GENNAIO 2017 N.300

Che il 2017 sia un po’ più selvatico del precedente. Con questo augurio (e una tre giorni a 30 mani) i migliori chef italiani si ritrovano intorno a Igles Corelli per rilanciare una cucina e un’alimentazione meno omologata e più fondata sui frutti della natura non addomesticati.

GENNAIO 2017 N.300

Che il 2017 sia un po’ più selvatico del precedente. Con questo augurio (e una tre giorni a 30 mani) i migliori chef italiani si ritrovano intorno a Igles Corelli per rilanciare una cucina e un’alimentazione meno omologata e più fondata sui frutti della natura non addomesticati.

Tutta la gallery
Chiudi gallery

COVERSTORY

Tendenze. 2017, l’era del selvatico

Che il 2017 sia un po’ più selvatico del precedente. Con questo augurio (e una tre giorni a 30 mani) i migliori chef italiani si ritrovano intorno a Igles Corelli per rilanciare una cucina e un’alimentazione meno omologata e più fondata sui frutti della natura non addomesticati. Una provocazione che punta a riorganizzare la cultura dell’ambiente, dell’allevamento e delle filiere alimentari.

Antipasti. I piatti di Uliassi, Baiocco, Pierangelini
Primi. I piatti di Brunel, Caceres, Meroi, Sposito, Corelli
Secondi. I piatti di Léveille, Gavagna, Tassa, Vissani
Dessert. I piatti di Mazzucchelli, Fanella, Gualandi

WINE

Berebene 2017. Gli Oscar nazionali e regionali
Le migliori etichette al miglior prezzo. Nove premi nazionali e 20 regionali: le bottiglie da non perdere.
Gli Oscar nazionali
Gli Oscar regionali


TRAVEL

Ticino. La Svizzera più mediterranea
Viste mozza ato e paesaggi incantevoli: il Canton Ticino, il più meridionale della Svizzera, è a due passi dal con ne con l’Italia. Qui, oltre che sciare, si può andare alla scoperta di vere chicche gastronomiche e di interessanti cucine d’autore. A Lugano, è lo chef Frank Oerthle, una stella Michelin, a tenere alta la qualità del gusto ticinese.

Roero. Grandi vini & splendidi salumi
Attorno ai crinali ocra delle Rocche, quella lunga dorsale di marne a nord del Tanaro, c’è un lembo di Piemonte – le colline del Roero – dove il senso del bello e del buono si rinnova a ogni angolo, il corpo si ricarica, lo spirito si rigenera. Una magica alchimia di benessere tra boschi, castelli sabaudi, frutteti e – lussureggianti – vigneti.

Ricette degli chef. Palluda, il Roero secondo me
Ha portato la sua terra a rivaleggiare con le vicine Langhe, ha dato spessore all’Enoteca Regionale e in ogni suo piatto racconta il Roero, il suo territorio e la sua storia. Davide Palluda è un modello di cucina creativa e di territorio fatta con intelligenza e sapienza.

EDITORIALI
Trecento candeline di Laura Mantovano
Il nuovo Berebene 2017 di Eleonora Guerini

RUBRICHE
Vino, cibo, persone. La festa dei 30 anni
Il personaggio. Gravner, l’ultimo Pinot
Wine & Food. Con il Gambero a Pechino e Seoul
Channel. Laura Ravaioli porta l’Italia a Tel Aviv
Food blogger
Gambero Rosso Academy
Gourmet. Lingotto, laboratorio per il futuro
Design Food
Top Ten. Guanciale
Malti&Lieviti. Le scure tedesche
Extravergine. Gli oli nuovi
Coffee, tea & co.
Ristoranti
Foodshop

 


Potete leggere Il nostro mensile anche su tablet e smartphone.L'abbonamento al mensile (39 euro), include anche la versione digitale. Per chi è già abbonato la versione digitale è inclusa nell'abbonamento corrente.www.gamberorosso.it/abbonamenti

Gambero Rosso è disponibile su Apple, Android e Windows8 a soli 2,49 euro o in abbonamento annuale

 

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition