Lavate le patate e lessatele con la buccia in acqua salata inizialmente fredda. Staccate le foglie dal cavolo e privatele della costola centrale troppo dura; dividete il grumolo in quattro spicchi.

Lavatelo più volte sotto l’acqua corrente e lessatelo in poca acqua salata in ebollizione quindi scolatelo e lasciatelo ben sgocciolare.

Quando le patate sono pronte, pelatele e, ancora calde, passatele allo schiacciapatate lasciandole cadere sulla spianatoia infarinata. Una volta fredde, unitevi circa 150 g di farina, l’olio e un pizzico di sale.

Impastate il tutto per qualche minuto quindi stendete la pasta a uno spessore di circa 1 cm e ricavatene delle focaccette di 10 cm di diametro.


Tagliuzzate grossolanamente il cavolo, tagliate a dadini la patata lessa. Scaldate l’olio in una padella, fatevi soffriggere dolcemente gli spicchi d’aglio tritati quindi unitevi cavolo e patate, insaporite con sale e pepe e fateli saltare per qualche minuto.

Friggete le focaccine in abbondante olio ben caldo scolandole quando saranno appena dorate.

Passatele su un doppio foglio di carta da cucina e servitele subito, mettendo sopra a ognuna una cucchiaiata di cavolo e patate ben caldi.... 19 Ottobre 2009

Preparazione: 40 + 1 ora per il riposo

Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e versatevi le uova sbattute, la grappa, le scorze grattugiate, il burro fuso, lo zucchero e un pizzico di sale. Mescolate gli ingredienti e impastate per una decina di minuti ottenendo una pasta di media consistenza; raccoglietela a palla, avvolgetela nella pellicola e lasciatela riposare per circa un’ora.

Staccate un pezzo di pasta e, rotolandola sulla spianatoia infarinata, ricavate dei lunghi rotolini dello spessore di un dito mignolo. Tagliateli a pezzetti di 1/2 cm e allargateli su un piano appena infarinato.

Scaldate olio molto abbondante nel padellone da frittura (160-170°) e friggete pochi pezzettini di pasta alla volta. Scolateli a color oro chiaro e passateli su un doppio foglio da carta da cucina.

Quando sono tutti pronti, versate il miele in una casseruola, unitevi lo zucchero e 4 cucchiai d’acqua e fate alzare lentamente l’ebollizione. Lasciate bollire molto dolcemente per qualche minuto fino a quando non sarà scomparsa la schiuma dalla superficie quindi versatevi i canditi e, subito dopo, anche i pezzettini di pasta.

Mantenete la fiamma sotto al minimo e mescolate delicatamente per qualche minuto, con un cucchiaio di legno. A questo punto versate il contenuto della casseruola in un piatto da portata rotondo e, con le mani bagnate, modellate gli struffoli dando loro una forma di ciambella.

Infine decorateli facendovi cadere a pioggia i diavolilli e sistemando qua e là delle mezze ciliege candite. Gli struffoli sono migliori se preparati con un paio di giorni di anticipo e, ben avvolti con un foglio di alluminio, si conservano bene anche per una settimana.... 19 Ottobre 2009
Preparazione: 20 minuti + 1 ora per il riposo

Fate ammollare l'uvetta in acqua tiepida. Setacciate la farina in una ciotola capiente e miscelatela con il lievito, lo zucchero e un pizzico di sale. Formate una cavità e mettetevi le uova intere e il rum.

Mescolate gli ingredienti unendovi tanto latte appena tiepido, in quantità sufficiente per ottenere una pastella densa. Scolate l’uvetta e asciugatela bene quindi infarinatela leggermente e amalgamatela al composto.

Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e fate lievitare l'impasto in un luogo tiepido per un’ora abbondante fino a quando sarà raddoppiato.

Mettete sul fuoco la padella con olio molto abbondante e, quando è ben caldo, prendendo come misura un cucchiaino da tè, versatevi l’impasto a cucchiaiate senza riempire troppo la padella.

Girate le frittelle una volta e tiratele su quando avranno preso un bel colore oro scuro. Passatele su un doppio foglio di carta da cucina e, quando sono tiepide, spolveratele abbondantemente con lo zucchero a velo.... 15 Ottobre 2009
Preparazione: 20 minuti + 1 ora per il riposo

Setacciate la farina in una ciotola e, mescolando con una frustina, diluitela con l’acqua necessaria per ottenere una pastella fluida. Amalgamatevi anche l’uovo intero e l’olio quindi coprite la ciotola e lasciate riposare la pastella in frigorifero per circa un’ora.
  Mettete la ricotta in un piatto fondo e, schiacciando con la forchetta, amalgamatela con il parmigiano, il tuorlo d’uovo, una grattatina di noce moscata, poco sale e pepe.

Mondate i fiori di zucca dal gambo e dalle piccole puntine verdi quindi lavateli rapidamente sotto il getto dell’acqua e asciugateli appoggiandoli sopra un canovaccio.

Aprite delicatamente i fiori, farciteli con il composto di ricotta e chiudeteli girandoli leggermente come una caramella. Mettete sul fuoco la padella con olio molto abbondante e, quando è ben caldo passate i fiori nella pastella e immergeteli nell’olio.

Fateli friggere due o tre minuti per parte quindi scolateli, passateli su un doppio foglio di carta da cucina e salateli. Serviteli caldissimi.... 15 Ottobre 2009
Fate scaldare 250 g d'acqua in una casseruola con il burro a pezzetti e un pizzico di sale. Quando l'acqua comincerà a bollire e il burro sarà fuso, versate in un sol colpo tutta la farina setacciata.

Mantenendo la casseruola sul fuoco, lavorate energicamente il composto con un cucchiaio di legno fino a quando la pasta si staccherà dalle pareti della casseruola, raccogliendosi a palla.

Ritirate la casseruola dal fuoco e aggiungetevi le uova, uno alla volta, sbattendo vigorosamente e non aggiungendo il seguente fino a quando il precedente non è stato ben incorporato alla pasta.

Fate scaldare abbondante olio nella padella e, quando è a temperatura (170°), calatevi delle palline di pasta formate con un cucchiaino da caffè.

Friggete pochi tortelli alla volta perché con il calore si gonfiano molto. Non è necessario girarli: si volteranno da soli quando saranno ben gonfi e dorati da una parte.

Lasciateli dorare anche dall’altra parte prima di tirarli su e passarli su un doppio foglio di carta da cucina.

Una volta pronti, rotolate i tortelli nello zucchero e serviteli tiepidi o freddi.... 14 Ottobre 2009
Preparazione: 30 minuti + 3 ore di lievitazione

Impastare la farina con lo zucchero, la scorza grattugiata, il burro a temperatura ambiente, il lievito sciolto in acqua tiepida e un pizzico di sale.

Lavorare a lungo fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Coprire e mettere a lievitare in luogo tiepido per circa due ore. 

Sgonfiare la pasta, lavorarla per qualche minuto e stenderla in uno spessore di 1 cm circa. Con uno stampo tondo, o un bicchiere rovesciato, formare dei cerchi praticando all’interno un buco.

Coprire le ciambelle ottenute e farle lievitare per un’altra ora.

In una pentola alta portare abbondante olio a temperatura e friggere le ciambelle rivoltandole da ambo le parti.

Scolare le ciambelle, asciugarle su carta da fritti e cospargere con zucchero semolato.... 12 Ottobre 2009
Preparazione: 20 minuti + 1 ora di lievitazione

Sciogliere il lievito con 100 g d’acqua e un po’ di farina formando un piccolo impasto sodo, coprire con un piattino e lasciar lievitare fino al raddoppio (1 oretta circa).
 
Fare la fontana con la restante farina, unire il panetto lievitato, versare il resto dell’acqua e lavorare. Ottenere una palla soda ed elastica, coprire e lasciar lievitare l’impasto in luogo tiepido fino al raddoppio (circa un paio d’ore).

Lavorare l’impasto con le mani unte d’olio o bagnate con acqua calda, unire il sale, lo zucchero e i 5 cucchiai d’olio e continuare a battere l’impasto vigorosamente per qualche minuto.

Lasciar riposare l’impasto per qualche istante, poi stenderlo con il mattarello in una sfoglia sottile. Con un anello tagliapasta formare dei dischi di 12-15 cm di diametro. Sistemare al centro un po’ di pomodoro, mozzarella, sale, pepe e una punta di ricotta forte.

Bagnare i bordi con un po’ d’acqua e chiudere a metà facendo aderire bene affinché la farcia non fuoriesca. Friggere le pizzelle in olio bollente, scolandole quando vengono a galla e asciugandole su carta da fritti. Servire bollenti.... 12 Ottobre 2009
Far cuocere le patate con la buccia in abbondante acqua bollente salata per circa 15 minuti. Scolare e lasciar raffreddare poi sbucciare le patate e schiacciarle aiutandosi con un cucchiaio di legno.

Aggiungere il baccalà mondato da pelle e spine e ridotto a pezzettini piccoli. Aggiungere l’uovo sbattuto, la farina, abbondante pepe macinato e i semini della bacca di vaniglia.

Mescolare il tutto in modo da amalgamare bene e formare delle polpettine.

Passare le polpettine nel pangrattato e friggerle nell’olio caldo per qualche minuto finché non siano dorate. Scolare su della carta da cucina e servire caldi.... 12 Ottobre 2009
Fiammeggiate con cura il pollo, ripulitelo dalle pennette quindi spuntate le ali le zampe e dividetelo a piccoli pezzi. Dovrete ricavarne diciotto pezzi: due da ogni coscia, due dalla sopracoscia, due dall’ala e tre dal petto.

Lavateli sotto l’acqua corrente rimuovendo le piccole schegge di ossa quindi asciugateli dentro vari strati di carta da cucina e rotolateli nella farina rivestendoli bene.

Sbattete le uova dentro una ciotola, metteteci dentro i pezzi di pollo, mescolate quindi coprite e lasciate riposare al fresco.

Mettete sul fuoco la padella con olio abbondante e, quando è ben caldo, tuffatevi la metà del pollo.

Dopo qualche minuto, abbassate un po’ la fiamma [non al minimo] in modo che i pezzi di pollo possano cuocere anche all’interno e, dopo una decina di minuti, rialzatela nuovamente per dare al fritto una bella doratura.

Girate i pezzi di pollo una volta a metà cottura e fateli cuocere complessivamente per un quarto d’ora scarso, scuotendo ogni tanto la padella.

Infine scolateli, passateli su un doppio foglio di carta da cucina e teneteli in caldo nel forno semiaperto mentre friggete il resto.

Salate il pollo solo al momento di portarlo in tavola.

Secondo la stagione, si accompagna con zucchine, fiori o carciofi fritti e con una croccante insalata di lattuga.... 09 Ottobre 2009
Preparazione: 20 minuti + 1 ora di riposo

Setacciate la farina dentro una ciotola e, mescolando con una frusta, unite la birra necessaria per ottenere una pastella di media densità quindi aggiungete l'uovo intero e amalgamate bene.

Coprite la ciotola con la pellicola e fate riposare la pastella in frigorifero per almeno un'ora.

Trascorso questo tempo, spellate le cipolle e tagliatele a fette orizzontali di un cm scarso.

Mondate i fiori di zucchina dal gambo e dalle piccole puntine verdi quindi apriteli delicatamente e privarli del pistillo.
Lavateli rapidamente a testa in giù sotto il getto dell’acqua e allargateli su un panno per asciugarli. Lavate le zucchine e tagliatele a fette oblique.

Mettete sul fuoco la padella con olio abbondante e, quando è ben caldo, passate gli anelli di cipolla nella pastella e tuffateli nell’olio.

Quando sono appena dorati scolateli e passateli su un doppio foglio di carta da cucina.

Friggete nello stesso modo anche i fiori e le zucchine e servite subito la frittura leggermente spolverata di sale.... 09 Ottobre 2009

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition