15 Gen 2014 / 18:01

La Portineria apre a Roma. Il giovanissimo campione di pasticceria Gianluca Forino confeziona i dolci, i suoi soci vendono gli arredi e fanno consulenze di comunicazione

I soci sono tre, e sommando le loro età si arriva a 80 anni. Ha aperto da pochissimo ed è una novità multisfaccettata. Non si va solo per mangiare, anche se in pasticceria c'è il Campione Mondiale Juniores 2013…
La Portineria apre a Roma. Il giovanissimo campione di pasticceria Gianluca Forino confeziona i dolci, i suoi soci vendono gli arredi e fanno consulenze di comunicazione
I soci sono tre, e sommando le loro età si arriva a 80 anni. Ha aperto da pochissimo ed è una novità multisfaccettata. Non si va solo per mangiare, anche se in pasticceria c'è il Campione Mondiale Juniores 2013…
Tutta la gallery
Chiudi gallery
Ecco cosa succede quando tre giovani uniscono le forze e tentano di rischiare. Nasce La Portineria, un locale, tre concetti. In primo luogo è una risto-pasticceria la cui offerta è arricchita dai dolci di Gianluca Forino, il ventiquattrenne Campione Mondiale di Pasticceria Juniores 2013, un ex allievo eccellente che ha anche tenuto delle docenze nelle scuole della Città del gusto, e dalle focacce di Teresa Matteucci, prodotte miscelando le farine del Molino Quaglia. È invece il terzo socio, il food designer Ciro Caldieri ad occuparsi della seconda offerta de La Portineria: la consulenza in start-up di ristorazione. In uno studio integrato nel locale e non separato, offre la propria esperienza, e quella del resto della squadra, a chiunque voglia intraprendere un'avventura simile. Poi ci sono Veronica Tamburella e Daniele Diamanti, i due interior designer che hanno curato l'eccentrico arredamento, dagli sgabelli con le pentole, ai lampadari ricavati dalle grattugie per il formaggio e da vecchi tegami che si possono acquistare ordinandoli alla cassa. Ristorante, studio di consulenza e shop tutto in uno. Il nome, La Portineria, nasce dalla scelta estetica dell'arredamento interno, le pareti sono infatti un collage di vecchie porte con tanto di maniglie, serrature e targhe. Anche il bancone, lungo e luminoso, segue lo stesso motivo. E poi la scelta di non avere vetrate che diano all'esterno, una vera controtendenza per un locale che si caratterizza anche per il design. Si accede da una piccola porta che apre alla vista un ambiente spazioso, sobrio e allegro: lo spazio apparteneva alla galleria d’arte contemporanea Oredaria, da qualche mese chiusa per lasciare spazio comunque ad altra creatività, in linea con la vicinanza con il Macro, museo d’arte contemporanea della città. “L'idea” ci ha detto Ciro Caldieri, “è di creare un luogo polifunzionale che soddisfi tutte le esigenze, dal cibo alla consulenza, passando per l'acquisto di oggettistica. Abbiamo aperto da poco e abbiamo voluto unire le forze, ognuno di noi si è messo in gioco con le proprie competenze per offrire un prodotto al passo con i tempi. In cantiere c'è anche un altro progetto, ma è ancora in fase di studio. Abbiamo intenzione di affittare i tavoli come luogo di lavoro. Vogliamo offrire a liberi professionisti e consulenti in generale una 'sede legale sui generis' da cui poter lavorare, ma all'interno del nostro locale”. Trattasi di anteprima, inaugurazione ufficiale tra qualche settimana. Ma il locale è aperto e disponibile per chi voglia sperimentare la fase di lancio.

La Portineria | via Reggio Emilia, 22. 00198 Roma | www.laportineria.it
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition