19 Feb 2018 / 17:02

Florence Cocktail Week 2018. Una settimana tra shaker e twist sul Negroni per scoprire la Firenze del bere miscelato

Terza edizione per la rassegna dedicata alla miscelazione fiorentina e ai 21 cocktail bar della città che rappresentano la vivacità del bartending locale. In programma approfondimenti, masterclass, incontri con ospiti internazionali, una competizione all'ultimo cocktail tra bartender. E tanti cocktail da scoprire lungo l'itinerario della Florence Cocktail Week. 

Florence Cocktail Week 2018. Una settimana tra shaker e twist sul Negroni per scoprire la Firenze del bere miscelato

Terza edizione per la rassegna dedicata alla miscelazione fiorentina e ai 21 cocktail bar della città che rappresentano la vivacità del bartending locale. In programma approfondimenti, masterclass, incontri con ospiti internazionali, una competizione all'ultimo cocktail tra bartender. E tanti cocktail da scoprire lungo l'itinerario della Florence Cocktail Week. 

La miscelazione a Firenze. Com'è cresciuta

E alla vigilia della terza edizione, è arrivato anche il patrocino del Comune, a testimoniare quanto la Florence Cocktail Week abbia saputo conquistare il suo posto tra le rassegne d'intrattenimento e culturali insieme che Firenze ospita nel corso dell'anno. Il capoluogo toscano, per primo in Italia, accoglieva ormai due anni fa il progetto pilota di una manifestazione tutta dedicata alla miscelazione di qualità e ai suoi protagonisti, importando nel nostro Paese un modello già sdoganato nelle più importanti capitali internazionali del bere miscelato (lo dicevamo allora, l'adattamento fiorentino di un format diffuso da Londra a Singapore e Parigi, sembrava un'ottima intuizione sostenuta da terreno fertile, con grandi margini di crescita). Da allora la Florence Cocktail Week, ideata e organizzata da Paola Mencarelli Lorenzo Nigro, è maturata e cresciuta, ampliando il proprio raggio d'azione, e stimolando al contempo la crescita della scena di settore fiorentina (tra le ultime novità, vi abbiamo parlato di Manifattura). Non a caso il cast della terza edizione, in programma dal 30 aprile al 6 maggio 2018, coinvolgerà ben 21 insegne (l'anno scorso erano in 16) e i rispettivi barman che hanno scelto di mettersi in gioco aprendo le porte alla città e cimentandosi con il contest che porterà a eleggere il cocktail migliore della manifestazione. Un panorama estremamente diversificato, quello offerto dalla mixology in salsa fiorentina, che vede partecipare l'uno accanto all'altro caffè storici, bar d'albergo e locali di tendenza (tra nuove insegne e vecchie conoscenze della rassegna), dove l'arte del cocktail spesso è il degno complemento di una proposta di ristorazione di livello. Di fatto, quindi, un'edizione dopo l'altra, la Cocktail Week è stata motivo per la città e i suoi barman di presa di coscienza del livello complessivo di un'offerta che per vivacità e competenza non ha nulla da invidiare a molte grandi città del mondo. E anche il parterre degli ospiti che ogni anno la manifestazione riesce a richiamare a Firenze, se da un lato è merito degli sforzi degli organizzatori, dall'altro è emblematico del fascino che il panorama della miscelazione fiorentina esercita sugli addetti ai lavori d'Italia e del mondo.

Le regole del gioco

Dunque anche stavolta la settimana si preannuncia ricca di appuntamenti e sorprese, mixando incontri con i protagonisti del settore, masterclass rivolte a barman e stampa specializzata, eventi aperti al pubblico, che seguendo la mappa della Florence Cocktail Week potrà muoversi per la città alla scoperta dei drink ideati dai locali coinvolti. Ogni cocktail bar presenterà4 proposte che confluiranno nella Cocktail List FCW2018, studiata ad hoc per l’intera settimana a un prezzo speciale. Nei 7 giorni della kermesse, così, sarà possibile accomodarsi al banco per scegliere tra il Signature cocktail ideato a mano libera dal bartender (lo stesso gareggerà per accedere alla finale del contest in programma), un cocktail ribattezzato RiEsco a Bere Italiano (con prodotti esclusivamente made in Italy, protagonisti anche al Salone de Liquori, Amari e Distillati italiani, che andrà in scena il 4 maggio in collaborazione con Shaker Club), un twist sul cocktail Negroni (e a breve capiremo perché) e il cocktail Abituati al Futuro.

 

Gli ospiti, la competizione

Ma si diceva del Negroni, che nel 2019 festeggerà il suo centenario: anche per onorare un anniversario tanto importante per la miscelazione italiana, la FCW ospiterà Mauro Mahjoub, che nell'ambiente tutti conoscono come Re del Negroni, patron del Boulevardier Bar di Monaco di Baviera. A lui, oltre che alla storia del drink che probabilmente più rappresenta il mito del bartending tricolore nel mondo, saranno dedicate la variazioni sul tema Negroni (i twist) di ogni singolo bartender. Tra gli ospiti, venerdì 4 maggio sarà la volta di Samuele Ambrosi, che insieme al collega francese Sullivan Doh (Le Syndicat, Parigi), approfondirà l'importanza dell'origine delle materie prime. Sabato 5 maggio, invece, i riflettori saranno tutti puntati su un mito della miscelazione internazionale come Philip Bischoff (l'anno scorso lo scettro di ospite d'onore era toccato al coreografico Hidetsugu Ueno) dal Manhattan Bar di Singapore all'Atrium Bar del Four Seasons Hotel di Firenze, teatro di diversi appuntamenti e in lista tra i grandi bar d'albergo coinvolti. Chiuderà i giochi, domenica 6 maggio, il contest che metterà i 6 bartender finalisti a confronto con una giuria di esperti riunita per decretare il protagonista dell'edizione 2018: alla finale, dunque, potrà accedere solo chi più convincerà per accoglienza, servizio e qualità della miscelazione gli esperti in visita tra i bar nei giorni della manifestazione. Ma attnezione particolare sarà riservata anche ai giovanissimi, protagonisti sul palco prima dei “big”, per confrontarsi nel Contest giovane talento under 25.

 

I cocktail bar partecipanti (con l'asterisco le novità 2018):

Atrium Bar - Four Seasons Hotel

Bitter Bar

Ditta Artigianale Oltrarno

*Empireo - Plaza Hotel Lucchesi

Gilli 1733

Gurdulù

Harry’s Bar

*Inferno

La Ménagère

Le Pool Bar - Villa Cora

Locale

MAD Souls&Spirits

*Manifattura

*Osteria del Pavone

*Picteau Lounge Bar - Hotel Lungarno

*Pint of View

Rasputin

The Fusion Bar - Gallery Hotel Art

Viktoria Lounge Bar

*The Cloister - Belmond Villa San Michele

Winter Garden Bar - The St. Regis Florence

 

a cura di Livia Montagnoli

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition