Fate fondere il burro a bagnomaria o nel microonde. Rompete le uova separando i tuorli dagli albumi.

Raccogliete i tuorli in una ciotola molto capiente, unitevi lo zucchero a velo setacciato e la vanillina e sbattete a lungo con la frusta elettrica fino ad avere un composto molto gonfio, spumoso e chiarissimo.

Unite agli albumi un pizzico di sale, montateli a neve molto ferma e amalgamateli delicatamente al composto di tuorli e zucchero con un movimento dall’alto in basso.

Quindi, continuando ad amalgamare delicatamente nello stesso modo, unite poco per volta la fecola, la farina e facendole scendere da un setaccino.

Solo quando tutto è ben amalgamato, unite anche il burro fuso e freddo incorporandolo sempre delicatamente con un movimento dall’alto in basso. Versate il composto in una tortiera (26 cm di diametro) imburrata e infarinata e infornate a 180° per 40 minuti.

Quando la torta è pronta, sformatela e lasciatela raffreddare su una gratella.
Soffice e friabile, la torta Margherita si può gustare al naturale, spolverata semplicemente con lo zucchero a velo ma la sua consistenza la rende ideale come base di torte farcite.... 19 Ottobre 2009
Preparazione: 30 minuti + 1 ora per la lievitazione

Setacciate la farina, fate la fontana e mettetevi il burro morbido a pezzetti e un pizzico di sale. Amalgamate i due ingredienti con la punta delle dita fino ad ottenere delle grosse briciole.

Formate nuovamente la fontana e mettete al centro l’uovo intero, un cucchiaio di acqua fredda, lo zucchero e un pizzico di sale.

Impastate rapidamente gli ingredienti il minimo indispensabile per ottenere una pasta liscia quindi raccoglietela a palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare per almeno un’ora.

Trascorso questo tempo, imburrate e infarinate una tortiera d crostate di 26 cm a fondo mobile.

Appoggiate la pasta sulla spianatoia infarinata e stendetela con il mattarelo a uno spessore di pochi mm. Rivestite la tortiera con la pasta tagliando via l’eccedenza tutto intorno quindi foderate la pasta con carta da forno o con un foglio di alluminio e riempitela legumi secchi (impedirà alla pasta di gonfiarsi).

Infornate per 20 minuti a 180° e nel frattempo preparate il ripieno. Sminuzzate il cioccolato, raccoglietelo in una terrina con la panna e il latte e fatelo fondere nel microonde.

Mescolate e lasciate intiepidire prima di amalgamarvi l’uovo sbattuto. Trascorsi i 20 minuti, togliete la crostata dal forno ed eliminate la carta con tutti i legumi. Abbassate il termostato a 160°.

Spalmate sul fondo della crostata la marmellata di arance poi riempitela con la crema al cioccolato e infornate nuovamente per altri 20 minuti o fino a quando la crema si sarà rappresa rimanendo tuttavia morbida.

Lasciate raffreddare la crostata nello stampo prima di farla scivolare nel piatto da portata.... 16 Ottobre 2009
Setacciate la ricotta. Setacciate la farina con il lievito. Imburrate e infarinate uno stampo a ciambella di 24 cm di diametro. Raccogliete in una terrina le uova intere, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e un pizzico di sale e montate con la frusta elettrica fino ad aver un composto chiaro, gonfio e spumoso.

Continuando a montare, unite poca per volta la ricotta e due cucchiai di rum. Infine unite poca alla volta il miscuglio di farina e lievito facendola scendere da un setaccino e amalgamandola delicatamente con una spatola di gomma.

Versate il composto nello stampo e infornate a 180° per 50 minuti. Fate riposare la ciambella per qualche minuto prima di sformarla e lasciarla raffreddare su una gratella.... 15 Ottobre 2009
Spezzettate il cioccolato, raccoglietelo in una casseruolina e fatelo fondere a bagnomaria o nel microonde. Fate bollire metà del latte con lo zucchero. Setacciate la farina dentro una terrina e, mescolando con una frusta, unitevi a filo il latte freddo formando una pastella liscia e senza grumi.

Continuando a mescolare, unite anche il latte caldo zuccherato amalgamando bene. Versate il composto nella casseruola del latte e mettetelo sul fuoco con la fiamma al minimo.

Fate cuocere per una decina di minuti mescolando continuamente con un cucchiaio di legno quindi, fuori dal fuoco, incorporatevi il cioccolato fuso, amalgamandolo con cura. Lasciate intiepidire.

Rompete le uova separando i tuorli dagli albumi. Uno per volta, unite i tuorli al composto di cioccolato non unendo il successivo fino a quando il precedente non è amalgamato. Unite un pizzichino di sale agli albumi e montateli a neve con la frusta elettrica.

Poco alla volta, uniteli al composto di cioccolato mescolando delicatamente con un movimento dal basso in alto. Imburrate generosamente una pirofila da soufflè (rotonda a pareti alte di 16 cm di diametro) e rivestitela di zucchero.

Versateci il composto facendolo cadere al centro dello stampo in modo che si formi una piccola cupola e mettetelo nel forno precedentemente scaldato a 160°. Dopo un quarto d’ora, portate il termostato a 180° e proseguite la cottura per un altro quarto d’ora senza mai aprire il forno.

Quando il soufflé è pronto, toglietelo dal forno, spolveratelo con lo zucchero a velo fatto scendere da un setaccino e servite immediatamente.... 15 Ottobre 2009
Il giorno precedente, preparate il pan di Spagna:

Imburrate e infarinate una tortiera di 24 cm di diametro. Rompete le uova separando i tuorli dagli albumi. Unite ai tuorli lo zucchero, un pizzichino di sale e la scorza di limone e batteteli a lungo con la frusta elettrica fino ad avere un composto biancastro, molto gonfio e spumoso. Unite agli albumi un pizzichino di sale e montateli a neve molto ferma quindi incorporateli con molta delicatezza ai tuorli con un movimento dall’alto in basso. Quando gli albumi sono ben incorporati, unite al composto la farina poca per volta, facendola scendere a pioggia da un setaccino. Per non smontare il composto, anche la farina dovrà essere amalgamata con un movimento circolare dall’alto in basso. Versatelo nella tortiera, livellate la superficie e infornate a 180°. Dovrà cuocere circa quaranta minuti e, a cottura ultimata, sformate il pan di Spagna e fatelo raffreddare su una gratella.
Il giorno stesso, fate bollire il latte (meno mezzo bicchiere) insieme a due belle scorze di limone e a un pizzichino di sale. Raccogliete i tuorli in una terrina e lavorateli brevemente con lo zucchero e la farina setacciata. Diluite il composto con il mezzo bicchiere di latte freddo e, mescolando continuamente, versatevi a filo il latte caldo.

Versate il composto nella casseruola del latte e mettetelo sul fuoco. Regolate la fiamma a metà altezza e, mescolando senza interruzione, fate cuocere la crema per qualche minuto, fino a quando si sarà addensata.

A cottura ultimata, scartate le scorza di limone, versate la crema in una terrina e fatela ben raffreddare mescolando ogni tanto. Quando la crema è ben fredda, amalgamatevi delicatamente la panna montata con un movimento dall’alto in basso.
Versate 200 g d’acqua in una casseruolina, unitevi lo zucchero e la scorza di arancia grattugiata e fate bollire dolcemente lo sciroppo per qualche minuto quindi lasciatelo raffreddare, filtratelo e unitevi il liquore.
Dividete il pan di Spagna in due dischi disuguali effettuando il taglio a circa un cm dalla parte superiore. Scavate la parte inferiore per formare una sorta di contenitore (conservate la mollica). Pennellate abbondantemente la cavità con la bagna e riempitela con la crema tenendone da parte tre cucchiaiate.

Coprite con il disco superiore sistemandolo rovesciato, pennellate con la bagna anche il coperchio e spalmate tutta la torta con la crema.
Frullate la mollica di pan di Spagna e fatela aderire alla crema in modo che la torta assuma così l’aspetto di una mimosa. Conservate il dolce in frigorifero fino al momento di servirlo.
Per maneggiare agevolmente la torta durante le varie operazioni è consigliabile sistemarla su un disco di cartone rigido, della stessa misura, rivestito di carta da forno. Una volta pronta, sarà quindi più facile farla scivolare delicatamente sul piatto da portata.... 15 Ottobre 2009
Allargate le nocciole su una placca e mettetele nel forno a 180° fino a quando la pellicina sarà bruciacchiata. Avvolgetele ancora calde dentro un panno ruvido e strofinatele fino a quando si sarà staccata completamente la pellicina. Una volta fredde tritatele finissime con il mixer.
Setacciate la farina con il lievito, il cacao e un pizzico di sale. Rompete le uova in una ciotola, unitevi lo zucchero e sbattete con la frusta fino ad avere un composto ben montato. Continuando a sbattere, unitevi il burro molto morbido a pezzetti e, quando è ben amalgamato, aggiungete le nocciole tritate, la farina, 3 cucchiai di latte e il rum.

Amalgamate delicatamente quindi versate il composto in una tortiera di 24 cm diametro, imburrata e infarinata. Livellate la superficie e mettete la torta nel forno precedentemente scaldato a 180° e fatela cuocere per 45 minuti.

Una volta tolta la torta dal forno, attendete qualche minuto prima di capovolgerla su una gratella e lasciatela raffreddare.... 15 Ottobre 2009
Preparazione: 1 ora + 30 minuti di riposo

Per la pasta, raccogliete i tuorli con lo zucchero in una terrina e lavorateli con la frusta per cinque o sei minuti fino ad avere un composto chiaro. Continuando a mescolare, unite alle uova due cucchiai d’acqua fredda versandoli a filo.
Setacciate la farina e unitevi un pizzico di sale e il burro tagliato a pezzettini quindi amalgamate rapidamente i due ingredienti senza impastare ma lavorando con la punta delle dita fino a ottenere delle grosse briciole. Formate una fontana e versatevi il composto di uova e zucchero.

Incorporate grossolanamente gli ingredienti con un coltello senza impastare quindi formate una palla e, con il palmo della mano, rotolatela per due o tre volte sulla spianatoia infarinata per rendere la pasta omogenea. Avvolgetela con la pellicola e fatela riposare per almeno mezz’ora.
Per la crema, fate bollire il latte con i semini contenuti dentro il baccello di vaniglia. Raccogliete i tuorli e lo zucchero in una terrina e lavorateli per qualche minuto con un cucchiaio di legno quindi unite la farina setacciata, mescolate e, continuando a mescolare, unitevi poco alla volta il latte caldo.

Versate la crema nella casseruola del latte e rimettetela sul fuoco. Fate cuocere per qualche minuto mescolando senza interruzione fino a quando la crema si sarà addensata.

Durante il raffreddamento, mescolate ogni tanto perchè sulla superficie non si formi la pellicina. Imburrate e infarinate una tortiera da crostate del diametro di 25 cm quindi stendete la pasta formando un disco mezzo cm scarso di spessore e rivestite la tortiera tagliando via l’eccedenza tutto intorno.

(Per stenderla più facilmente, racchiudete la pasta fra due fogli di carta da forno). Foderate la pasta con carta da forno, riempitela di ceci o fagioli secchi e cuocetela per 20-25 minuti nel forno a 180°.
A cottura ultimata togliete la carta con tutti i legumi e sformate la crostata. Lavate le fragole e allargatele su un doppio foglio di carta da cucina per asciugarle. Eliminate il picciolo e dividetele a metà.

Riempite la crostata con la crema, lisciate la superficie e accomodatevi le mezze fragole con il taglio in sotto disponendole a cerchi concentrici. Scaldate la gelatina diluendola con un cucchiaio di acqua fredda e pennellatela sulle fragole.... 15 Ottobre 2009
Raccogliete lo zucchero per il caramello in un pentolino con un cucchiaio d’acqua e fate cuocere dolcemente finché non diventerà biondo. Versatelo caldissimo in una tortiera da 24 cm e inclinatela in tutti i sensi in modo da rivestire fondo e pareti con uno strato sottile di caramello.

Pelate le mele e dividete ognuna in otto spicchi. Disponeteli in due cerchi concentrici sul fondo della tortiera

Raccogliete il burro morbido e a pezzetti in una terrina con lo zucchero e lavoratelo con il cucchiaio di legno fino ad averlo morbido e spumoso.

Continuando a lavorare il composto, unite le uova intere, una alla volta e infine la farina setacciata con il lievito. Mescolate bene e versate il composto sulle mele.

Livellate la superficie e passate la torta nel forno scaldato a 180°. Lasciate cuocere la torta per 45 minuti e, una volta pronta, attendete 10 minuti prima di rovesciarla sul piatto da portata.... 15 Ottobre 2009
Accendete il forno regolando il termostato a 170°.
Togliete per tempo le uova dal frigorifero. Setacciate la farina con il lievito.

Spezzettate il cioccolato e fatelo fondere a bagnomaria o nel microonde. Rompete le uova separando i tuorli dagli albumi.

Raccogliete il burro a pezzetti (deve essere molto morbido) e lo zucchero in una ciotola e lavoratelo con il cucchiaio di legno fino ad avere un composto leggero e cremoso.

Continuando a mescolare, unite, uno alla volta, i tuorli quindi la farina e il latte, alternando le aggiunte dei due ingredienti. Unite un pizzico di sale agli albumi e montateli a neve ferma.

Amalgamateli delicatamente al composto con un movimento dal basso in alto quindi dividete l’impasto in due parti.

A una unite il cioccolato fuso e all’altra la bustina di vanillina (anche in questo caso, dovrete amalgamare come per gli albumi).

Imburrate uno stampo da plum cake (se non è antiaderente, spolveratelo anche di farina). Versate i due impasti nello stampo alternando una cucchiaiata dell’uno e una cucchiaiata dell’altro.

Mettete lo stampo nel forno giunto a temperatura e proseguite la cottura per 45 minuti. Attendete qualche minuto prima di sformare il cake e fatelo raffreddare su una gratella.

Ottimo per la colazione o la merenda. Se volete invece servirlo come dessert, accompagnatelo con una crema inglese profumata al rum o alla vaniglia.... 15 Ottobre 2009
Preparazione: 45 minuti + 1 ora di lievitazione

Preparate la pasta. Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e mettete al centro il burro morbido e a pezzetti e un pizzico di sale.

Amalgamate farina e burro lavorandoli con la punta delle dita fino ad ottenere delle grosse briciole. Unite 6 o 7 cucchiai di acqua fredda e lavorate gli ingredienti il minimo indispensabile per ottenere un impasto omogeneo (la pasta brisée, perché riesca friabile, deve essere lavorata molto poco evitando, nei limiti del possibile, di bruciarla con il calore delle mani, cosa che la renderebbe dura e difficile da stendere).

Raccoglietela a palla, avvolgetela nella pellicola e lasciatela riposare in frigorifero, nella parte meno fredda, per almeno un’ora o anche tutta la notte.

Al momento di confezionare la torta lasciate la pasta per una mezz’ora a temperatura ambiente.

Lavate e asciugate le ciliegie, staccate il peduncolo e, servendovi dell’apposito utensile, snocciolatele eseguendo l’operazione sopra una ciotola per non disperdere il succo.

Mescolate lo zucchero con la maizena, unitelo alle ciliegie, amalgamate bene e lasciate riposare il composto per una ventina di minuti. Imburrate e infarinate una pirofila da crostate di 24 cm di diametro. Dividete la pasta in due parti disguali e con il mattarello stendetele fino ad ottenere due dischi di 3 o 4 mm di spessore.

Rivestite la pirofila con il disco più grande lasciando debordare la pasta, versatevi il composto di ciliegie e coprite con il disco più piccolo. Rifilate il bordo con un coltello e pizzicatelo tutto intorno in modo da unire bene le due parti.

Con un piccolo tagliapasta ritagliate un foro al centro del coperchio (di circa un cm di diametro) e inseritevi un cilindretto di foglio d’alluminio che servirà come sfiatatoio per il vapore che si svilupperà durante la cottura. Stendete i ritagli e ricavatene delle semplici decorazioni che attaccherete alla superficie della torta con qualche goccia d’acqua fredda.

Sciogliete lo zucchero a velo nel latte e spennellate la superficie della torta. Mettete la tortiera nel forno precedentemente scaldato a 220°. Dopo dieci minuti abbassate la temperatura a 180° e proseguite la cottura per altri 45 minuti.

Servite la torta tiepida o fredda senza toglierla dal recipiente di cottura.... 14 Ottobre 2009

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition