Fiammeggiate l'anatra, ripulite bene la pelle dalle pennette quindi dividetela in ottavi scartando contemporaneamente i depositi di grasso all'interno. Lavatela e asciugatela tamponando con la carta da cucina.

Preparate un trito con cipolla, sedano e carota. Scaldate l'olio in un largo tegame e unite il trito di aromi e il chiodo di garofano.

Appena comincia a soffriggere, unite i pezzi di anatra e fate rosolare lentamente il tutto girando ogni tanto i pezzi di anatra in modo che le verdure e la carne si rosolino contemporaneamente prendendo un bel colore dorato.

Salate, pepate e, quando il soffritto sarà asciugato, bagnate con il vino. Quando il vino è sfumato, coprite e proseguite la cottura per una mezz'ora prima di unire i pomodori, una grattatina di noce moscata e poca maggiorana (se usate i pomodori freschi, lavateli, scottateli e passateli al passaverdura.

Quelli pelati, tritateli grossolanamente e se desiderate un sugo dal gusto più intenso, unite anche un cucchiaio di concentrato).

Lasciate cuocere ancora per un'oretta fino a quando la carne sarà molto tenera e nel frattempo preparate gli gnocchi. Lessate quindi le patate e, appena cotte, pelatele e passatele dallo schiacciapatate.

Impastatele con l'uovo e la farina (la quantità dipende dalla capacità di assorbimento delle patate) e, quando l'impasto è pronto, fatene dei bastoncini e tagliateli a pezzetti lunghi circa due centimetri e passateli sul retro della grattugia.

Quando il sugo è pronto regolate il sale e, se necessario, eliminate un po' del grasso affiorato.

Tuffate gli gnocchi in abbondante acqua ben salata in ebollizione e quando affiorano, tirateli su con la schiumarola e conditeli con il sugo di papera e il formaggio grattugiato.

Servite la carne come secondo piatto.

Questa è la versione più semplice. Se desiderate un sugo più corposo potete far rosolare insieme allle verdure e alla papera, un po' di carne macinata o due fette di prosciutto tritate o una salsiccia sbriciolata. Oppure, a fine cottura, potete disossare uno o due pezzi di papera quindi sfilacciare la polpa e amalgamarla al sugo che ovviamente è ottimo anche con la classiche tagliatelle all'uovo.... 07 Gennaio 2008
Tritate finissima la cipolla e fatela appassire dolcemente in una casseruola con l'olio senza farle prendere colore.

Unite la salsina di pomodoro, sale e pepe e fate cuocere dolcemente il sughetto per una mezz'ora prima di unire i piselli.

Coprite e fate cuocere sempre e fuoco lento per circa 20 minuti (di più o di meno secondo la freschezza e la dimensione dei piselli).

Scottate le lasagne, tre o quattro alla volta, in acqua salata in ebollizione, tiratele su con una schiumarola, passatele in acqua fredda e allargatele su un panno.

Prendete una pirofila rotonda profonda circa 10 cm e oliatela leggermente quindi fate uno strato di pasta, uno di piselli e una spolveratina di parmigiano.

Proseguite così fino ad esaurimento degli ingredienti e infine immergete la pirofila in una pentola contenente acqua in leggera ebollizione (il timballo deve cuocere a bagnomaria).

Coprite la pentola prima con un tovagliolo (assorbirà la condensa) e poi con un coperchio e fate cuocere per circa tre quarti d'ora.... 07 Gennaio 2008
Setacciate le due farine sulla spianatoia, miscelatele e fate la fontana. Impastate energicamente le due farine con l'acqua tiepida necessaria per ottenere un impasto di densità simile a quello delle tagliatelle.
Avvolgetelo nella pellicola a fatelo riposare un po' prima di stenderlo.

Nel frattempo preparate il sugo. Mondate e lavate sedano carota e cipolla e tritateli. Tritate finissimo il lardo e fatelo soffriggere dolcemente in una padella con l'olio.

Quando è ben sciolto, unitevi il trito di verdure e lasciate rosolare dolcemente per almeno un quarto d'ora in modo che la cipolla si cuocia perfettamente senza bruciarsi.

Quando il soffritto comincia a prendere colore, unite il concentrato sciolto in poca acqua calda e, subito dopo, i pomodori tritati grossolanamente.

Insaporite con sale e pepe, coprite e lasciate cuocere il sugo per circa tre quarti d'ora. Dividete l'impasto in tre pezzi e modellateli a palla.

Sistemate un pezzo su un foglio di carta forno e stendetelo con il matterello formando un disco di 2-3 mm di spessore.

Tagliatelo prima a strisce larghe circa 2 cm e successivamente, incrociando i tagli, a rombi.

Cuoceteli in abbondante acqua salata in ebollizione per un quarto d'ora scarso quindi scolateli e conditeli con il sugo e il parmigiano grattugiato.... 07 Gennaio 2008
Tagliate il pane a dadini, raccoglietelo in una ciotola, bagnatelo con il latte e lasciatelo così per una mezz’ora mescolando ogni tanto in modo che si imbeva completamente.

Nel frattempo, scaldate l’olio in una padella e fate appassire dolcemente la cipolla tritata finissima. Quando comincia a prendere colore, unitevi la polpa di pomodoro, sale e pepe e lasciate cuocere il sugo, a fuoco lento, per circa un quarto d’ora.

Trascorso il periodo di riposo, strizzate il pane fra le mani, raccoglietelo in una terrina e unitevi il prosciutto tritato, le uova sbattute, il formaggio grattugiato, un cucchiaio di prezzemolo tritato e la farina necessaria per ottenere un impasto consistente.

Insaporite con sale e pepe e lavorate l’impasto con le mani fino ad averlo ben amalgamato. Prendendo poco impasto alla volta con le mani infarinate, formate degli gnocchi rotondi delle dimensioni di una grossa ciliegia.

A lavoro ultimato, tuffate gli gnocchi in abbondante acqua salata in ebollizione e, via via che vengono a galla, tirateli su con la schiumarola e accomodateli in un piatto da portata caldo.

Conditeli con il sugo di pomodoro e con la ricotta grattugiata.... 07 Gennaio 2008
Preparazione: 20 minuti + 1 ora per la marinatura

Tagliate la carne a pezzettini, insaporitela con sale e pepe e fatela marinare per un'oretta.

Lavate e mondate i peperoni e tagliateli a listarelle. Tuffate i pomodori in acqua in ebollizione quindi passateli nell'acqua fredda, pelateli, privateli dei semi e tritateli grossolanamente.

Scaldate l'olio in un tegame e fate leggermente imbiondire gli spicchi d'aglio schiacciati. Quando hanno preso colore, eliminateli, rialzate la fiamma e mettete nel tegame la carne e le foglie di alloro.

Fatela rosolare per una decina di minuti mescolando quasi di continuo quindi bagnate con il vino. Quando è sfumato, unite i pomodori e i peperoni, salate poco le verdure, coprite e fate cuocere a fuoco dolce per circa un'ora.

Controllate la cottura, mescolate ogni tanto e unite mezzo mestolo di acqua caldo se il sugo si asciuga troppo.

Cuocete i maccheroni, scolateli al dente e conditeli con il ragù e a piacere con il formaggio.... 07 Gennaio 2008
Setacciate le due farine sulla spianatoia, fate la fontana e versatevi l'acqua tiepida necessaria per ottenere un impasto molto consistente.

Impastate energicamente per una decina di minuti quindi raccogliete l'impasto a palla, avvolgetelo con panno e lasciatelo riposare per un po' prima di stenderlo a un'altezza di 3-4 mm circa.

Tagliatelo in modo da ottenere una sorta di spaghettoni quadrati lunghi 15 cm circa. Preparate un trito con le carote, il sedano, la cipolla e gli spicchi d'aglio.

Scaldate l'olio in un tegame e fate rosolare dolcemente la cotica di prosciutto fino a quando avrà rilasciato parte del grasso.

Unite il trito di aromi e proseguite la rosolatura, a fuoco lento, per una decina di minuti.

A questo punto unite al soffritto una manciatina di prezzemolo tritato e, subito dopo, i pelati passati, sale e abbondante pepe.

Fate cuocere a fuoco vivace per circa venti di minuti: risulterà un intingolo dal sapore intenso e molto profumato.

Lessate i cecamariti in abbondante acqua salata, scolateli a saltateli in un'ampia padella con l'intingolo. Serviteli ben caldi con un'abbondante spolverata di pecorino.... 07 Gennaio 2008
Preparazione: 40 + 30 minuti di riposo

Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e versatevi 150 g di acqua tiepida e un pizzico di sale.

Impastate energicamente per almeno 5 minuti quindi formate una palla e lasciate riposare la pasta per una mezz'ora avvolta nella pellicola.

Prendendo un pezzo di pasta alla volta, formate un rotolino delle dimensioni di una matita e tagliatelo a pezzetti di circa 1 cm.

Via via che sono pronti, allargate i cazzarielli su un panno infarinato. Tritate sedano carota e cipolla.

Scaldate l'olio in una casseruola e fate rosolare dolcemente il guanciale a dadini e il peperoncino quindi unite il trito di verdure e fatelo ben appassire.
Aggiungete i pomodori frantumati e dopo qualche minuto anche i fagioli con la loro acqua di cottura, mescolate, salate e fate bollire dolcemente.

Nel frattempo, lessate i cazzarielli in abbondante acqua salata, scolateli al dente e versateli nella casseruola con i fagioli.

Fateli andare ancora per qualche minuto e servite la zuppa ben calda.... 07 Gennaio 2008
Scaldate l'olio in un tegame e fate appassire dolcemente la cipolla tritata e la salsiccia sbriciolata.
Quando la cipolla comincia a prendere colore, unitevi i pomodori passati dal passaverdure, il sale, lo zafferano [in quantità secondo il gusto personale] e qualche foglia di basilico.

Lasciate cuocere per circa un'ora quindi cuocete i malloreddus in abbondante acqua salata in ebollizione, scolateli e conditeli con salsa ben calda e con il pecorino grattugiato.

Fate riposare la pasta per un minuto prima di servire.... 07 Gennaio 2008
Fate ammollare i ceci in acqua tiepida per tutta la notte. Trascorso questo tempo, scolateli, sciacquateli e lessateli in acqua non salata aromatizzata con la foglia di alloro.

Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e versatevi l'acqua tiepida salata necessaria per ottenere una pasta consistente.

Impastate energicamente per una decina di minuti quindi ricavate una sfoglia sottile. Lasciatela un po' asciugare e ritagliate delle tagliatelle (lagane) larghe circa un cm. Allargatele su un panno infarinato.

Scaldate l'olio in un tegame capiente (possibilmente di terracotta) e fate imbiondire lo spicchio d'aglio schiacciato e il peperoncino.

Unite i pomodori e un rametto di rosmarino, salate e fate restringere il sughetto per una decina di minuti. Lessate le lagane in acqua salata in ebollizione.

Scolate i ceci e versateli nel tegame con il sugo.

Unitevi anche le lagane scolate al dente, mescolate e lasciate riposare la preparazione per due minuti prima di servirla.... 07 Gennaio 2008
Lavate peperoni, divideteli in due, mondateli dai semi e tagliateli a striscioline. Lavate e ripulite dai semi anche i pomodori e spezzettateli.

Scaldate l'olio in una padella e fate saltare le verdure preparate insieme a qualche foglia di basilico. Salate e lasciate cuocere a fuoco vivace per circa un quarto d'ora in modo che i peperoni rimangano croccanti.

Stendete la pasta ricavandone un largo disco di circa mezzo cm di spessore. Appoggiatelo sulla placca unta d'olio e distribuitevi l'intingolo di peperoni, le olive snocciolate e i capperi.

Completate con il pecorino e con il peperoncino sminuzzato e mettete la pitta nel forno a 200° e lasciatela cuocere per circa mezz'ora.... 07 Gennaio 2008

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition