13 Ott 2014 / 18:10

Autochtona a Bolzano. Appuntamento con la biodiversità vitivinicola

Sono molte le piccole realtà vitivinicole che in Italia valorizzano i vitigni autoctoni sviluppando l’identità di un determinato terroir che garantisce l’unicità del risultato. A Bolzano il 20 e 21 ottobre saranno presenti oltre cento produttori (in arrivo da quattordici regioni della Penisola) per un totale di oltre trecento etichette in degustazione. Per gli operatori del settore, ma anche per gli appassionati, che potranno aggiudicarsi un biglietto omaggio per la manifestazione. Il 22 appuntamento con i Vignaioli dell’Alto Adige; si chiude il 23 con un focus sul Lagrein.
Autochtona a Bolzano. Appuntamento con la biodiversità vitivinicola
Sono molte le piccole realtà vitivinicole che in Italia valorizzano i vitigni autoctoni sviluppando l’identità di un determinato terroir che garantisce l’unicità del risultato. A Bolzano il 20 e 21 ottobre saranno presenti oltre cento produttori (in arrivo da quattordici regioni della Penisola) per un totale di oltre trecento etichette in degustazione. Per gli operatori del settore, ma anche per gli appassionati, che potranno aggiudicarsi un biglietto omaggio per la manifestazione. Il 22 appuntamento con i Vignaioli dell’Alto Adige; si chiude il 23 con un focus sul Lagrein.

Promuovere la biodiversità vitivinicola, questo l’obiettivo di Autochtona che rinnova da undici anni l’appuntamento con i migliori vini autoctoni prodotti sul territorio nazionale, ospitati all’interno della Fiera Bolzano. Circa cento i produttori invitati quest’anno a prendere parte alla manifestazione che si terrà il 20 e 21 ottobre (dalle 11 alle 18) garantendo ai visitatori la possibilità di degustare oltre trecento etichette di qualità.

Privilegiando la tipicità e l’autenticità delle produzioni vinicole, una giuria di esperti del settore italiani e di provenienza internazionale – presieduta dalla giornalista statunitense Christy Canterbury – assegnerà, in partnership con il bimestrale Spirito di Vino, gli Autochtona Award alle migliori etichette in degustazione, mentre nella giornata del 22 ottobre i banchi d’assaggio della sezione Vinea Tirolensis saranno dedicati ai Vignaioli dell’Alto Adige.
Ma l’iniziativa si protrarrà fino al 23 del mese, quando l’attenzione si focalizzerà sui vini prodotti da uve Lagrein, vitigno a bacca rossa autoctono del territorio altoatesino. L’appuntamento con Tasting Lagrein, rinnova una rassegna dal successo consolidato nelle precedenti edizioni, con una degustazione comparativa volta a individuare i migliori vini Lagrein, sotto la direzione di Christin Mayr, presidente di AIS Alto Adige.

Pur dedicata principalmente agli operatori del settore, favoriti così dall’incontrare in un contesto collettivo piccole realtà della Penisola poco conosciute, l’iniziativa vuole veicolare l’incredibile valore del patrimonio autoctono nostrano a un pubblico più ampio di appassionati. Per questo anche le enoteche di Bolzano ospiteranno degustazioni delle etichette in arrivo da quattordici regioni italiane per partecipare alla rassegna, offrendo a turisti e visitatori della città un canale per avvicinarsi alla produzione autoctona e la possibilità di aggiudicarsi un biglietto valido per l’ingresso alla rassegna del 20 e 21 ottobre (altrimenti acquistabile in loco al costo di 25 euro o online ad importo ridotto); infatti, tutti coloro che nel weekend precedente alla kermesse sceglieranno di assaggiare vini provenienti da vitigni autoctoni avranno diritto al particolare omaggio.

Autochtona | Fiera Bolzano, Piazza Fiera 1, Bolzano | Il 20 e 21 ottobre (a seguire, il 22 Vinea Tirolensis e il 23 Tasting Lagrein) | www.autochtona.it

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition