Il racconto nostalgico de Il Mulino del Po di Riccardo Bacchelli rivive nei sapori della pinza dei mugnai. Un pane antico recuperato da Maurizio Barotto e Fousia della Locanda Al Pizzon.... 27 Agosto 2013
Non si fermano neppure in luglio le aperture di nuovi piccoli e sfiziosi concetti gastronomici nella città. C’è tanta crisi e tutti s’industriano. Così nascono cose di qualità e di nicchia. Come un chiosco a forma di tram in un parco o una gastronomia fresca tutta gluten free…... 17 Luglio 2013
Dal lavoro di ricerca di un appassionato agricoltore parmense, supportato da un molino storico del territorio che vanta 80 anni di attività, nasce il progetto di salvaguardia e promozione di una varietà di frumento antica che non veniva più coltivata dagli anni ’20: il Grano del Miracolo.... 27 Giugno 2013
Mescolare la farina insieme allo strutto, se c'è bisogno aggiungere acqua calda e sale. Fare una pasta omogenea e dividere in palline. Far riposare 20 minuti e stendere con il mattarello fino a ottenere una forma rotonda. Cuocere in una padella antiaderente.... 14 Giugno 2011
Cuocere le fettine di manzo in abbondante olio extravergine d'oliva, salare e coprire con il coperchio affinché la carne non si secchi troppo e si formi un vero e proprio sughetto grazie ai succhi che la carne perde in cottura. Togliere le fettine dalla padella, tenere da parte in un piatto, bagnare solo un lato del panino con il sughetto della carne, passando direttamente la fetta in padella. Adagiare sulla base del panino la misticanza condita con olio extravergine d'oliva, la fettina e in ultimo coprire con l'altra fetta di pane. Servire il panino caldo, al massimo tiepido.... 13 Maggio 2011
In una ciotola capiente mescolare bene con una frusta la farina, il lievito e il bicarbonato. Versare a poco a poco l'acqua, il latte, aggiungere lo strutto e impastare. Formare una palla e lasciar riposare in frigorifero per 6/8 ore (a temperatura ambiente anche 2/3 ore). Stendere la pasta a uno spessore di circa 3 mm e formare dei dischi della dimensione del fondo della padella che si intende utilizzare. Cuocere i dischi su una padella antiaderente ben calda per dare la colorazione classica bruciacchiata della piadina.


Eliminare il pistillo dai fiori di zucca, lavarli e asciugarli accuratamente, quindi tagliarli a listarelle sottili. Saltare i fiori in padella con un filo d'olio per un minuto. Aprire la burrata con le forbici e tagliuzzare la sfoglia di pasta più compatta che l’avvolge incorporandola al resto. Dividere in due parti la piadina ancora tiepida, spalmare su una metà con l’aiuto di un cucchiaio la burrata, i fiori di zucca saltati e i filetti di alici, circa tre divisi in due. Coprire con l’altra metà della piadina.


tratta dalla rubrica la cucina di casa del Mensile Gambero Rosso
... 13 Maggio 2011

Preparare la salamoia mescolando bene tutti gli ingredienti con l’aiuto di una forchetta. Si deve ottenere una salsa densa e opaca. In una caraffa graduata sciogliere il lievito nell’acqua tiepida con le mani. Adagiare le farine ben mescolate in una ciotola e aggiungere a poco a poco l’acqua con il lievito, l’olio e il sale mescolando con un cucchiaio. Il composto non si deve impastare. Ungere la superficie con un filo d'olio, coprire con un panno e lasciar lievitare per dieci minuti. Ungere con un pennellino una teglia antiaderente (se non lo fosse utilizzate pure la carta da forno) e adagiatevi al centro l'impasto, ungerlo delicatamente e coprire nuovamente con un panno, lasciar riposare per dieci minuti. Stendere delicatamente l'impasto nella teglia con la punta della dita, coprire e aspettare ancora venti minuti. Ultimo passaggio: bucherellare la focaccia con la punta delle dita e versarvi sopra la salamoia ben rimescolata, coprire con il panno e lasciar riposare per venti minuti. Cuocere inforno preriscaldato per 25 minuti. Questa è la ricetta della focaccia di Locatelli tratta da libro Made in Italy, Food and Stories, a cui ho apportato qualche piccola modifica. Pulire bene i peperoni e tagliarli a listarelle piuttosto sottili. Cuocerli in padella con olio extravergine per circa quindici minuti, i peperoni si devono cuocere senza perdere completamente la croccantezza. Far soffriggere la cipolla tritata finemente in due cucchiai di olio extravergine e una noce di burro, aggiungere il baccalà e lasciar rosolare su entrambi i lati per qualche minuto. Versare il latte, precedentemente scaldato, sul baccalà e cuocere per circa un'ora. Il baccalà si deve rompere, sfaldare per l'esattezza. Aprire la focaccia e farcire con un primo strato di peperoni e un secondo di baccalà mantecato. Servire tiepida o fredda.

di Sara Bonamini
ricetta tratta dal mensile del Gambero Rosso  
... 13 Maggio 2011
Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida con lo zucchero, lasciando riposare per qualche minuto (si formerà una schiuma leggera in superficie). In un recipiente largo mescolare le farine con il sale. Aggiungere il burro morbido e lavorare con le dita, formando delle briciole. Aggiungere il composto con il lievito, l'uovo e lavorare con una spatola per omogeneizzare l'impasto. Se l'impasto è troppo duro, aggiungere il latte tiepido, deve essere morbido. Rovesciare l'impasto su una spianatoia e lavorarlo energicamente per 10 minuti, scavando, facendo le pieghe e infine sbattendolo sulla spianatoia tre volte, fino a renderlo liscio (non preoccuparsi se l'impasto è un po' appiccicoso, aggiungere farina renderebbe i panini meno soffici). Mettere l'impasto in una ciotola leggermente unta di olio e coprire con un canovaccio. Lasciar lievitare per 2 ore, finché raddoppia di volume. Dopo la prima lievitazione, rovesciare l'impasto su un piano, formare un panetto e tagliarlo in 10 pezzi (o più, se si vogliono panini più piccoli). Formare delle palline schiacciate e porle su una teglia ricoperta di carta forno. Coprire con un panno e lasciare lievitare per un'altra ora. Preriscaldare il forno a 175°C. Spennellare i panini con l'uovo, poi spolverarli con i semi di sesamo. Mettere sul fondo del forno un pentolino pieno d'acqua e cuocere i panini per circa 15 minuti, fino a doratura. I panini si conservano bene per una settimana, chiusi in un sacchetto (oppure si possono congelare). Grazie a Pina Sozio per aver ricercato e testato più volte la ricetta perfetta per il panino da hamburger.   In una pentola dai bordi alti non troppo larga, mettere a bollire una cipolla, un sedano e una carota in due litri d’acqua. Aggiungere la carne solo quando il brodo è in ebollizione e lasciar cuocere per un’ora. Togliere la carne dal fuoco, filtrare il brodo e tenere da parte. Tagliare il bollito a pezzi piuttosto piccoli. In una pentola antiaderente far soffriggere la cipolla bianca affettata finemente in tre cucchiai d'olio. Pulire i pomodorini, privarli dei semi, tritarli grossolanamente e aggiungerli al soffritto. Salare e lasciar cuocere per cinque minuti, unendo un mestolo di brodo di carne. Aggiungere la carne, salare e cuocere a fuoco basso per circa venti minuti. Se la carne si dovesse seccare durante la cottura aggiungere uno o due mestoli di brodo. Riempire il panino con il bollito alla picchiapò tiepido.  ... 13 Maggio 2011
In una ciotola molto capiente versare la farina di mais, la farina 00, il sale, il baking powder e mischiarli con una frusta. In una pentola antiaderente lasciar sciogliere a fuoco basso il burro nel latte. Sbattere le uova in una ciotola e unirle al latte e al burro fuso, unendone prima un mestolo e poi tutto il resto (serve per stemperare). Unire i liquidi (latte, burro e uova) ai solidi (farina 00, farina di mais, sale e baking powder), mescolare per amalgamare gli ingredienti senza lavorare troppo l'impasto. Versare subito in una teglia ricoperta foderata con carta da forno. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 25 minuti.... 23 Febbraio 2011
Torna dal 16 al 19 settembre Pane Nostrum, Festa internazionale del Pane che da 10 anni si tiene a Senigallia (AN), sulla riviera anconetana. Un gustoso e affascinante viaggio attraverso i sapori, le fragranze, la storia, le usanze, la geografia del pane, che trasforma Senigallia in "Città dell'Ar... 01 Gennaio 2011

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition