22 Mag 2013 / 11:05

“Cibo criminale: il nuovo buisness della mafia italiana”. Libro e inchiesta sulle frodi alimentari del mercato italiano.

Sessanta miliardi di euro ogni anni. Sarebbero la fine dei problemi finanziari dell’Italia e sono invece il danno che i prodotti italiani subiscono da agro-mafie e dintorni. Newton Compton ha fatto appena uscire un libro.
“Cibo criminale: il nuovo buisness della mafia italiana”. Libro e inchiesta sulle frodi alimentari del mercato italiano.
Sessanta miliardi di euro ogni anni. Sarebbero la fine dei problemi finanziari dell’Italia e sono invece il danno che i prodotti italiani subiscono da agro-mafie e dintorni. Newton Compton ha fatto appena uscire un libro.
“Criminalità gastronomica” in Italia? A mettere in primo piano questa cruciale tematica, ci hanno pensato Mara Monti, giornalista del Sole 24 ore, e Luca Ponzi, giornalista della Rai, scrivendo un libro edito da Newton Compton, e intitolandolo “Cibo criminale: il nuovo business della mafia italiana”. Un titolo con un impatto duro, che si pone subito in aperta denuncia verso l'agromafia e verso le frodi alimentari made in Italy, che coinvolgono i grandi protagonisti della criminalità a livello nazionale. Azioni altamente illegali che producono danni al mercato italiano nel mondo per un valore di circa a 60 miliardi, e che coinvolgono diversi prodotti ed eccellenze alimentari del nostro territorio.
Le leggi italiane in vigore spesso presentano lacune sulla tracciabilità del prodotto e sulla provenienza delle materie prime, e vengono abilmente aggirate fornendo alle mafie guadagni di diversi milioni, evitando qualsiasi sanzione. I prodotti incriminati? Sono molteplici, e frequentemente di primaria importanza sulle nostre tavole: olio extravergine con marchio italiano, ma proveniente da Spagna o Tunisia; pomodori pelati ‘italianissimi’ chearrivano dall’estero; prosciutto con il marchio nazionale, ma sempre più spesso di provenienza danese, e la tanto amata mozzarella di bufala, fatta con latte importato. Anche dall’India.
Il libro/inchiesta si sviluppa riportando queste informazioni, documentate una per una, e raccontate sotto forma di un giallo appassionante, che punta l'attenzione sull'importanza di scegliere prodotti Doc, evitando anche i prezzi troppo bassi, per non mettere a rischio la nostra salute e per proteggerci da questa enorme truffa che contamina il nostro modo di mangiare. Gli autori hanno posto inoltre molta attenzione nel rendere il linguaggio del libro fruibile an pubblico molto ampio, senza impiegare eccessivi termini tecnici o giuridici. Il volume è insomma un importante manifesto dei danni che il mercato alimentare italiano sta subendo, e punta a tutelare il consumatore nell'acquisto e nell'atto fondamentale e quotidiano dell'alimentazione.

Mara Monti-Luca Ponzi
Cibo criminale
Il nuovo business della mafia italiana
239 pagine, euro 9,90
Newton Compton Editori
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition