29 Ago 2011 / 14:08

Cucina etnica: ‘IYO’, viaggio nel mondo fluttuante

Milano è nota per i suoi ristoranti giapponesi. 'IYO' è tra i migliori che ci sentiamo di segnalarvi. Qui la fretta è bandita. Lasciatevi cullare da un mondo fluttuante dove saziare lo spirito e il corpo. 

 

E' vero, in Italia è davvero difficile raggiungere gli alti standard europei i

http://med.gamberorosso.it/media/2010/06/243118_web.jpeg

Milano è nota per i suoi ristoranti giapponesi. 'IYO' è tra i migliori che ci sentiamo di segnalarvi. Qui la fretta è bandita. Lasciatevi cullare da un mondo fluttuante dove saziare lo spirito e il corpo. 

 

E' vero, in Italia è davvero difficile raggiungere gli alti standard europei i

n fatto di cucina etnica, nipponica in modo particolare. Eppure qualche rara eccezione che conferma la regola, qui a Milano, dove il mercato ittico è uno dei migliori del paese, riesce a far cambiare idea anche ai più scettici. 

 

Iyo si è conquistato il suo posto al sole in pochi anni in primis grazie all'eccellente qualità della materia prima che, parlando di sushi e sashimi, fa realmente la differenza. E poi la sapienza e la manualità di Haruo Ichikawa, giapponese doc, che ha al suo attivo anni di esperienza a New York, in Europa e in Italia. Uno chef che prima ancora di deliziare i palati seduce lo sguardo dei commensali con la maestria squisitamente orientale nel taglio chirurgico dei bocconcini e nella cottura sulla scenografica piastra a vista, una delle attrazioni del locale. 

 

Se ci venite per la prima volta, non perdete i gunkan, ovvero i "bignè sushi" con pesce all'esterno, talmente buoni da generare una piacevole "dipendenza". E poi i crudi ovviamente, ma anche manzo Kobe, tonno scottato con sesamo e una splendida e leggera versione della tempura. Tutto di alto livello, dagli "uramaki" agli "hossomaki" e ai "temaki", senza contare le sfiziose e ottimamente presentate "barche" (misto di suhi, sashimi e maki) per una o più persone. Deliziose le ciotole di riso aromatizzato, le zuppe, le insalate e il tempura in varie versioni. Ben fatte le preparazioni teppan yaki sia di carne sia di pesce. 

 

Servizio garbato, solerte, discreto e premuroso, sotto l'attenta visione del patron Claudio. Carta dei vini molto interessante, italiani, francesi e sudafricani, selezionati con la collaborazione del noto sommelier Savio Bina, con particolare attenzione alle aziende biodinamiche. In alternativa sakè, caldo o freddo, thé (verde, al gelsomino e bancha). I dolci, squisiti, sono realizzati dal celebre chef patissier Ernst Knam.

 

Una nota di merito a parte merita anche l’eleganza minimal-fashion degli ambienti, curati dell'architetto Nisi Magnoni: arredi curati, luci soffuse, piccole e raccolte salette che si nascondono dietro a solide ma leggere pareti divisorie, realizzate con mattoni rossi provenienti dalle cascine della Brianza, e poi dettagli ricercati e uno stile che fa sentire piacevolmente a proprio agio.

 

Non a caso, il nome IYO deriva dalle ultime tre lettere di UKIYO o "mondo fluttuante" termine con cui si designano la cultura e l'arte cittadina del periodo Edo, Giappone del XVII - XVIII secolo. Un mondo che fluttua e scorre, tra tinte raffinate, stucco veneziano e intonaco a fango alle pareti, oro su plafoni, tavoli e lampadari-sculture. La ristrutturazione del locale ha portato inoltre alla nascita di una nuova sala, un vero e proprio laboratorio del pesce. Il locale è sempre pieno, si consiglia di prenotare.

 

Michela Di Carlo

29/08/2011

 

 

IYO

via P. della Francesca, 74

02/45476898

www.iyo.it

 

 

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition