2 Ott 2017 / 14:10

Vos a Roma. La sfida alle trappole per turisti del nuovo bistrot con drogheria nel cuore della città

Tra pochi giorni il nuovo locale di via di Pietra si presenterà alla città, e ai tantissimi turisti stranieri che affollano la strada giorno e notte. Con l'idea di proporre una ristorazione informale di qualità, in una giungla acchiappa-turisti difficile da scalfire. Ecco come. 

Vos a Roma. La sfida alle trappole per turisti del nuovo bistrot con drogheria nel cuore della città

Tra pochi giorni il nuovo locale di via di Pietra si presenterà alla città, e ai tantissimi turisti stranieri che affollano la strada giorno e notte. Con l'idea di proporre una ristorazione informale di qualità, in una giungla acchiappa-turisti difficile da scalfire. Ecco come. 

Via di Pietra e la ristorazione per turisti

Si chiama Vos, è un bistrot dall'anima cangiante che strizza l'occhio al turismo internazionale, e aprirà le porte giovedì 5 ottobre, in via di Pietra numero 74. Il primo dettaglio degno di nota si nasconde proprio nell'indirizzo. Un dato che dirà ben poco a chi con il centro di Roma ha poca dimestichezza, e invece suona come una gran bella nuova per quei romani affezionati alla propria città che piangono la sorte di via di Pietra ogni qualvolta si trovano a districarsi tra tavolini abusivi e buttadentro che espongono, assillanti, menu turistici di bassa lega. È destino comune di tante arterie e scorci storici della Capitale quello di essersi trasformati in trappole per turisti che mettono a dura prova anche i più scaltri. Prezzi esorbitanti, prodotti scadenti, pressapochismo per servizio e gestione dell'attività, quando non addirittura totale illegalità. Dalla suggestiva piazza di Pietra, la via omonima corre dritta verso via del Corso, affollata giorno e notte dal passaggio di stranieri che mappa alla mano si districano in vista di Fontana di Trevi, piazza di Spagna, i Fori Imperiali. La sfida più grande di Vos sarà quella di riuscire ad attirarne l'attenzione, senza però contare sulla giungla di tavoli e ombrelloni su strada di cui sopra. E con la responsabilità di restituire dignità gastronomica a un angolo di centro storico piuttosto sguarnito di validi indirizzi di ristorazione informale, eccezion fatta per il capostipite del genere, Baccano, e qualche buona variazione sul tema degli ultimi tempi, dal rinnovamento del Quirinetta all'oasi di Colbert a Villa Medici, alla nuovissima veste dell'Enoteca Regionale by VyTA in via Frattina.

Vos. Street food, bistrot, cocktail bar

Tra qualche giorno, quindi, anche Vos sarà della partita, e le intenzioni di fare bene ci sono tutte. Il locale potrà contare su un grande spazio, articolato in più sale, con asso nella manica nascosto al passaggio, una bella corte interna da 90 coperti, in parte scoperta (si mangia sotto gli ombrelloni, ma in un contesto ben diverso dalla sciatteria imperante all'esterno), con tanto di fontana ottocentesca a scandire il ritmo rilassato del servizio del bistrot. Ma proprio per destare l'interesse di un pubblico quanto più possibile trasversale, Vos riunirà più anime. Alla guida del progetto c'è Paolo De Angelis, ex direttore di sala de La Zanzara, locale di gran successo a Prati, e come lui buona parte del team proviene da quell'avventura, dallo chef Salvatore Testagrossa ai ragazzi che si muoveranno in sala e in cucina. Il cocktail bar, invece, sarà affidato all'esperienza di Luca D'Amato, ex Baccano. Cosa sarà, dunque, Vos? Street food e gastronomia per quanto riguarda la proposta più veloce e immediata, con carta dei fritti, proposte da banco, sandwich classici e creativi, dal pastrami al club sandwich con pollo teriyaki. Da consumare sul posto o a portar via. Poi drogheria con cucina: un laboratorio/bistrot, con cucina a vista e la possibilità di mangiare al banco, nella sala interna o in cortile. E cocktail bar, fino a tarda notte, anch'esso con posti a sedere di pertinenza, oltre agli sgabelli al bancone.

 

La sfida alle trappole per turisti

In tutto 200 coperti, tutti con servizio al tavolo, e l'ambizione di dialogare con quello che sarà l'albergo di proprietà JK che nascerà nell'edificio tra poco più di un anno (le stanze affacceranno proprio sulla corte di Vos, anche se la struttura potrà contare su un proprio ristorante, e le proprietà sono distinte). A vista, nella sala principale, una cantina di soli vini italiani, eccezion fatta per lo champagne. Dalla cucina, aperta tutto il giorno, dalle 11 a mezzanotte no stop, spunti della tradizione romana, soprattutto tra i primi piatti (con pasta fresca fatta in casa e lasagna della tradizione) e aperture ai tradizionali delle carte internazionali, dall'hamburger al croque monsieur, alla tagliata di Angus. E poi le uova al tegamino, in più varianti, servite in tegame di ghisa. Tra gli antipasti una selezione di fritti e focacce (con burrata e cicoria, salmone). Altrettanto nutrita la sezione insalate. Tra i dolci si scommette soprattutto sul maritozzo al tiramisù. “L'idea è quella di accontentare tutti, chi cerca un pasto veloce o desidera fermarsi per cena in un contesto più rilassato. E con grande attenzione al prezzo, dagli 8 ai 20 euro per le proposte in carta. Con 30-35 euro si potrà fare un pasto completo”, racconta De Angelis, orgoglioso di presentarsi su piazza con un gruppo affiatato e tanta voglia di fare bene: “Puntiamo sul turismo internazionale con una proposta che metta davvero in luce le qualità della ristorazione italiana. Dovranno togliere tutti quei tavoli abusivi, vedremo chi avrà la meglio!”. La sfida è appena iniziata.  

 

Vos | Roma | via di Pietra, 74 | da giovedì 5 ottobre

 

a cura di Livia Montagnoli

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition