22 Ott 2016 / 17:10

Libri. Dinner at the Long Table. Il panorama dei foodies di Williamsburg

Andrew Tarlow e Kate Huling sono i pionieri di un modo consapevole, umano ed equilibrato di approcciare al cibo. Una visione che è diventata un movimento sempre più importante, a Brooklyn.

Libri. Dinner at the Long Table. Il panorama dei foodies di Williamsburg

Andrew Tarlow e Kate Huling sono i pionieri di un modo consapevole, umano ed equilibrato di approcciare al cibo. Una visione che è diventata un movimento sempre più importante, a Brooklyn.

a cura di

Andrew Tarlow e Kate Huling sono notissimi a Brooklyn nel mondo dei foodies perché rappresentano la quintessenza di un certo modo di mangiare - e di vivere - che ha preso piede nel loro quartiere superandone poi i confini.

Tarlow è da vent'anni uno dei pionieri di Williamsburg, il quartiere dove grazie a lui e a sua moglie è nato il Brooklyn fare, col movimento del cibo a chilometro zero. Le ricette dei suoi ristoranti seguono sempre quello che offre il mercato delle fattorie di Upstate New York e lui segue le stagioni, ispirandosi anche a Italia e Francia: dagli hamburger alla bouillabaisse, dalla tapenade alle sarde in saor, dal cous cous alla paella, dal cassoulet alla coda, dalla polenta al pollo fritto. Tutto quello che negli anni ha nutrito e in un certo senso educato gli abitanti di Brooklyn è ora raccolto in un volume.

 

libro

Il libro

Dinnerat the LongTableè il nome del libro di ricette di Andrew Tarlow scritto con Anna Dunn che i due hanno presentato qualche giorno fa a Manhattan nel Farmers Market di Union Square. Il libro è appunto la celebrazione e il culmine di molti pasti avvenuti su lunghe tavolate di amici e collaboratori, una sorta di grande famiglia estesa che, per chi vive nel quartiere, costituisce da una ventina d’anni un punto di riferimento: camerieri, hostess, busboy, inservienti, macellai, cuochi; poi ristoranti satelliti concepiti e immaginati nelle cucine di Diner, la loro prima insegna, (Saltie’s, un piccolissimo negozietto che fa i sandwich più famosi della zona, e Piesand Thighs, famoso per il pollo fritto e le torte di mele); ma è proprio in questo periodo che l’impero di Tarlow si estende anche al di fuori dei suoi ristoranti: i fratelli Mast, proprietari della cioccolateria Mast Brothers hanno messo in vendita questo mese una collezione di tavolette di cioccolata di cui Tarlow, che è anche pittore, ha disegnato le confezioni. Giusto per dire l'ecletticità.

 

Diner

La nascita di un impero del buon cibo

Nella lunga introduzione del libro si raccontano gli esordi dei due coniugi al loro primo ristorante costruito in un vecchio diner abbandonato, proprio ai piedi del ponte di Williamsburg, che si chiama proprio Diner. Kate racconta di come lo trovarono e di tutto il lavoro per ripulirlo e ristrutturarlo (ma il look rimane sempre antico e vissuto). Da lì espansione al ristorante di ostriche Marlow and Sons, frequentatissimo anche a colazione per le pasterelle deliziose, e poi all’adiacente macelleria Marlowand Daughters, coi macellai cool che fanno della loro arte uno spettacolo, e poi ancora in un quartiere vicino con Roman’s. La SheWolfBakery, panetteria dedicata a Roma,(“Quasi tutto il nostro pane contiene lievito madre. Ogni giorno parte di quel lievito si conserva e si usa per il pane del giorno dopo”) e anche Achille’s Heel, un bar di Greenpoint – un dei tanti quartieri di Brooklyn - che offre accanto ai cocktail dei piccoli piatti, fino ad arrivare alla superlativa location di Reynard, dentro al Wythe Hotel, famoso per il design e la grande cucina aperta alla vista. Costruito mantenendo la struttura di un’antica fabbrica di pianoforti, il Wythe è forse il palazzo più bello della zona e offre una delle viste più suggestive sullo skyline antistante di Manhattan al di là dell'East River dalla terrazza del bar al sesto piano, TheIdes. Al piano terra, invece, Reynard offre pochi ma buoni piatti di stagione, accanto all’evergreen burger, dall’aspetto spartano ma squisito, accompagnato volendo dalla maionese all’horseradish.

brooklyn

Non solo cibo

E non solo. Quest’estate Kate ha aperto un negozio di pelle e abbigliamento per i prodotti che già da anni vendeva in un angolo-emporio del Marlow. Siamo a due passi dall’East River e dalle riveritissime bistecche di Peter Luger: lei utilizza le pelli degli animali che si mangiano nei suoi ristoranti che diventano morbidissime (e carissime) borse che “onorano gli animali che abbiamo mangiato l’anno scorso”. Da poco quindi li vende in città, da Marlow Goods nel Village.

cioccolata

Una storia di cibo e di condivisione

Sabato scorso il mercato di Union Square brulicava di foodies attirati da zucche e altre verdure di stagione. Anna e Andrew offrivano ai passanti delle fette di pane del loro panificio (sempre presente al mercato) con delle melanzane preparate secondo una delle ricette contenute nel libro. “Dopo l’apertura del panificio, ora tutto il pane viene da lì” dice Tarlow “Prima usavamo il forno di Roman’s, ma mano a mano ci siamo resi conto della bellezza di fare noi tutto, e abbiamo iniziato a usare un grande spazio a Greenpoint”.

Domandiamo a Kate quale sia la loro storia prima di tutto questo. “Nel 1998 io e Andrew lavoravamo a Tribeca. Io ero cameriera e avevo vent’anni, lui era il bartender” inizia a raccontare. “Abbiamo aperto Diner quando Williamsburg era una landa desolata e non avremmo mai pensato che diventasse quello che è adesso. Anzi, nei nostri sogni era appunto un posto dove mangiare coi nostri amici, in una grande tavolata”.

L’apertura dei vari ristoranti si alterna nel racconto ai momenti scanditi dalla nascita dei loro quattro figli. “Mano a mano che gli anni passavano la condivisione del cibo e la convivialità sono sempre più diventate la misura di quello che ci rende felici e dà significato. I nostri amici si sono creati le loro famiglie, o si sono trasferiti in altre città, o hanno realizzato i loro progetti e, beh... si sono persi un paio di cene a base d’agnello a casa nostra” continua.“Ecco cosa ci ha dato l’ispirazione per creare questo libro; per loro e per i nostri amati clienti che ci hanno sostenuto fin dagli inizi, quando servivamo mashed potatoes con ogni piatto”.

 

libro


Dinner
attheLongTable

Diner

Saltie

Pies and Thighs

Mast Brothers

Marlow and Sons

Marlow and Daughters

Romans

She Wolf Bakery

Achilles Heel

Reynard

WytheHotel

TheIdes

MarlowGoods

 

testo e foto a cura di Francesca Magnani

 
Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Gambero Rosso Channel

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition