Mondate i cardi scartando le coste eventualmente sciupate la parte delle foglie e la radice. Tagliate le coste a pezzi rimuovendo contemporaneamente tutti i filamenti duri e fibrosi.

Via via che sono pronti, immergeteli in acqua acidulata con succo di limone perché non anneriscano.

In una pentola diluite la farina con poca acqua fredda, sbattendo con una forchetta per sciogliere i grumi, aggiungete il succo di un limone quindi aggiungete con circa due litri d'acqua.

Salate e fate prendere l'ebollizione quindi immergetevi i cardi sgocciolati e, quando l'ebollizione riprende, abbassate la fiamma al minimo, coprite e lasciateli cuocere fino a quando saranno teneri [da mezz'ora a un'ora].

Preparate un besciamella con 30 g di burro, la farina e il latte, salatela e profumatela con una grattatina di noce moscata.

Imburrate generosamente una pirofila e accomodatevi i cardi ben sgocciolati. Spolverateli con il parmigiano e copriteli con la salsa.

Mettete la pirofila nel forno a 200° e fate gratinare la superficie.

Un altro modo molto gustoso per cucinare i cardi gobbi: fondere il burro in una padella e farvi sciogliere delle acciughe dissalate quindi unire i cardi lessati come sopra e farli ben insaporire nella salsetta.

Servirli caldi spolverati di parmigiano.... 07 Gennaio 2008
Preparazione: 40 minuti + 1 ora per il riposo 

Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e versatevi le uova sbattute. Impastate energicamente per una decina di minuti quindi avvolgete la pasta con la pellicola e fatela riposare per circa un'ora.

Stendetela con il matterello ottenendo una sfoglia molto sottile oppure, se utilizzate la macchinetta, effettuate l'ultimo passaggio allo spessore più fine.

Ritagliate i tagliolini e allargateli su un panno infarinato. Staccate i cuori dai fegatini, lavateli e tagliateli a pezzettini.

Scaldate olio e burro in una casseruola e fate appassire dolcemente la cipolla tritata e un rametto di rosmarino.

Unite i cuori e fateli ben rosolare quindi unite il vino e quando è sfumato, salate e versate nella casseruola il concentrato diluito in una tazza di acqua calda e proseguite la cottura per un'oretta o fino a quando i cuori sono teneri.

A questo punto unite al sugo i fegatini, lavati e tagliati a fettine e fate cuocere ancora per pochi minuti. Regolate il sale.

Cuocete i tagliolini per pochi minuti in abbondante acqua salata in ebollizione, scolateli al dente e conditeli con il sugo, con la noce di burro e con il formaggio.

Questa è una versione molto semplice di questo piatto che nella campagna langarola è molto più ricco e saporito perché preparato con le verdure dell'orto e regaglie di pollame ruspante.... 07 Gennaio 2008
Per la crema di strigoli, con un frullatore a immersione emulsionare tutti gli ingredienti avendo cura di non scaldarli troppo. Raffreddare e conservare in frigo. Per il gelato, scaldare a 65° il latte e la panna insieme, aggiungere e frullare il Grana Padano 27 mesi e la colla di pesce (ammollata in precedenza), versare in un vaso da paco jet e congelare. Portare a cottura il riso e mantecare con il caprino fresco, stendere su un piatto circa 30 g di granella di Grana. Versare sopra la porzione di risotto, aggiungere i germogli, un po’ di crema di strigoli, decorare con i fiori e unire infine un filo d’olio extravergine d’oliva.... 30 Novembre -0001

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition