3 Dic 2015 / 16:12

In viaggio. Roma apre le porte al Giubileo: l'itinerario della tradizione

a cura di

Tre proposte alternative alla scoperta della città Eterna che si prepara ad accogliere un nuovo Giubileo. Tre prospettive diverse per godere di una giornata all'insegna del gusto tra una visita al museo e lo sfarzo di una chiesa barocca. Cominciamo con le tavole della tradizione facendo tappa nel cuore della città papale.

In viaggio. Roma apre le porte al Giubileo: l'itinerario della tradizione

Tre proposte alternative alla scoperta della città Eterna che si prepara ad accogliere un nuovo Giubileo. Tre prospettive diverse per godere di una giornata all'insegna del gusto tra una visita al museo e lo sfarzo di una chiesa barocca. Cominciamo con le tavole della tradizione facendo tappa nel cuore della città papale.

a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery

A Roma fervono i preparativi, con qualche cantiere dislocato qua e là, per l'inaugurazione del Giubileo straordinario della misericordia indetto da Papa Francesco. L'8 dicembre verrà infatti aperta la Porta Santa nelle basiliche papali. E a cascata verrà data a ogni diocesi la facoltà di aprire una o più porte sante. Un evento che, stando alla stima della prefettura di Roma, porterà nella Capitale oltre 20 milioni di turisti e pellegrini. Noi vi proponiamo tre percorsi alternativi per godervi al meglio la Città Eterna. Si comincia con il percorso tradizionale tra la Roma barocca che celebra i fasti del papato nel corso dei secoli e i classici della cucina romana.

Colazione

Pronti, partenza, via con Ciampini. A qualsiasi ora del giorno (anche se vi consigliamo la levataccia date le moltissime cose da vedere/gustare) si possono trovare cornetti e lieviti sempre freschi, anche in versione mignon, abbinati a espressi e cappuccini di livello preparati da personale gentile e qualificato. Il che non guasta. Tra l'altro, se il clima mite della Capitale ve lo consente, approfittate dell'ampio dehors. Confortati dal sole che scalda piazza San Lorenzo in Lucina anche a dicembre e carichi di energie per la giornata che si prospetta all'orizzonte, la curiosità sarà la chiave per accedere ai segreti della Capitale.

Una breve passeggiata tra i vicoli dell'antico Campo Marzio, al sicuro dal viavai frenetico del Corso, regala sorprese inaspettate: curiosate tra le stampe dello storico mercato di largo Fontanella di Borghese, sfilate al fianco dei palazzi del potere, costeggiando l'imponente Palazzo Montecitorio, e senza negarvi uno sguardo fugace alle vetrine raggiungete di buona lena piazza di Pietra. È qui che il risultato di infinite stratificazioni edilizie si riassume nel suggestivo confronto tra l'imponenza dell'antica architettura romana – con la bella infilata di colonne del Tempio di Adriano– e l'elegante teoria di facciate settecentesche dai colori vivaci.

A qualche minuto di cammino lo scenario cambia, lasciando spazio all'esuberanza del rococò. Siamo in piazza Sant'Ignazio di Loyola, dal nome dell'omonima chiesa gesuita che si impone con la sua possente facciata barocca; ma è la quinta architettonica progettata da Filippo Raguzzini nella prima metà del Settecento la vera attrattiva di questo salotto urbano dalle linee frastagliate e sinuose, unico nel suo genere. Se il tempo non è tiranno, prima di pranzo concedetevi una passeggiata tra i corridoi della Galleria Doria Pamphilj o, se preferite, continuate il tour alla scoperta della spiritualità gesuita alla volta della chiesa del Gesù, con gli occhi all'insù per ammirarne la volta affrescata dal Baciccio, straordinario illusionista pittorico in puro stile barocco.

Pranzo

D'obbligo la sosta alla Salumeria Roscioli. Forse la migliore gastronomia capitolina, sicuramente la più famosa. E un motivo c'è: in questa bottega, l'eccellenza è di casa da sempre. Veri pionieri del gusto, con una professionalità e una bontà dell'offerta capace di fare scuola a livello nazionale, i Roscioli sono diventati nel corso dei decenni un esempio da seguire e un punto di riferimento per i clienti. Il banco dei salumi soddisfa ogni tipo di palato: ricchissimo il comparto riservato ai formaggi, superbi i sottoli e gli affumicati ittici. Il pane, fresco e di giornata, arriva dal forno di famiglia, a pochi metri, così come la gustosa pizza bianca. Qui potete fare incetta di golosi souvenir a base di salumi, formaggi, vini e raffinatezze alimentari e idee regalo diventate ormai di culto come il celebre Cacio & Pepe Kit.

Con la pancia piena e il morale alto, il tour alla scoperta di Roma riprende da un grande classico: Campo de' Fiori. La celebre piazza deve il suo toponimo al prato fiorito precedente alla risistemazione quattrocentesca dello spazio, ed è vivacizzata ogni giorno da un mercato turistico, ma pur sempre suggestivo, che si raccoglie intorno alla statua di Giordano Bruno. Vivamente consigliata una veloce deviazione, che – passando davanti all'imponente Palazzo Farnese – vi condurrà nel cortile di Palazzo Spada, per un nuovo confronto con i “giochi di prestigio” tanto cari alla cultura barocca. E non provate a scommettere sulla reale lunghezza della Prospettiva che Francesco Borromini progettò per la delizia del cardinal Spada e dei suoi ospiti illustri: perdereste la sfida! In direzione piazza Navona, un'ultima imperdibile tappa – la chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza, dall'inconfondibile lanterna elicoidale - conferma il talento dell'architetto ticinese, che alla metà del Seicento arrivò in città al servizio di pontefici celebri e capricciosi.

Merenda

Per soddisfare il languorino pomeridiano recatevi da Vivi Bistrot, proprio in piazza Navona. Magari andateci per godere del Tea Time, dalle 15.30 circa, quando nella sala interna del bistrot, addobbata e illuminata a candele, ci si riscalda con un rigenerante thè Mariage Frerès accompagnato da biscotti o dai famosi scones fatti in casa. Usciti da Palazzo Braschi, che ospita il bistrot, guardarsi intorno è d'obbligo. Nel cuore di uno dei salotti a cielo aperto più celebri nel mondo, piazza Navona, non potrete fare a meno di girare intorno alla Fontana dei Fiumi del Bernini, composizione plastica impeccabile e ricordare la leggenda di una competizione passata alla storia con il collega avversario Borromini, architetto della prospiciente chiesa di Sant'Agnese in Agone, “derisa” dalle statue del Nilo e del Rio della Plata. E se a guidarvi è ancora la voglia di scoprire la Roma più spirituale, perdetevi tra i vicoli per spuntare sulla vostra personale carta del pellegrino due chicche fuori dalle rotte turistiche: la chiesa di Santa Maria dell'Anima e quella di Santa Maria della Pace (che nasconde una Sibilla affrescata da Raffaello). Intorno le botteghe antiquarie di via dei Coronari, ricche di fascino.

Cena e dopocena nel cuore di Roma

Sono molte le alternative per la cena: o si va di pizza, classica tonda romana, sottile, scrocchiarella e dal cornicione basso, nella pizzeria Emma oppure si opta per una cena veracemente romana da Armando al Pantheon. In ogni caso, si cade in piedi. Da Emma la pizza rispetta a puntino le caratteristiche della tradizione capitolina, con un'attenzione maniacale alla materia prima. Nella storica insegna a gestione familiare, Armando al Pantheon, troverete i sapori romani di una volta, con una serie di zuppe, tra cui la gustosa pasta spezzata con broccoli e arzilla, e gli immancabili primi come amatriciana, carbonara, gricia e cacio e pepe. E ancora, saltimbocca, bollito alla picchiapò, carciofi romaneschi o parmigiana di melanzane. Ovviamente dovete prenotare e se arrivate in anticipo allungatevi in piazza San Luigi dei Francesi, varcate la soglia della chiesa omonima e ritagliate 5 minuti del vostro tempo in contemplazione del celeberrimo trittico caravaggesco della Cappella Contarelli. Dopo cena sarà il momento ideale per ammirare il Pantheon in tutta la sua maestosità: la piazza si svuota, le luci si accendono, il silenzio è interrotto solo dall'acqua della fontana che zampilla nella vasca di marmo.

Da qui, per il dopocena, il nostro consiglio è quello di andare a farvi un (Il) cocktail da Jerry Thomas. È necessario però rispettare alcune regole: ricordatevi di prenotare, è obbligatorio, scoprite qual è la parola d’ordine, munitevi di contanti, perché qui non si accettano carte, ricordatevi di non chiedere cocktail a base di vodka (qui non si serve). Tante regole, ben ricompensate: una volta varcata la soglia del portoncino di vicolo Cellini scoprirete un locale di grande fascino, che vi farà vivere l’atmosfera dei bar clandestini, gli speakeasy della New York degli anni ’20. Cocktail a regola d'arte.

Cena e dopocena sull'altra sponda del Tevere: Prati

Se invece preferite esplorare l'altra sponda del Tevere, andate a cena da Velavevodetto ai Quiriti. Nel locale di Flavio De Maio la cucina romana la fa da padrona, nel rispetto della tradizione e del legame profondo con la Città Eterna. Grandi classici, a partire da carbonara, pajata e cacio e pepe, ma anche proposte stagionali. Non andatevene senza aver prima assaggiato le loro polpette di bollito e i carciofi alla giudia. A seguire un cocktail da Chorus è d'obbligo. Prima di tutto perché Massimo D'Addezio è un barman di fama internazionale con uno stile, il suo, impeccabile. Poi perché il locale è meraviglioso e affaccia, quasi, su San Pietro. E non c'è modo migliore che concludere il vostro tour nella notte illuminata dal Cupolone (e dal grande albero di Natale che ogni anno, l'8 dicembre, fa capolino in piazza San Pietro) e dalla fortezza di Castel Sant'Angelo, che vegliano sulla città.

LA MAPPA PER ORIENTARSI

 

 

Ciampini | Piazza San Lorenzo in Lucina, 29 | tel. 06 6876606 | www.ciampini.com

Salumeria Roscioli | via dei Giubbonari, 21 | tel. 06 6875287 | www.salumeriaroscioli.com

Vivi Bistrot | Piazza Navona, 2 | tel. 06 5827540 | www.vivibistrot.com

Pizzeria Emma | via Monte della Farina, 28 | tel. 06 64760475 | www.emmapizzeria.com

Armando al Pantheon | salita de' Crescenzi, 31 | tel. 06 68803034 | www.armandoalpantheon.it

Jerry Thomas | via Cellini, 30 | tel. 06 96845937 | www.thejerrythomasproject.it

Velavevodetto ai Quiriti | Piazza dei Quiriti, 5 | tel. 06 36000009 | www.ristorantevelavevodetto.it

Chorus | via della Conciliazione, 4 | tel. 06 68892774 | www.choruscafe.it


a cura di Livia Montagnoli e Annalisa Zordan

Ph: www.albertoblasetti.com

 

Per leggere In viaggio. Piccole delizie di Puglia in provincia di Bari clicca qui

Per leggere In viaggio. Ticino. Il sapore della natura, per Costituzione clicca qui 

Per leggere In viaggio. Amsterdam tra street food e degustazioni di Gouda clicca qui

Per leggere In viaggio. Puglia, autunno tra gli ulivi clicca qui

Per leggere In viaggio. Il nuovo volto di Riga che riscopre la sua identità clicca qui

Per leggere In viaggio. Colombia: la cucina mas rica del mondo clicca qui

Per leggere In viaggio. Imperdibile Göteborg clicca qui

Per leggere In viaggio. Mantova, non solo sbrisolona e tortelli clicca qui

Per leggere In viaggio. Aosta, 48 ore sulla cima del gusto clicca qui

Per leggere In viaggio. Umbria mistica tra olivi e vigne sulle Strade del Cantico clicca qui

Per leggere In viaggio. Gansu, la Cina dei monaci: spiritualità e sapori nel segno del Budda clicca qui

Per leggere In viaggio. Venezia: mangiare sulle isole per la Mostra del Cinema clicca qui

Per leggere In viaggio. Gallura, la Sardegna tra mare e cantine clicca qui

Per leggere In viaggio. Cicladi, il blu dell’Egeo e il verde degli orti clicca qui

Per leggere In viaggio. La costa dei trabocchi: l'Abruzzo che non ti aspetticlicca qui

Per leggere In viaggio. Il Val di Noto, tra barocco e tradizioni gastronomiche clicca qui

Per leggere In viaggio. Alla scoperta di Conegliano tra vini, formaggi e panorami da sogno clicca qui

Per leggere In viaggio. Cipro. L’isola dal sapore di fiaba clicca qui 

Per leggere In viaggio. 48 ore (ma anche di più) a Firenze. I consigli golosi di Leonardo Romanelli clicca qui

Per leggere In viaggio. Dolomiti Friulane: coltelli, selvaggina e salumi arcaici clicca qui 

Per leggere In viaggio. Genova, 48 ore nella città della Lanterna clicca qui

Per leggere In viaggio. Yorkshire, l'Inghilterra più foodie clicca qui

Per leggere In viaggio. Etna, Il sale del vulcano, il dolce del sole clicca qui

Per leggere In viaggio. Giro della Sicilia in 4 microbirrifici clicca qui

Per leggere In viaggio. Modena, ieri, oggi e domaniclicca qui

Per leggere In viaggio. Germania del Nord, sulle rotte della Lega Anseatica clicca qui

Per leggere In viaggio. Alla scoperta della Liguria di Ponente clicca qui

Per leggere In viaggio. Fusion madrileno: la new wave gastronomica ispano-asiatica in 4 indirizzi clicca qui
Per leggere In viaggio. Paesi Baschi vol. 2: tour alla scoperta dei pintxos di Bilbao clicca qui

Per leggere In viaggio. Cilento: terra di bufale, formaggi e dolci golosi clicca qui

Per leggere In viaggio. La Piccola Polonia da Cracovia ai Carpazi clicca qui

Per leggere In viaggio Dall'Appennino all'Adriatico nella Marca Fermana clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Verona nei giorni del Vinitaly clicca qui

Per leggere In viaggio. Ginevra: verso l'Expo a passi ecosostenibili clicca qui

Per leggere In viaggio. Riga, la nuova cucina lettone clicca qui

Per leggere In viaggio. Agnone, nel paese delle campane tra soste golose e passeggiate nella natura clicca qui

Per leggere In viaggio. Sicilia d'inverno: nuovi locali e vecchie trattorie clicca qui

Per leggere In viaggio. Firenze: le belle arti… del quinto quarto clicca qui

Per leggere In viaggio. Bruges & Anversa: cioccolato, birra e la cucina dei Primitivi Fiamminghi clicca qui

Per leggere In viaggio. A Vienna per i 150 del Ring, tra caffè e giovani chef clicca qui

Per leggere In viaggio. Sapori di confine da Trieste al Carso clicca qui

Per leggere In viaggio. Cuba: racconto di una serata alcolica sulle tracce di Hemingway a la Habana clicca qui

Per leggere In viaggio. Paesi Baschi: tour alla scoperta dei pintxos di San Sebastian clicca qui

Per leggere In viaggio. Pantelleria. Alla scoperta della Figlia del Vento clicca qui

Per leggere In viaggio. Soave: a spasso tra vigneti e grandi tavole clicca qui

Per leggere In viaggio. La Piana di Sibari e i sapori del Pollino clicca qui

Per leggere In viaggio. Venezia: autunno in laguna clicca qui

Per leggere In viaggio. La Cina. Seconda tappa: Pechino e Shanghai clicca qui

Per leggere In viaggio. La Cina. Prima tappa: Xi’an, la capitale antica clicca qui

Per leggere In viaggio. Torino, il Salone del Gusto, la Reggia di Venaria clicca qui

Per leggere In viaggio. Il Frusinate: tesori d'Appennino clicca qui

Per leggere In viaggio. Val Tidone, quei sapori tra le vigne clicca qui

Per leggere In viaggio. Cadore: i sapori delle Dolomiti clicca qui

Per leggere In viaggio. Cosa porta con sé la Scozia se vota per l’indipendenza? Angus, whisky e ostriche clicca qui

Per leggere In viaggio. Conero da cima a fondo. Le sorprese delle Marche e della costa Adriatica clicca qui

Per leggere In viaggio. Il Sulcis Iglesiente, Carloforte e Sant'Antioco: la Sardegna tra mare e terra clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiareinLanghe, Roero e Monferrato. Consiglia Davide Palluda clicca qui

Per leggere In viaggio. In Salento tra panorami marini, vigneti, olivi secolari e arte barocca clicca qui

Per leggere In viaggio. A Genova e dintorni per scoprire i profumi e i colori di una terra stretta fra monti e mare clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiareinCosta Azzurra. Indirizzi golosi tra la Francia e l'Italia suggeriti da Mauro Colagreco clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiareinIstria. Itinerario goloso tra negozi e ristoranti suggeriti da Ana Roš clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Formentera clicca qui

Per leggere In viaggio nel Pollino, il parco dei tesori clicca qui

Per leggere In viaggio da Trapani a Erice. Sale, aglio e genovese clicca qui

Per leggere In viaggio tra sassi e mare alla scoperta della provincia di Matera clicca qui

Per leggere In viaggio nella Penisola Sorrentina: oltre al mare c’è di più clicca qui

Per leggere nel cuore di Perugia. Indirizzi foodies e musica jazz clicca qui

Per leggere In Istria alla ricerca di sapori tra Croazia e Slovenia clicca qui

Per leggere In viaggio verso Foggia e la Daunia clicca qui

Per leggere In viaggio in Portogallo tra Porto e baccalà clicca qui

Per leggere In viaggio. InTrentino tra sapori di malga clicca qui

Per leggere In viaggio. Sulle strade della mozzarella clicca qui

Per leggere In viaggio nel Gran Paradiso tra fontina e ghiacciai clicca qui

Per leggere In viaggio.In Alsazia tra Reseling e foie gras clicca qui

Per leggere Piceno in tour alla scoperta di pecorino e olive ascolane clicca qui

Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 1. Castel di Tusa, Palermo e Regale ali di Tasca clicca qui

Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 2. Da Agrigento a Trapani passando per Marsala e la valle dei templi clicca qui

Per leggere Castellammare, Gragnano, Agerola, Furore, Amalfi. Storie, sapori e testimonianze dell'altra costiera clicca qui

Per leggere Molise panorami e sapori di una regione da scoprire clicca qui

Per leggere alla scoperta di una Puglia insolita clicca qui

Per leggere Vulture in tour un viaggio tra cantine e paesaggi straordinari clicca qui

 

 

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition