13 Feb 2017 / 17:02

extraLucca 2017: un weekend all’insegna dell’extravergine di qualità a Palazzo Ducale

Due giorni dedicati alla cultura olearia italiana, con decine di produttori in arrivo da tutta la Penisola per proporre il loro olio. E poi specialità gastronomiche, verticali di vino e grandi nomi della ristorazione nazionale, da Pier Giorgio Parini a Gabriele Bonci.

extraLucca 2017: un weekend all’insegna dell’extravergine di qualità a Palazzo Ducale

Due giorni dedicati alla cultura olearia italiana, con decine di produttori in arrivo da tutta la Penisola per proporre il loro olio. E poi specialità gastronomiche, verticali di vino e grandi nomi della ristorazione nazionale, da Pier Giorgio Parini a Gabriele Bonci.

L'evento

È arrivata alla quinta edizione la manifestazione che Lucca dedica alla cultura olearia tout court, per approfondire le virtù dell’autentico extravergine artigianale accolti in un salotto d’eccellenza, il Palazzo Ducale. L’iniziativa voluta da Fausto Borella, presidente dell’accademia di Maestro D’olio, ospiterà numerosi produttori d’olio in arrivo dalla Penisola, ma anche tanti chef e artigiani che dall’eccellenza olearia traggono ispirazione in cucina. Un evento che pone ancora una volta l'attenzione sulla centralità dell'oro verde nella nostra dieta e sui suoi benefici. In occasione del festival, come sempre saranno assegnate le Corone, riconoscimenti nel nome di Veronelli e Sauro Brunicardi – storico ristoratore lucchese – con la presentazione della guida Terre d'Olio 2017 presso il Teatro San Girolamo. Con i suoi mille metri quadri di logge e sale affrescate in stile napoleonico, Palazzo Ducale si prepara a ospitare ancora una volta, il 18 e 19 febbraio, una due giorni all'insegna del gusto italiano.

Il programma

Cuore pulsante di extraLucca è la degustazione degli oli dell'anno da diverse regioni, Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia, Sicilia, Umbria e Veneto. Selezione speciale per gli oli toscani, in onore della terra che ospita l'evento, con tante etichette da diversi territori della regione. Ma non solo olio: disponibili in assaggio anche prodotti a base di extravergine, dal cioccolato alle conserve, dai sott'oli ai patè, tutti acquistabili in un negozio allestito per l'occasione. Spazio anche ai prodotti cosmetici, che mettono in luce tutte le proprietà benefiche e i vantaggi che la nostra pelle può trarre dall'olio di oliva. Fra i diversi appuntamenti del fitto programma della manifestazione, imperdibile è quello con i cocktail a base di extravergine, disponibili presso il bar dell'olio. Con extraFood poi si possono assaggiare tante specialità gastronomiche, dai latticini ai salumi, dal miele alle confetture grazie alla presenza dei piccoli artigiani nella Loggia Ammannati. Non mancheranno, inoltre, le degustazioni di vino e quelle delle Corone Maestro d'Olio, suddivise in tre diverse sessioni e disponibili solo su prenotazione. Un appuntamento speciale è quello riservato alle aziende partecipanti che potranno sottoporre il proprio prodotto al giudizio di esperti assaggiatori, giornalisti e curatori dei premi.

I protagonisti

Fra i volti della manifestazione, Mattia Poggi, giovane chef genovese, Luca Picchi, capobarman del Caffè Rivoire 1872 di Firenze e la chef Monica Bianchessi. E ancora Pier Giorgio Parini, Lorenzo Corino, agronomo ricercatore e autore di diversi libri su viticoltura e olivicoltura, che guiderà una degustazione di olio biologico e biodinamico, e poi Gabriele Bonci. Il panificatore romano, maestro dell'arte bianca, che parlerà per l'occasione di uno degli abbinamenti più classici di sempre, pane e olio. Coinvolto nell'evento anche il nostro Giorgione, che inaugurerà la kermesse olearia. Fra gli ospiti, saranno presenti anche i 12 giurati del Sol d’Oro di Verona, concorso oleario internazionale organizzato da Veronafiere come anteprima di Sol&Agrifood, presieduto da Marino Giorgetti, capo panel del concorso.

I premi

Fra i premi assegnati da Maestro d'Olio, l'olio extravergine di oliva Dop Colline Teatine dell'azienda Trappeto di Caprafico (Abruzzo) si aggiudica il primo posto. A seguire, il Dop Colline Pontine di Villa Pontina (Lazio) e, in terza posizione, il monocultivar di casaliva di Comincioli (Lombardia). Riconoscimento speciale Luigi Veronelli all'azienda agricola La Ranocchiaia (Toscana), mentre il premio Sauro Brunicardi per il miglior ristorante viene assegnato al Bistrot Forte dei Marmi.

extraLucca | Lucca | Palazzo Ducale – San Marco, 1 | dal 18 al 19 febbraio 2017 dalle ore 10.00 alle ore 19.00 | tel. 0583 495164 | www.extralucca.it/it/

a cura di Michela Becchi

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition