1 Feb 2016 / 18:02

Grandi Salumi d'Italia. Stefanoni: il regno della susianella di Viterbo

a cura di

Alla scoperta di un salume raro e arcaico: è la susianella di Viterbo, preparato con frattaglie e spezie. Tra le migliori ci sono quelle della famiglia Sefanoni.

Grandi Salumi d'Italia. Stefanoni: il regno della susianella di Viterbo

Alla scoperta di un salume raro e arcaico: è la susianella di Viterbo, preparato con frattaglie e spezie. Tra le migliori ci sono quelle della famiglia Sefanoni.

a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery

È un antico insaccato viterbese, di origine etrusca e dalla tradizionale forma a ferro di cavallo, a base di frattaglie, finocchio selvatico e spezie. I fratelli Stefanoni, tra le pochissime realtà norcine che lo realizzano, nonché referenti del Presidio Slow Food dedicato, lo producono a ciclo chiuso nella propria azienda agricola e secondo l'antica ricetta.

 

Un salume storico

La susianella di Viterbo è un salume perfetto per accogliere la stagione fredda. Un insaccato territoriale e di origini antichissime (pare risalga addirittura agli Etruschi), famoso tra l'XI e il XV secolo quando si è diffusa la lavorazione delle frattaglie. Ed è proprio l'impiego delle frattaglie la sua particolarità, oltre alla tradizionale forma a ferro di cavallo, o a ciambella, e a una concia ricca di spezie, che conferisce al naso e al palato note complesse di selvatico e sottobosco negli esemplari con una maggiore stagionatura, che può arrivare fino ai 6 mesi.

 

I fratelli Stefanoni

Tra i pochi produttori che ancora la realizzano, in tutto tre piccoli laboratori della Tuscia, c'è la famiglia Stefanoni, il principale punto di riferimento di questo salume tutelato da un Presidio Slow Food, di cui la nostra realtà norcina è referente. I fratelli Mauro, Massimo e Piero Stefanoni preparano la susianella con cuore, fegato, pancreas, più pancetta, guanciale e rifilature di carni di maiale, tutto macinato non troppo finemente, condito con sale, pepe, peperoncino, finocchio selvatico e spezie “segrete”, insaccato nel budello naturale di suino e legato a mano.

Della susianella, come di tutti i salumi prodotti, gli Stefanoni curano l'intera filiera, dall'allevamento dei maiali (con un centinaio di scrofe fattrici) alla coltivazione del foraggio per l'alimentazione dei suini (orzo e mais no ogm, che compongono il pastone insieme a cruscello, farinaccio e soia), alla trasformazione e alla vendita nella macelleria di famiglia. Le carni utilizzate sono di suini pesanti, macellati quando hanno raggiunto tra i 150-160 chili, e a pochi chilometri dall'allevamento. Dopo una breve asciugatura, la susianella viene stagionata in modo naturale in locali arieggiati dai 20 giorni ai 6 mesi.

 

La susianella

Colore dal rosa cupo nell'insaccato giovane al marrone negli esemplari stagionati a lungo, emana un profumo che richiama il finocchietto selvatico e le interiora, in particolare il fegato, con note ematiche non invadenti, equilibrate da sentori di vino e spezie. Al palato si presenta con intensità e una buona persistenza, arricchita da una sapidità ben dosata, delicate note ferrose e una buona pulizia nel finale.Stagionata 6 mesi raggiunge la compattezza ottimale, profumi e sensazioni in bocca decisi e complessi, con richiami al cioccolato e al sottobosco, e un retrogusto piccante.

 

Gli altri salumi

Accanto alla susianella, il fiore all'occhiello Stefanoni, vengono prodotti il salame di magro di prosciutto tagliato a punta di coltello, il guanciale stagionato, una finocchiona personalizzata, il salame del contadino, speziato e profumato, le salsicce classiche sale e pepe e quelle aromatizzate (al finocchio, al fungo porcino, al tartufo, al peperoncino), il prosciutto senz'osso ma fatto in modo tradizionale, stagionato 10-12 mesi, con al naso e al palato complessità, intensità e una varietà di sentori ben distinti di nocciole, agrumi e sale molto diretti ma ben equilibrati tra loro.Recentemente sono entrati in produzione anche la “frusta” (salsiccia lunga tipo lucanica fatta con magro di prosciutto macinato a grana fine, condita con sale e pepe) e la sella (lombo con attaccato il lardo di schiena del suino). Dagli allevamenti della propria azienda agricola provengono anche le carni fresche (non solo di maiale ma anche di agnello, coniglio e pollame) in vendita nella macelleria di famiglia.

 

F.lli Stefanoni | Viterbo | s.s. Cassia Nord, km 89,700 | tel. 0761 250425 - 338 6755058 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.| chiuso giovedì pomeriggio e domenica

 

a cura di Mara Nocilla

 

la prossima settimana:

Sap – F.lli Pugliese – San Calogero (VV)

 


ACQUISTA LA NOSTRA GUIDA “GRANDI SALUMI”  


Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Lovison: musetto e non solo. Un protagonista della salumeria friulana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Giovanni Bazza: l'estremista degli insaccati naturali, crudi e cotti clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Coradazzi: il prosciutto San Daniele home-made clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Fattorie del Tratturo: Luigi Di Lello, l'ambasciatore della ventricina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Vecchio Varzi: sinonimo di salame nobile clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Rosa dell'Angelo: il suino nero e i salumi gourmet in vaschetta clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. La Paisanella: filiera chiusa in nome del suino dei Nobrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Villa Caviciana: dalla Germania al Viterbese sulle tracce del suino nero clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Savigni: norcineria di frontiera tra Toscana ed Emilia Romagna clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Devodier: l'aristocrazia del prosciutto di Parma clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Meggiolaro:salumicotti al naturale clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Masè: da oltre 140 anni i cotti della tradizione triestina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Belli: lo speck da 6 generazioni clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Antica Corte Pallavicina: nel regno dei fratelli Spigaroli e del culatello di Zibello clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Squizzato: dal 1952 la tradizione veneta della maialata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. La Granda: dalle carni di razza piemontese ai salumi tipici cuneesi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Larderia Fausto Guadagni:l'oro bianco di Colonnata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. F.lli Borrello: elogio del suino nero dei Nebrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. S. Ilario: alla ricerca del Parma perfetto cliccaqui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Thogan Porri: l'artigiano del Varzi, l'aristocrazia del salame nell'Oltrepò Pavese clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Dok Dall'AVa: la verticale dei prosciutti cru clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Adriano Ferrari, l'ambasciatore della 'nduja e del suino nero di Calabria clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. I Salumi di Martina Franca: capocollo come tradizione comanda clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Ruliano: un prosciutto di Parma fuoriclasse clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Cerati: la forza della filiera chiusa clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Rinascimento a Tavola: insaccati e biscotti delle corti cinquecentesche clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Simone Ferraro: una bresaola unica clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Boscacci: la bresaola di Bormio clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Urbevetus: salumi di porco cinturello nella campagna orvietana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Gamba: salumi biologici nella Val Brembana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Cellito: salumi di filiera nel Parco del Cilento clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Il Camarin: realtà artigiana del prosciutto San Daniele clicca qui
Per leggere Grandi salumi d'Italia. Casa della Carne: bresaola e salumi di selvaggina in Valtellina clicca qui
Per leggere Grandi salumi d'Italia. Massanera: salumi di cinta senese sulle colline fiorentine clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Dal Massimo Goloso: i salumi della montagna trentina e specialità esclusive clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Bertolin: la Maison del lardo di Arnad clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Zavoli: La mora? Si conserva nella cera! Clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Salumificio Santoro: alla ricerca del capocollo di Martina Franca clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Luigi Caccamo, L'artigiano della 'Nduja.Tradizione e peperoncino clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Caputo: il celebrato salame di Sant'Angelo in Brolo clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Branchi: il re del prosciutto cotto cliccaqui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Masseria dei Trianelli: una salsiccia pezzente da primo premio clicca qui
Per leggere Grandi salumi d'Italia. Fanelli, lonza e lonzino da primato clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Heinrich Pöder: lo speck perfetto clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Fratelli Del Curto: la tradizione del violino di capra clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Vigneto dei Salumi: l’incontro tra maiale e vigna clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Nero di Calabria: salumi all’insegna del suino rustico calabrese clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Giannelli: salumi fatti all’antica senza conservanticlicca qui

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Gambero Rosso Channel

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition