19 Set 2011 / 19:09

'Sapori di mare': Birindelli fa il punto

Il rapporto tra il territorio della provincia di Latina ed il mare, il legame con i prodotti della pesca ancora protagonisti dell’ottava edizione di Sapori di Mare, la tradizionale manifestazione enogastronomica del Sud Pontino dedicata al pesce azzurro.

 

Ca

http://med.gamberorosso.it/media/2009/02/210832_web.jpeg

Il rapporto tra il territorio della provincia di Latina ed il mare, il legame con i prodotti della pesca ancora protagonisti dell’ottava edizione di Sapori di Mare, la tradizionale manifestazione enogastronomica del Sud Pontino dedicata al pesce azzurro.

 

Ca

lato il sipario, domenica scorsa, Sapori di Mare 2011 ha registrato il tutto esaurito portando all'attenzione del pubblico e degli addetti ai lavori le produzioni d'eccellenza, i sapori, i profumi, i mestieri legati al mare.

 

"La pesca è una componente molto importante della cultura e dell’economia della nostra regione", ha dichiarato a margine della manifestazione l’Assessore alle Politiche Agricole della Regione Lazio, Angela Birindelli.

 

Un patrimonio, da continuare a valorizzare, visti i numeri. Dati alla mano, la flotta peschereccia marittima regionale è composta da circa 600 imbarcazioni ed è dislocata, dal punto di vista amministrativo, nei Compartimenti Marittimi di Civitavecchia, Roma e Gaeta, comprendenti un totale di 361 km e 22 comuni rivieraschi di cui 2 isole (Ponza e Ventotene).

 

Gli addetti al settore sono circa 1500 di cui 1300 appartengono al settore ittico (86% dell’intero comparto) 150 nella trasformazione e i restanti nell’acquacoltura.

 

Il pescato è stimabile intorno in oltre 6.000 tonnellate annue (circa il 3% del corrispondente nazionale), con circa 87.000 giornate di pesca complessive, a cui corrispondono 150 – 160 giorni di pesca per imbarcazione. Il fatturato annuo ammonta a circa 65 milioni di euro.

 

“E’ un settore complesso e articolato con potenzialità enormi, sulle quali la Regione Lazio sta costruendo un articolato progetto di rilancio. Lo scorso mese di luglio – aggiunge – l’assessorato ha completato la raccolta delle domande di ben quattro bandi pubblici, con uno stanziamento complessivo di oltre 1,6 milioni di euro per i settori della trasformazione e commercializzazione, dell’acquacoltura, della formazione e dello sviluppo di nuovi mercati e di campagne di promozione rivolte ai consumatori. In aggiunta stiamo per attivare 900.000 euro di finanziamenti volti a favorire il ripopolamento e la preservazione di molte specie ittiche e il miglioramento dell’ambiente naturale". 

 

Nell’ambito della promozione della qualità e del territorio, la Regione fa inoltre sapere l’obiettivo di rilanciare il sistema di etichettatura e di tracciabilità dei prodotti ittici regionali e di rendere effettivo un marchio che racchiuda sotto lo stesso segno la produzione ittica Made in Lazio. 

 

"A questo – conclude Birindelli – si aggiungono anche interventi concreti di sostegno agli operatori del settore come la richiesta già avanzata dall’assessorato al governo per l’applicazione degli sgravi fiscali anche sulle imbarcazioni con motori a benzina dedite alla pesca e all’acquacoltura in acque marine". 

 

 

Michela Di Carlo

19/09/2011

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition