9 Nov 2015 / 17:11

Street Food Trentino Alto Adige. La paninoteca gourmet di un ex giornalista

a cura di

Prodotti biologici, DOP e presidi Slow Food: con questi ingredienti Il Posto di Ste ha valorizzato il cibo da strada per eccellenza, arricchendolo con materie prime di qualità e lavorazioni attente. E il panino è diventato gourmet.

Street Food Trentino Alto Adige. La paninoteca gourmet di un ex giornalista

Prodotti biologici, DOP e presidi Slow Food: con questi ingredienti Il Posto di Ste ha valorizzato il cibo da strada per eccellenza, arricchendolo con materie prime di qualità e lavorazioni attente. E il panino è diventato gourmet.

a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery

Aperto da poco più di un anno e già considerato un punto gastronomico imperdibile a Trento. Il Posto di Ste punta tutto sulla semplicità del panino, ma rivisitato in chiave contemporanea, con ingredienti di alto livello di tutte le regioni d'Italia e materie prime fresche e genuine. È il 20 giugno 2014 e Stefano Bertoni, ex giornalista, posa carta e penna in favore di pentole e forchette. E in poco tempo Il Posto di Ste si è ritagliato uno spazio fra le realtà gourmet della città. Con tanto di panino speciale per Expo 2015.

Il locale

I clienti hanno apprezzato molto, soprattutto gli stranieri: i miei prodotti e la loro qualità sono stati capiti fin da subito, nonostante il prezzo più elevato rispetto alla media” racconta Stefano. Ci sono state delle difficoltà, per lo più legate a questioni amministrative “ottenere permessi per l'esposizione di tavolini, ombrelloni e simili è stato un incubo” spiega”nel momento in cui la pianificazione aziendale è stata redatta cum grano salis per rispondere alle richieste delle banche, il processo amministrativo si è un po' velocizzato”. Gli ostacoli maggiori comunque, si incontrano ogni qual volta “ci si inserisce in un contesto urbano e sociale dove sono presenti diverse attività legate al cibo, lì ci si scontra con la competizione”. Tra tante difficoltà, anche molti episodi divertenti, come quando qualcuno viene tratto in inganno dai nomi di certi prodotti: “a volte credono che il salame felino sia di carne di gatto” commenta divertito. E a dar soddisfazione a Stefano è anche l'afflusso sempre crescente di clienti, che aumenta mese dopo mese: “non c'è mai stato un momento di crisi e per me questa è una conferma continua che il locale è stato studiato consapevolmente”.

I prodotti

Veniamo, dunque, ai prodotti. Come abbiamo già anticipato, uno degli ultimi panini realizzati è stato in occasione di Expo2015, costituito “da tre prodotti classici della cucina italiana: mortadella di Bonfatti, mozzarella di bufala dell'azienda Borgoluce di Treviso e pesto alla genovese senza aglio, preparato da me”. Ma Stefano è affezionato a tutti i suoi panini “perché li ho pensati e creati io” spiega “e poi valutati insieme a un gruppo di assaggio”. Fra quelli che meglio rappresentano la sua cucina però, ne segnala due: il Moro di Romagna e il Giornalista. Il primo è realizzato con prosciutto crudo di mora romagnola dell'azienda Zavoli, parmigiano reggiano biologico del caseificio Santa Rita e carciofi sottolio biologici ed è dedicato alla sua fidanzata, di origini romagnole. Il secondo, chiamato così in omaggio alla sua ex professione, è farcito da prosciutto crudo di Parma Sant'Ilario stagionato 30 mesi, ricotta di mucca, olio extravergine d'oliva aromatizzato al tartufo e rucola.

Per quanto riguarda il pane, privilegia due tipologie: “un pane ciabatta molto grande che viene preparato in modo artigianale da un panificatore locale” e un altro con lievito madre, disponibile in due versioni, con farina di grano duro oppure integrale. E a proposito di pane, a detta di Stefano “Trento è una città in cui il pane è mediamente scadente” ma, fortunatamente, esistono ancora delle realtà di qualità come quella da cui si rifornisce “basta solo cercarle”.

 

Il Posto di Ste | Trento | largo Giosuè Carducci, 55 | tel. 0461 238093 | www.facebook.com/ilpostodiste/?ref=br_rs

 

a cura di Michela Becchi

 

 

Guida Street Food 2016 del Gambero Rosso | pp. 227 | Euro 6,50 | acquistabile in edicola, libreria e on line

 

Per vedere i risultati della guida Street Food 2016 del Gambero Rosso clicca qui

 

Street Food Friuli-Venezia Giulia. Il percorso di Gabin dall'alta cucina al cibo da strada 

Street Food Sardegna. Pizza in teglia alla romana a Tempio Pausania

Street Food Liguria. La focaccia a domicilio di Strakkino

Street Food Piemonte. L'arte bianca di Perino Vesco Fornai in Torino

Street Food Veneto. La roulotte itinerante de La Osteria Chef in Viaggio

Street Food Sicilia. La rosticceria palermitana mignon de I Cuochini

Street Food Toscana. 'Ino: il gusto della semplicità con i panini di Alessandro Frassica

Street Food Puglia. Panificio Adriatico: pani e taralli pugliesi

Street Food Abruzzo. Blu Mare Le Frit C'est Chic pescheria con cucina a San Vito

Street Food Marche. Chiosco al Furlo: quarantacinque anni di tradizione e qualità

Street Food Lazio. Sapori di casa a portar via: il raviolo take away di Mariolina

Street Food Basilicata. Forno Sorelle Palese: tre generazioni di lucane a confronto 

Lo street food di Mauro Uliassi: Panino porchetta e porchetta

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition