10 Set 2018 / 15:09

Pizza Romana Day. A Roma la riscossa della Nuova Pizza Romana, che lancia un manifesto

A firmarlo saranno i pizzaioli convinti che la pizza romana possa competere con la napoletana, ragionando su impasti e condimenti per restituire dignità a uno stile dotato di storia e identità da difendere. Una giornata, il 13 settembre, per scoprire quant'è buona la “nuova” pizza romana. 

Pizza Romana Day. A Roma la riscossa della Nuova Pizza Romana, che lancia un manifesto

A firmarlo saranno i pizzaioli convinti che la pizza romana possa competere con la napoletana, ragionando su impasti e condimenti per restituire dignità a uno stile dotato di storia e identità da difendere. Una giornata, il 13 settembre, per scoprire quant'è buona la “nuova” pizza romana. 

 

La rinascita della pizza romana

Sarà una giornata di celebrazione, e il nome dell'evento non lascia dubbi a riguardo. Ma anche un momento di riflessione che coinvolgerà i pizzaioli di una città, Roma, intenzionati a ripensare la comunicazione della pizza romana. Perché lo stile peculiare della Capitale sia in cerca di riscatto a fronte del dilagante successo della pizza napoletana è presto detto: considerato marginale soprattutto per l'incapacità di stabilire e difendere determinati parametri di qualità (quante sono, a Roma, le pizzerie acchiappaturisti che hanno svilito la pizza romana in nome di una logica del commercio senza regole tecniche ed etica del lavoro?) il modello della pizza romana è rimasto relegato entro i confini della città, schiacciato da un prodotto che invece ha saputo nobilitare la sua storia, raccontare il cuore e le tradizioni di un'intera città – Napoli – e farsi promotore di un mestiere antico che di recente ha conquistato un traguardo importante, con il riconoscimento Unesco per l'Arte del pizzaiuolo napoletano. Ma insensato sarebbe limitarsi alla contrapposizione tra due stili che invece possono coesistere proprio in virtù di quella evoluzione che il settore della pizza ha conosciuto negli ultimi anni, sperimentando sugli impasti, riallacciando i contatti con il territorio e i suoi produttori, innovando il prodotto, e quindi di fatto rendendo anacronistica qualsiasi gerarchia stilistica. Esiste la pizza buona, e quella che non lo è. Le pizzerie che lavorano con coscienza per migliorarsi e offrire un'esperienza di qualità al cliente, e quelle che invece se ne infischiano. La professionalità prescinde dagli stili, e questo dovrebbe essere un punto di partenza ovvio. Indubbiamente, però, c'è bisogno di pizzaioli impegnati sul campo per concretizzare la rinascita della pizza romana, indirizzando la ricerca su impasti e condimenti che restituiscano dignità e identità al prodotto.

 

Il Pizza Romana Day

Il Pizza Romana Day (promosso da Agrodolce in collaborazione con Greenstyle e Repubblica Sapori) ha intenzione di sancire una nuova consapevolezza, impostare la ripartenza con la complicità dei pionieri della Nuova Pizza Romana, e dotarli di un manifesto sottoscritto da un nutrito gruppo di pizzaioli che hanno deciso di scommettere sulla riscossa della pizza romana. Tutto avverrà il 13 settembre, in due momenti distinti pensati per coinvolgere non solo gli addetti ai lavori, ma anche i romani. La mattina, presso l'Osteria di Birra del Borgo, sarà il momento di riflettere sul tema, durante l'incontro a porte chiuse moderato da Eleonora Cozzella: al termine della mattinata sarà svelato il Manifesto della Nuova Pizza Romana, un decalogo concentrato sulle linee guida e gli obiettivi di un movimento che riparte dalle basi per raggiungere nuovi traguardi. La sera l'evento conquista la città: numerose le pizzerie della Capitale che hanno aderito all'iniziativa scegliendo di omaggiare la pizza romana, cimentandosi per una sera con le cinque classiche dello stile: Margherita, Napoli, capricciosa, funghi, fiori. Sfida facoltativa: il calzone romano. In aggiunta anche due rivisitazioni sul tema, con condimenti speciali a discrezione dei pizzaioli. Dunque all'evento prenderanno parte non solo le pizzerie dichiaratamente fautrici della rinascita della pizza romana – pensiamo per esempio a 180g, Giulietta, Passetto – ma anche le insegne che hanno scelto di accettare la sfida per una sera. Di seguito l'elenco delle pizzerie coinvolte il 13 settembre, ricordando che per scoprire le ultime novità e le migliori pizzerie su scala nazionale il 20 settembre l'appuntamento è a Napoli, per la presentazione della guida Pizzerie d'Italia 2019 del Gambero Rosso a Palazzo Caracciolo.

 

Le pizzerie del Pizza Romana Day

180g Pizzeria Romana | via Tor de’ Schiavi, 53

91 bis | via della Farnesina, 91

Al Grottino | via Orvieto, 6

Exquisitaly | piazza di S. Bernardo, 99

Frontoni |  via Assisi, 117

La Gatta Mangiona | via Ozanam, 30-32

Gazometro 38 | via del Gazometro, 38

Giulietta |  pizza dell’Emporio, 28

Magnifica | via Ugo De Caroli, 72 d

            Moma | via Calpurnio Fiamma, 40-44

            Osteria di Birra del Borgo | via Silla, 26a

Pro loco Pinciano | via Bergamo, 18

Sant'Alberto | via del Pigneto, 45

Sbanco | via Siria, 1

Seu Pizza Illuminati | via Angelo Bargoni, 10-18

Spiazzo | via Antonio Pacinotti, 83

Pizzeria di Quartiere | Pietralata

Lievito | Via Andrea Doria, 12

Passetto | Piazza di S. Apollinare, 4

Casette di Campagna | Via di Affogalasino, 40

 

a cura di Livia Montagnoli

 

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition