3 Lug 2018 / 17:07

La Merenda di Ale nella campagna umbra. Tutti invitati alla festa in ricordo di Alessandro Narducci

L'idea arriva da Valerio Capriotti, che Alessandro l'ha visto crescere nel paese d'infanzia di entrambi, Cantone, nella provincia di Terni al confine tra Lazio e Umbria. Appuntamento il 22 luglio, con teglie, taglieri, vassoi, bottiglie per un pomeriggio di festa, insieme ad amici e colleghi dello sfortunato chef. 

La Merenda di Ale nella campagna umbra. Tutti invitati alla festa in ricordo di Alessandro Narducci

L'idea arriva da Valerio Capriotti, che Alessandro l'ha visto crescere nel paese d'infanzia di entrambi, Cantone, nella provincia di Terni al confine tra Lazio e Umbria. Appuntamento il 22 luglio, con teglie, taglieri, vassoi, bottiglie per un pomeriggio di festa, insieme ad amici e colleghi dello sfortunato chef. 

 

Passano i giorni, ma gli attestati di stima e di affetto in ricordo di Alessandro Narducci, bravo professionista che molto sapeva farsi benvolere, si moltiplicano incessanti. Lo ricordano i colleghi, gli amici e pure chi non lo conosceva di persona, ma del suo talento aveva sentito parlare. Proprio al talento del giovane chef romano, vittima insieme a Giulia Puleio di un terribile incidente stradale (lo scorso 22 giugno, ha contribuito a stimolare la riflessione sul problema della sicurezza stradale a Roma, con la campagna promossa da Cristina Bowerman, nel frattempo divenuta virale), il Gambero Rosso ha deciso di intitolare un premio, al cuoco emergente, sin dalla prossima edizione della guida Ristoranti d'Italia. Mentre tra gli amici più stretti c'è chi vuole celebrarne la vitalità anche (e con più forza) ora che Alessandro non c'è più.

La Merenda a Cantone

Valerio Capriotti (che di mestiere è un professionista di sala, maitre di Spazio a Roma) è uno di loro, Alessandro lo conosceva da sempre: in comune, il più classico dei ritrovi fuori città di cui ognuno di noi ha memoria, il “paese dei nonni”, quello delle estati all'aperto e delle belle serate in piazzetta con gli amici. Per Valerio e Alessandro le coordinate sono state quelle di Cantone, un'ora e un quarto di macchina da Roma, nella campagna umbra in provincia di Terni, uscita autostradale Fabro. Un piccolo borgo rurale, neanche 50 anime e la campagna tutt'intorno: “Lo zio di Ale frequentava il mio gruppo, sin da ragazzino lui ha cominciato a seguirci, è cresciuto con noi. E quando gli è venuta voglia di cucinare sono stato tra i primi a stimolarlo. Il nostro era un rapporto fraterno”. L'anno scorso, insieme, avevano collaborato all'organizzazione di una cena medievale a Parrano, “Alessandro era venuto a cucinare, il prossimo 7 luglio avremmo dovuto ripetere, non sarà così”. Ma la voglia di stare insieme, “con Alessandro”, non è venuta meno. Così, il 22 luglio, alle Cantine di Cantone (“lo spazio solitamente utilizzato in paese per sagre e manifestazioni all'aperto”), Valerio sarà maestro di cerimonie della Merenda di Ale, che di cerimonioso, per dir la verità, avrà ben poco: “L'idea è quella di farci una mangiata e una bevuta con Alessandro, come sarebbe piaciuto a lui, con tanti amici, ognuno invitato a portare qualcosa”. In teglia, in pentola, su vassoio, in bottiglia... Si legge sulla pagina Facebook che Valerio ha dedicato all'evento: “Immagino una lunga tavolata imbandita, una merenda a buffet, con le teglie allineate, il pane, i salumi, il tavolo per le bevande (per cucinare solo un paio di fornelli, meglio portare cose già pronte, ndr). E tutti che si servono liberamente, magari con l'aiuto dei ragazzi di Coquis, che Angelo Troiani manderà per il servizio. Comunque una cosa molto spontanea, com'era Alessandro, anche se mi piacerebbe che i cuochi fossero in bianco”.

Gli amici di Ale

Perché i cuochi, i colleghi di Ale, ci saranno, “ho già cominciato a prendere contatti, ma sono tutti invitati, non solo i romani”. Parteciperanno Daniele Usai e con molta probabilità Heinz Beck, ma anche la squadra di Cristina Bowerman. Da Spazio, Gaia Giordano invierà due teglie di parmigiana di melanzane, il pane invece lo fornirà Davide Longoni, Falorni donerà i suoi guanciali, “è una macchina che si muove a costo zero, magari facendo affidamento sugli sponsor di ognuno e sulla voglia di condividere un bel momento: più siamo e meglio stiamo”. E un contributo fondamentale arriverà anche dalla Proloco Cantone, che subito si è mobilitata per sostenere l'iniziativa, mettendo a disposizione lo spazio e garantendo tutto il suo aiuto: “Tutto il paese è con noi, chi preparerà la panzanella, chi i crostini di fegato, il prosciuttificio locale offre un paio di prosciutti, il caseificio tre forme di formaggio. L'evento è gratuito, ma proporrò una cassetta per le offerte libere, giusto per ripagare la Proloco delle spese organizzative”. Si comincia alle 18, “andremo avanti fino alle 22, non faremo tardi, e ci sarà modo anche di piantare un alberello in ricordo di Alessandro, con i genitori Maurizio e Alessandra circondati dall'affetto di tutti”.

 

Merenda di Ale – Cantone (Parrano, TR) – Cantine di Cantone – il 22 luglio 2018, dalle 18 alle 22 – Informazioni sulla pagina Fb dell'evento

 

a cura di Livia Montagnoli

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition