10 Dic 2016 / 16:12

All'orango io ci tengo. Una confezione di biscotti Di Leo può aiutare l'ecosistema di Sumatra

Un progetto di beneficenza, di sostenibilità ambientale, di salvaguardia delle specie più a rischio. Il racconto di una collaborazione fra associazioni volontarie e un antico biscottificio pugliese per difendere gli orangutan in Sumatra e tutelare il loro habitat. Fino a ottobre 2017.

All'orango io ci tengo. Una confezione di biscotti Di Leo può aiutare l'ecosistema di Sumatra

Un progetto di beneficenza, di sostenibilità ambientale, di salvaguardia delle specie più a rischio. Il racconto di una collaborazione fra associazioni volontarie e un antico biscottificio pugliese per difendere gli orangutan in Sumatra e tutelare il loro habitat. Fino a ottobre 2017.

Il progetto

Sono già passati due anni da quando la Di Leo Pietro Spa, biscottificio nato nel 1860 ad Altamura e con stabilimento produttivo a Matera, ha deciso di eliminare l'olio di palma da tutti i propri prodotti. Una scelta che oggi può sembrare scontata ma che in realtà, nel 2014, era ancora una strada poco battuta. La decisione, presa in seguito ai primi dibattiti fra nutrizionisti, in realtà è stata una dichiarazione d'intenti che si spinge oltre l'aspetto nutrizionale: all'epoca l'azienda si era mossa in questa direzione anche e soprattutto per l'impatto ambientale della coltivazione di palma da olio, e per i danni conseguenti sugli animali di quelle zone, orangutan in primis.

È per questo che Di Leo si è reso portavoce e sostenitore di un progetto di salvaguardia dell'ecosistema di Sumatra (la zona più colpita dalla deforestazione) e dell'orangutan insieme ad alcune associazioni volontarie. All'orango io ci tengo è un'iniziativa lanciata insieme all'associazione ambientale forPlanet Onlus presieduta dalla scrittrice e conduttrice televisiva Tessa Gelisio, e in collaborazione con la Sumatran Orangutan Society che prevede di donare (dal 1 ottobre 2016 al 1 ottobre 2017) l'1% del ricavato dalla vendita della linea di biscotti Fattincasa alla salvaguardia degli orango di Sumatra, in particolare quelli della zona di Leuser, la più popolata da questi animali.

Gli obiettivi

Con questo progetto, verranno reintrodotti in natura 15 orangutan e piantati mille alberi per cercare di recuperare un ettaro del loro habitat.“Dopo aver eliminato l'olio di palma da tutte le nostre linee produttive abbiamo voluto dare un contributo per salvaguardare il futuro degli orangutan in quel paradiso terrestre che è l'isola di Sumatra”, ha spiegato l'amministratore unico dell'azienda PietroDiLeo. Inoltre, il biscottificio si propone anche di intrattenere relazioni con il governo indonesiano per sviluppare dei finanziamenti adeguati per la tutela dell’Ecosistema Leuser, che includano il monitoraggio delle attività illegali e dello sconfinamento delle attività umane nell’area protetta nonché l’applicazione delle leggi e dei regolamenti in vigore per proteggere l’ecosistema e le sue funzioni.

La deforestazione in Sumatra

Un'iniziativa che da sola non è sufficiente per risolvere il problema, ma che può essere da esempio per tante altre imprese italiane e non solo. Si tratta infatti di una problematica che deve essere risolta o quanto meno arginata il prima possibile, prima che diventi irreversibile: “È necessario e urgente che si arrivi quanto prima a Zero deforestazione per salvare le ultime 'oasi' rimaste. Un obiettivo che si potrà raggiungere solo grazie all'impegno di tutti: consumatori, aziende e istituzioni”, spiega TessaGelisio. Perché pur occupando meno del 6% della superficie mondiale, le foreste tropicali rappresentano i polmoni del mondo e sono fondamentali per l'equilibrio ecologico del pianete. Quelle di Sumatra sono state dimezzate negli ultimi 25 anni. Negli ultimi 100, poi, la presenza di orangutan è diminuita dell'86%, un numero notevole che non può essere ignorato. Sono 14.600 oggi gli esemplari stimati ancora presenti nel loro habitat naturale e il primate è segnalato fra i 25 a maggior rischio di estinzione nel mondo.

L’iniziativa solidale firmata Di Leo approda anche sul web: con l’acquisto dei Fattincasa sul sito www.dileo.it si contribuirà alla causa degli orangutan e si riceveranno t-shirt e cappellino del progetto in omaggio. E per gli amanti del caffè, ricordiamo che è possibile acquistare i chicchi dei vari farmer aderenti all'Orangutan Coffee Project, progetto nato all’insegna del biologico e del rifiuti-zero e sostenuto dai professionisti del settore di tutto il mondo, Italia in primis.

www.dileo.it

orangutan.coffee/en

a cura di Michela Becchi

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition