3 Ago 2011 / 12:08

Olmi: convertirò gli chef all'olio

Il regista lombardo racconta la sua passione per l’extravergine e annuncia: potrei girare un film in cui il protagonista sia proprio il succo delle olive e la sua rivoluzionaria forza in cucina

 

 

 

Il regista si sostiene al braccio della sua compagna. Ha una malattia, la

http://med.gamberorosso.it/media/2011/08/283768_web.jpeg

Il regista lombardo racconta la sua passione per l’extravergine e annuncia: potrei girare un film in cui il protagonista sia proprio il succo delle olive e la sua rivoluzionaria forza in cucina

 

 

 

Il regista si sostiene al braccio della sua compagna. Ha una malattia, la

sindrome di Guillaine Barré gli ruba le fibre nervose e gli rende assai difficile muoversi, camminare. Ma non di pensare. «Bisogna rinascere ogni giorno, dice Cristo nel Vangelo di Giovanni – sorride sereno – Come fa un albero che ogni anno è nuovo. Tutto cio che la natura produce ha una sua ragione. L'olio e una delle note più squillanti». Sì, perché Ermanno Olmi – poeta della cultura contadina – è un appassionato di olio, un fruitore militante del succo prodotto dalle olive di cui ne ha sempre, a casa, una decina di bottiglie diverse. «Spesso, la sera, mi preparo nel piatto un paio di fette di pane e mi diverto a provarci sopra due o più oli diversi: è la mia cena!». Così, mentre è a Roma per il montaggio del suo ultimo film – Il villaggio di cartone – che uscirà a fine anno, lo incontriamo per parlare del suo amore, l’olio extravergine di oliva... 

 

Stefano Polacchi

Agosto 2011

 

 

> Leggi tutto su Il Gambero Rosso di agosto

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition