2 Ott 2016 / 11:10

Dit'Unto 2016: il festival del mangiare con le mani fra le colline del Chianti

In un piccolo borgo sulle alture del Chianti senese, fra vigne, casali e cantine, il 9 ottobre va in scena la quarta edizione di Dit'Unto, evento dedicato alla pratica golosa e liberatoria di mangiare con le mani.

Dit'Unto 2016: il festival del mangiare con le mani fra le colline del Chianti

In un piccolo borgo sulle alture del Chianti senese, fra vigne, casali e cantine, il 9 ottobre va in scena la quarta edizione di Dit'Unto, evento dedicato alla pratica golosa e liberatoria di mangiare con le mani.

L'evento

Un festival di street food, dedicato all'ormai immancabile cibo da strada, ma non solo: Dit'Unto è un evento che si propone di recuperare e valorizzare il fascino del mangiare con le mani, meglio ancora se immersi nel verde della campagna toscana. Un'usanza antica, una pratica diffusa in tutto il mondo che si perde nella notte dei tempi, quella del mangiare di strada e, più specificatamente, del mangiare con le mani, che mai come in questi ultimi anni si è affermata come vera e propria tendenza. A Villa a Sesta, pochi chilometri a nord di Castelnuovo Berardenga - appena mezz'ora di macchina da Siena - domenica 9 ottobre torna la quarta edizione della manifestazione organizzata dall'azienda agricola Villa a Sesta insieme a quattro ristoranti del luogo - L’Asinello, La bottega del 30, Osteria alla Villa, Ristorante Agriturismo Villa di sotto – e al Circolo ricreativo del Comune.

Il programma

Dai piatti della tradizione proposti dai furgoncini ambulanti del paese alle ricette di alta cucina realizzate dai grandi chef: il festival offre tutto il meglio del cibo locale (ma non solo) declinato in varie sfumature. Gaetano Trovato (Arnolfo, Colle Val d'Elsa) Riccardo Agostini (Il Piastrino, Pennabilli) Antonio Guida (Seta al Mandarin Oriental Hotel, Milano) Cristiano Tomei (L'Imbuto, Lucca), Errico Recanati (Andreina, Loreto), Filippo Saporito (La leggenda dei Frati, Firenze), Marco Stabile (Ora d'Aria, Firenze) e Valeria Piccini (Caino, Montemerano): sono loro gli chef protagonisti della quarta edizione dell'evento, che offriranno ai visitatori la propria interpretazione del take-away di qualità. E poi piatti tipici del territorio a cura dei vari ristoranti locali e dagli artigiani della gastronomia del borgo.

Ad accompagnare le prelibatezze prêt-à-manger, le etichette dell'azienda vinicola Villa A Sesta e una selezione di birre artigianali, tutte locali. In più, per questa edizione si aggiunge anche uno stand proveniente da Puschendorf, cittadina della Baviera gemellata con il comune di Villa A Sesta, che presenterà un piatto della propria tradizione e birra artigianale bavarese. E nel frattempo, mentre gli ospiti saranno intenti a sporcarsi le mani, per le vie del borgo tanti artisti di strada si esibiranno in performance musicali, acrobatiche e anche ludiche, con giochi e laboratori dedicati ai più piccoli. Per gli sportivi, invece, il festival si aprirà con una camminata nei dintorni del borgo organizzata dall'Associazione Trekking La Bulletta: un'occasione unica per esplorare in compagnia le bellezze paesaggistiche della zona e scrollarsi di dosso ogni senso di colpa prima di concedersi ai piaceri del cibo.

Dit'Unto | Villa a Sesta (SI) | via nuova, 6 | 9 ottobre 2016 | tel. 0577 359279 | www.facebook.com/events/1242744915765193/

a cura di Michela Becchi

 

 

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition