui
Per leggere In viaggio. Sulle strade della mozzarella clicca qui
Per leggere In viaggio nel Gran Paradiso tra fontina e ghiacciai clicca qui
Per leggere In viaggio.In Alsazia tra Reseling e foie gras clicca qui
Per leggere Piceno in tour alla scoperta di pecorino e olive ascolane clicca qui
Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 1. Castel di Tusa, Palermo e Regale ali di Tasca clicca qui
Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 2. Da Agrigento a Trapani passando per Marsala e la valle dei templi clicca qui
Per leggere Castellammare, Gragnano, Agerola, Furore, Amalfi. Storie, sapori e testimonianze dell'altra costiera clicca qui
Per leggere Molise panorami e sapori di una regione da scoprire clicca qui
Per leggere alla scoperta di una Puglia insolita clicca qui
Per leggere Vulture intour un viaggio tra cantine e paesaggi straordinari clicca qui

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition