22 Set 2017 / 18:09

I lavori di Lee Ji-Hee e Watanabe Monoaware, due artisti della carta amanti del cibo

Anelli di cipolla realizzati con gli A4, pizze tonde di carta costruite a partire dall'antica arte degli origami, e poi ancora hamburger di velina, cartoncino e cellulosa. Lee Ji-Hee e Watanabe Monoaware sono due artisti orientali che amano sperimentare con il cibo.

I lavori di Lee Ji-Hee e Watanabe Monoaware, due artisti della carta amanti del cibo

Anelli di cipolla realizzati con gli A4, pizze tonde di carta costruite a partire dall'antica arte degli origami, e poi ancora hamburger di velina, cartoncino e cellulosa. Lee Ji-Hee e Watanabe Monoaware sono due artisti orientali che amano sperimentare con il cibo.

L'arte di carta

Due artisti poco chiacchierati che da anni si dedicano a un'attività insolita, quella delle creazioni in carta, un materiale facilmente accessibile che si presta alle trasformazioni più disparate, sempre più utilizzato negli ultimi anni da professionisti in ogni parte del mondo. C'è chi la intaglia, chi la utilizza per creare sculture a tutti gli effetti, chi la impiega nella costruzione di oggetti di arredamento o di design. C'è Lee Ji-Hee, designer 45enne di origini koreane che in tempi recenti ha deciso di proporre spicchi di pizza al formaggio, patatine e altri cibi sfiziosi fatti con materiali in cellulosa. E c'è Watanabe Monoaware, giapponese di nascita e finlandese di adozione che allestisce set e scenari in cartoncino, velina e cartone. E la lista dei nomi continua, ma qui abbiamo voluto raccogliere gli scatti migliori delle opere di questi due professionisti orientali amanti del gusto, che hanno fatto del cibo e della tavola l'elemento centrale delle loro crezioni.

Tutta la gallery
Chiudi gallery

Lee Ji-Hee

Quando guardo un foglio di carta, penso immediatamente all'oggetto che realizzerò”, racconta Lee Ji-Hee. Elementi ispirati al mondo della cucina e dell'enogastronomia, dai cocktail ai panini, dalle coppe di fragole con panna ai milkshake. Creazioni realizzate con un'attenzione minuziosa ai dettagli, impreziosite da colori accesi e brillanti. “Dimensioni e colori dipendono dal tipo di materiale usato, ma solitamente amo usare i colori più sfavillanti”. Per un lavoro straordinario e fuori dal comune, che non ha tardato a far parlare di sé. Lee ha, infatti, un gran seguito anche e soprattutto sui social network, Instagram in primis, dove posta le foto delle sue opere finite e quelle ancora in corso.

Watanabe Monoaware

Più discreta è invece l'arte di Watanabe, meno conosciuta e assente da qualsiasi social network, ma che sarà a breve in Italia per la Bologna Design Week, dal 26 al 30 settembre 2017. Una rassegna dedicata alla creatività in tutte le sue forme, che riserva uno spazio speciale per il cibo con la Food Art Week, all'interno dello spazio Zoo, dove il 27 settembre Watanabe presenterà per la prima volta Recipe, un ricettario di carta 3d che ha come protagonisti ingredienti e materie prime in cartone tridimensionali e colorati.

a cura di Michela Becchi

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition