17 Dic 2015 / 16:12

In viaggio. Ancora Roma per il Giubileo, in versione street food

a cura di

Trascorrere una sola giornata in giro per una città ricca di attrazioni come Roma è difficile. Perché il tempo sembra non bastare mai. E allora uno spuntino veloce, ma di qualità, viene incontro alle necessità dei viaggiatori più esigenti: ecco il nostro tour all'insegna di street food e street art. 

In viaggio. Ancora Roma per il Giubileo, in versione street food

Trascorrere una sola giornata in giro per una città ricca di attrazioni come Roma è difficile. Perché il tempo sembra non bastare mai. E allora uno spuntino veloce, ma di qualità, viene incontro alle necessità dei viaggiatori più esigenti: ecco il nostro tour all'insegna di street food e street art. 

a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery

L'ultimo percorso alla scoperta della Roma del Giubileo è all'insegna dello street, che si tratti di art o food (anche se nell'accezione ampia del termine).

Colazione

La suddivisione dei pasti quando si parla di street food può risultare inutile, ciò nonostante, per comodità, noi ve la proponiamo. Poi ognuno saprà regolarsi. Per la colazione affidatevi alle delizie da forno di Boccione, negli anni diventato sì meta di pellegrinaggi, ma golosi. A fare da richiamo (l'insegna vera e propria non c'è) la coloratissima vetrina e la fila che si crea davanti alla porta. Vi consigliamo di visitarlo di prima mattina, altrimenti è forte il rischio di non trovare la buonissima torta di ricotta (con le visciole o il cioccolato), un vero marchio di fabbrica di questa storica attività. Una volta recuperato il dolce bottino, alzate lo sguardo e guardatevi intorno: il Ghetto è uno dei quartieri più belli della Capitale.

Perdersi tra le vie dell'antica cittadella giudaica – che mantiene intatta la sua forte identità culturale, raccolta com’è intorno all'imponente Sinagoga di Roma – è un'esperienza coinvolgente da sposare dimenticando l'orologio, alla ricerca di angoli nascosti, scorci da scoprire, vecchie botteghe di quartiere. Il nostro consiglio però non può che spingervi verso il celeberrimo Portico d'Ottavia, quel che resta di un complesso monumentale dell'Antica Roma, testimonianza della gloria del passato, indenne allo scorrere del tempo nonostante l’evidente stratificazione edilizia (se girate l'angolo troverete la piccola chiesa medievale di Sant'Angelo in Pescheria). Poi, con una veloce passeggiata tra secoli di storia, capitelli corinzi e fusti di colonne vi ritroverete al cospetto del Teatro di Marcello, pronti per proseguire il vostro tour.

Pranzo

Tante le alternative per il pranzo. Se siete in compagnia, andate al Mercato di Testaccio.Quiognuno troverà pane per i suoi denti. Oltre a essere uno dei più famosi e forniti mercati rionali cittadini, quello di Testaccio offre infatti numerose alternative per un pranzo veloce. Da Mordi e Vai di Sergio Esposito, con panini all'allesso di scottona, picchiapò o le famose polpette di bollito, a Le Mani in Pasta di Alessandro Proietti, per un piatto di pasta fresca. Da Zoé, osteria vegetariana con menu a base di frutta e verdura, a In Cibo Veritas, take away per celiaci. E da pochissimo è arrivato anche il team di Romeo (anche in versione Cups e Frigo). Altra tappa obbligatoria è Trapizzino, dove la tradizione della cucina romana entra perfettamente all'interno di un mezzo quadrato di focaccia, l'ormai celebre trapizzino. Una delizia a portar via da addentare con gusto incamminandosi verso nuove mete da scoprire, in un quartiere dalla vocazione popolare che custodisce gelosamente il legame con il passato - prenotare un tour per inerpicarvi sul Monte (artificiale) dei Cocci, traccia della vivace attività commerciale lungo il Tevere in epoca romana, con milioni di anfore olearie oggi ridotte in frammenti – ma sa anche guardare al futuro. Un esempio che non potrete fare a meno di notare proprio uscendo dal mercato? Il grande lupo dello street artist belga Roa, che campeggia sulla facciata di un palazzo lì accanto. Solo il primo di una serie di capolavori di strada che incontrerete sul vostro percorso.

Se invece preferiste immergervi in un'atmosfera senza tempo, poco più in là c'è un angolo di Roma nascosto ai piedi della Piramide Cestia; districarsi tra lapidi e statue del Cimitero Acattolico sarà come perdersi in un'oasi di tranquillità, tutt'altro che funesta. E poi i personaggi importanti che riposano in questo spazio del libero pensiero sono davvero molti, dai poeti inglesi Keats and Shelley a Gramsci. Divertitevi voi a scoprire gli altri, tra un gatto e l'altro. Sì perché qui c'è una vera e propria colonia di simpatici felini.

 

Se invece siete amanti del fritto non potere negarvi una pausa pranzo da Supplizio. Un nome, un programma. L’idea nasce dall'amore di Arcangelo Dandini per i supplì e dal suo desiderio di aprire una friggitoria romana. Sogno avverato, per la gioia di tutti gli amanti di queste golosissime sfere di riso dalla forma allungata, proposte in versione classica o con rigaglie di pollo, secondo un’antica ricetta romanesca. Provate anche le crocchette di patate affumicate e il croccante filetto di baccalà. Tra l’altro l’accogliente bottega di Arcangelo si trova proprio nel cuore della Roma più suggestiva, là dove si incontrano strade celebri del passeggio cittadino: via Giulia, via dei Banchi Vecchi, via del Pellegrino. Se è vero che l’arte in città si nasconde dietro ogni angolo (e non è forse anche questo il senso dell’arte di strada che è alla portata di tutti?), vi consigliamo di percorrere via Giulia fino a raggiungere la splendida chiesa di San Giovanni dei Fiorentini (con lo zampino di tanti celebri architetti, da Sangallo a Maderno), oppure, attraversato il corso Vittorio Emanuele II, dirigervi verso l’entrata della cosiddetta “chiesa nuova” dedicata a Santa Maria in Vallicella e legata al culto di San Filippo Neri. Un edificio monumentale che ha tanti pregi (per esempio nasconde nell’oratorio adiacente una bellissima biblioteca seicentesca, con scaffalature in legno e preziosi manoscritti e incunaboli), tra cui per esempio tre bei dipinti di Rubens su lavagna e, per tornare in tema religioso, una delle immagini miracolose della Madonna custodite in città.

Merenda

Via Urbana, nel suggestivo quartiere Monti, svolta la merenda. Lungo questa via si possono trovare il panino gourmet, la rosetta declinata in mille farciture, un'ottima cioccolata calda da passeggio o una depurante centrifuga. In ordine di civico abbiamo: Zia Rosetta, dove il simbolo per eccellenza dell'arte bianca romana si farcisce con ingredienti di qualità, abbinati con gusto e fantasia. Qualche esempio? Porchetta e senape; Pollo al curry con uvetta e mandorle; Crudo, Parmigiano croccante, melanzane grigliate; Frittata di zucchine, caprino, pomodori confit, menta e timo. Anche in versione mignon.

Tricolore,un piccolo e accogliente locale dove Veronica Paolillo propone una cucina ricercata in versione panino. Le ricette cambiano di frequente in base alla stagione e alla fantasia della chef, ma vale la pena citarne alcune: Polpo, patate e olio; Lattarini e salsa tartara; Pane al nero di seppia con salsiccia di tonno e alghe wakame; Maritozzo di segale con granita di cipolle rosse, ostrica e alga nori. E ancora Grezzo,doveNicola Salvi e Vito Cortese diffondono i valori della cucina crudista applicati alla pasticceria e nello specifico al cioccolato. Tutto è senza zucchero, latte, uova e grassi di origine animale. Infine Aromaticus, con centrifugati o succhi di frutta biologici. Ottima tappa anche per un pranzo veloce all'insegna di insalate di cereali, ortaggi e frutta, battute di carne o carpacci di pesce.

Passeggiare per il saliscendi del rione Monti è già di per sé un bel premio per chi è in cerca di scorci pittoreschi; ma potendovi ritagliare uno spicchio di pomeriggio prima del tramonto seguite la vostra mappa fino al muro della Suburra, che un tempo separava i quartieri popolari dagli edifici di rappresentanza dei Fori. Costeggiate i possenti blocchi di tufo e intrufolatevi oltre il cancello che sbarra la strada (aperto fino al calar del sole).Una moderna passerella vi garantirà una vista privilegiata sui Mercati Traianei. Altrimenti, sulle tracce del mito di Michelangelo, scegliete la scalinata che sale verso San Pietro in Vincoli, dov’è custodito il Mosè dell’artista fiorentino.

Aperitivo e cena a Trastevere

Adiacente alla brulicante Piazza Trilussa c'è Trastevere kmZero dove poter fare acquisti gourmet: qui trovate frutta e verdura provenienti da aziende biologiche, oli extravergine, succhi, conserve, marmellate, snack, sottoli, legumi, uova bio, vini e birre artigianali regionali e molto altro. E ancora formaggi e affettati di provenienza laziale. Fermatevi anche per l'aperitivo con birre del Borgo alla spina, una selezione di etichette niente male e taglieri di salumi e formaggi. Per recuperare appetito prima della cena, potreste raggiungere la chiesa di Santa Maria in Trastevere, per scoprire un’altra icona della Madonna particolarmente venerata dai romani dei secoli che furono.

Poi andate dritti da Pianostrada, dove quattro donne (Paola, Chiara, Alice e Flaminia) hanno dato vita a uno dei locali più gettonati di Trastevere. Qui potete scegliere tra una buona focaccia con burrata, menta e pomodorini secchi, il baccaburger, un soffice panino nero al nero di seppia con hamburger di baccalà, qualche piatto espresso come le orecchiette con cime di rapa, pinoli tostati, olive taggiasche e pecorino.

Cena e aperitivo tra Ostiense e Celio

Se preferite spostarvi in “periferia”, in via Ostiense c'è una new entry che vale il viaggio: Banco. La proposta viaggia tra burger, sandwich, roll, nugget, e sundae, tutto ben calibrato, realizzato con ingredienti di qualità, frutto di ricette elaborate in diretta dal team affiatato di giovani chef che lavora dietro al bancone. Evviva dunque il fast good.

E se siete arrivati fin qui non perdete un tour della street art degno delle migliori capitali internazionali. Nel giro di qualche anno, dove prima regnava il degrado, i muri degli edifici intorno a via del Porto Fluviale si sono trasformati in un museo a cielo aperto che trova il suo pezzo di punta nell’opera di Blu, italiano di Senigallia conosciuto in tutto il mondo. Qui, l’artista ha letteralmente ricoperto di curiosi volti colorati l’ex caserma del Fronte del Porto. Qualche altro murales da scoprire? La Wall of Fame di JB Rock, il Nuotatore di Iacurci, il lavoro in bianco e nero del brasiliano Herbert Bagliore.

Dopo cena ci si sposta per un cocktail da Caffè Propaganda, dove, scenografico, troneggia all'ingresso il grande bancone, regno del bere miscelato e del barman Patrick Pistolesi. Il Propaganda è proprio lo spazio ideale per una lenta pausa di lusso, con un cocktail di qualità, un vino scelto da una selezione di etichette incentrata su biodinamici e naturali, o distillati e superalcolici da intenditori.

 

Questi i nostri suggerimenti. Ovviamente se non siete soddisfatti date un'occhiata alla guida Roma 2016 del Gambero Rosso.

 

Boccione | Roma | via del Portico d'Ottavia, 1 | tel. 06 6878637

Trapizzino | Roma | via G. Branca, 88 | tel. 06 43419624 | www.trapizzino.it

Mercato di Testaccio | Roma | Piazza Testaccio | www.mercatotestaccio.com

Supplizio | Roma | via dei Banchi Vecchi, 143 | tel. 06 87784704 | www.supplizio.net

Zia Rosetta | Roma | via Urbana, 54 | tel. 06 31052516 | www.ziarosetta.com

Tricolore | Roma | via Urbana, 126 | tel. 06 88976898 | www.tricolorepanini.com

Grezzo | Roma | via Urbana, 130 | tel. 06 483443 | www.grezzoitalia.it

Aromaticus | Roma | via Urbana, 134 | tel. 06 4881355 | www.aromaticus.it

Trastevere kmZero | Roma | via del Cinque, 30a | tel. 06 5818912 | https://www.facebook.com/tastevere.kmzero

Pianostrada | Roma | vicolo del Cedro, 26 | tel. 06 95215045 | http://pianostrada.com/

Banco | Roma | via Ostiense, 40a | tel. 06 57300959 | www.bancofastfood.com

Caffè Propaganda | Roma | via Claudia, 15 | tel. 06 94534255 | www.caffepropaganda.it

 

a cura d Livia Montagnoli e Annalisa Zordan

Foto di apertura: http://www.albertoblasetti.com/ 

 

Per leggere In viaggio. Roma al tempo del Giubileo, vol. 2: cucina creativa ed estro artistico clicca qui

Per leggere In viaggio. Roma apre le porte al Giubileo: l'itinerario della tradizione clicca qui

Per leggere In viaggio. Piccole delizie di Puglia in provincia di Bari clicca qui

Per leggere In viaggio. Ticino. Il sapore della natura, per Costituzione clicca qui 

Per leggere In viaggio. Amsterdam tra street food e degustazioni di Gouda clicca qui

Per leggere In viaggio. Puglia, autunno tra gli ulivi clicca qui

Per leggere In viaggio. Il nuovo volto di Riga che riscopre la sua identità clicca qui

Per leggere In viaggio. Colombia: la cucina mas rica del mondo clicca qui

Per leggere In viaggio. Imperdibile Göteborg clicca qui

Per leggere In viaggio. Mantova, non solo sbrisolona e tortelli clicca qui

Per leggere In viaggio. Aosta, 48 ore sulla cima del gusto clicca qui

Per leggere In viaggio. Umbria mistica tra olivi e vigne sulle Strade del Cantico clicca qui

Per leggere In viaggio. Gansu, la Cina dei monaci: spiritualità e sapori nel segno del Budda clicca qui

Per leggere In viaggio. Venezia: mangiare sulle isole per la Mostra del Cinema clicca qui

Per leggere In viaggio. Gallura, la Sardegna tra mare e cantine clicca qui

Per leggere In viaggio. Cicladi, il blu dell’Egeo e il verde degli orti clicca qui

Per leggere In viaggio. La costa dei trabocchi: l'Abruzzo che non ti aspetticlicca qui

Per leggere In viaggio. Il Val di Noto, tra barocco e tradizioni gastronomiche clicca qui

Per leggere In viaggio. Alla scoperta di Conegliano tra vini, formaggi e panorami da sogno clicca qui

Per leggere In viaggio. Cipro. L’isola dal sapore di fiaba clicca qui 

Per leggere In viaggio. 48 ore (ma anche di più) a Firenze. I consigli golosi di Leonardo Romanelli clicca qui

Per leggere In viaggio. Dolomiti Friulane: coltelli, selvaggina e salumi arcaici clicca qui 

Per leggere In viaggio. Genova, 48 ore nella città della Lanterna clicca qui

Per leggere In viaggio. Yorkshire, l'Inghilterra più foodie clicca qui

Per leggere In viaggio. Etna, Il sale del vulcano, il dolce del sole clicca qui

Per leggere In viaggio. Giro della Sicilia in 4 microbirrifici clicca qui

Per leggere In viaggio. Modena, ieri, oggi e domaniclicca qui

Per leggere In viaggio. Germania del Nord, sulle rotte della Lega Anseatica clicca qui

Per leggere In viaggio. Alla scoperta della Liguria di Ponente clicca qui

Per leggere In viaggio. Fusion madrileno: la new wave gastronomica ispano-asiatica in 4 indirizzi clicca qui
Per leggere In viaggio. Paesi Baschi vol. 2: tour alla scoperta dei pintxos di Bilbao clicca qui

Per leggere In viaggio. Cilento: terra di bufale, formaggi e dolci golosi clicca qui

Per leggere In viaggio. La Piccola Polonia da Cracovia ai Carpazi clicca qui

Per leggere In viaggio Dall'Appennino all'Adriatico nella Marca Fermana clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Verona nei giorni del Vinitaly clicca qui

Per leggere In viaggio. Ginevra: verso l'Expo a passi ecosostenibili clicca qui

Per leggere In viaggio. Riga, la nuova cucina lettone clicca qui

Per leggere In viaggio. Agnone, nel paese delle campane tra soste golose e passeggiate nella natura clicca qui

Per leggere In viaggio. Sicilia d'inverno: nuovi locali e vecchie trattorie clicca qui

Per leggere In viaggio. Firenze: le belle arti… del quinto quarto clicca qui

Per leggere In viaggio. Bruges & Anversa: cioccolato, birra e la cucina dei Primitivi Fiamminghi clicca qui

Per leggere In viaggio. A Vienna per i 150 del Ring, tra caffè e giovani chef clicca qui

Per leggere In viaggio. Sapori di confine da Trieste al Carso clicca qui

Per leggere In viaggio. Cuba: racconto di una serata alcolica sulle tracce di Hemingway a la Habana clicca qui

Per leggere In viaggio. Paesi Baschi: tour alla scoperta dei pintxos di San Sebastian clicca qui

Per leggere In viaggio. Pantelleria. Alla scoperta della Figlia del Vento clicca qui

Per leggere In viaggio. Soave: a spasso tra vigneti e grandi tavole clicca qui

Per leggere In viaggio. La Piana di Sibari e i sapori del Pollino clicca qui

Per leggere In viaggio. Venezia: autunno in laguna clicca qui

Per leggere In viaggio. La Cina. Seconda tappa: Pechino e Shanghai clicca qui

Per leggere In viaggio. La Cina. Prima tappa: Xi’an, la capitale antica clicca qui

Per leggere In viaggio. Torino, il Salone del Gusto, la Reggia di Venaria clicca qui

Per leggere In viaggio. Il Frusinate: tesori d'Appennino clicca qui

Per leggere In viaggio. Val Tidone, quei sapori tra le vigne clicca qui

Per leggere In viaggio. Cadore: i sapori delle Dolomiti clicca qui

Per leggere In viaggio. Cosa porta con sé la Scozia se vota per l’indipendenza? Angus, whisky e ostriche clicca qui

Per leggere In viaggio. Conero da cima a fondo. Le sorprese delle Marche e della costa Adriatica clicca qui

Per leggere In viaggio. Il Sulcis Iglesiente, Carloforte e Sant'Antioco: la Sardegna tra mare e terra clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiareinLanghe, Roero e Monferrato. Consiglia Davide Palluda clicca qui

Per leggere In viaggio. In Salento tra panorami marini, vigneti, olivi secolari e arte barocca clicca qui

Per leggere In viaggio. A Genova e dintorni per scoprire i profumi e i colori di una terra stretta fra monti e mare clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiareinCosta Azzurra. Indirizzi golosi tra la Francia e l'Italia suggeriti da Mauro Colagreco clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiareinIstria. Itinerario goloso tra negozi e ristoranti suggeriti da Ana Roš clicca qui

Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Formentera clicca qui

Per leggere In viaggio nel Pollino, il parco dei tesori clicca qui

Per leggere In viaggio da Trapani a Erice. Sale, aglio e genovese clicca qui

Per leggere In viaggio tra sassi e mare alla scoperta della provincia di Matera clicca qui

Per leggere In viaggio nella Penisola Sorrentina: oltre al mare c’è di più clicca qui

Per leggere nel cuore di Perugia. Indirizzi foodies e musica jazz clicca qui

Per leggere In Istria alla ricerca di sapori tra Croazia e Slovenia clicca qui

Per leggere In viaggio verso Foggia e la Daunia clicca qui

Per leggere In viaggio in Portogallo tra Porto e baccalà clicca qui

Per leggere In viaggio. InTrentino tra sapori di malga clicca qui

Per leggere In viaggio. Sulle strade della mozzarella clicca qui

Per leggere In viaggio nel Gran Paradiso tra fontina e ghiacciai clicca qui

Per leggere In viaggio.In Alsazia tra Reseling e foie gras clicca qui

Per leggere Piceno in tour alla scoperta di pecorino e olive ascolane clicca qui

Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 1. Castel di Tusa, Palermo e Regale ali di Tasca clicca qui

Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 2. Da Agrigento a Trapani passando per Marsala e la valle dei templi clicca qui

Per leggere Castellammare, Gragnano, Agerola, Furore, Amalfi. Storie, sapori e testimonianze dell'altra costiera clicca qui

Per leggere Molise panorami e sapori di una regione da scoprire clicca qui

Per leggere alla scoperta di una Puglia insolita clicca qui

Per leggere Vulture in tour un viaggio tra cantine e paesaggi straordinari clicca qui

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Gambero Rosso Channel

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition