In una ciotola piuttosto capiente sbattere le uova, aggiungere un pizzico di sale e unire a poco a poco le farine, mescolando con una forchetta fin quando la consistenza dell'impasto lo consente. Quando inizia a rassodarsi impastare a mano fino a ottenere una pasta soda ed elastica, formare una palla, avvolgerla in carta pellicola e lasciarla riposare in frigorifero almeno per un'ora. Stendere la sfoglia molto sottile e ricavare dei rettangoli di 12 cm di larghezza e 15 di lunghezza. Pulire e lavare bene la zucca, tagliarla a dadini e cuocerla in padella con olio extravergine d'oliva e scalogno tritato per almeno 20 minuti, aggiustare di sale e spegnere il fuoco. Frullare la zucca con un frullatore a immersione e mettere da parte. Tagliare il caciocavallo a dadini molto piccoli (metterne da parte una manciata) e lasciarlo fondere in un tegame antiaderente con la panna, mescolare di tanto in tanto. Cuocere la pasta, quattro o cinque sfoglie alla volta, in acqua bollente e salata, scolare bene e stendere su un panno pulito. Ungere la base di quattro cocotte in ceramica e iniziare a comporre la lasagnetta: uno strato di pasta, uno o due cucchiai di crema di zucca, un cucchiaio di fonduta di caciocavallo. Continuare fin quando l'altezza delle cocottine lo consente. Completare con le fettine di pancetta sfilacciata e qualche dadino di caciocavallo. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti. Servire caldo.   A cura di Sara Bonamini  ... 02 Febbraio 2012
In una ciotola piuttosto capiente sbattere le uova, aggiungere un pizzico di sale e unire a poco a poco le farine, mescolando con una forchetta fin quando la consistenza dell'impasto lo consente. Quindi impastare a mano fino a ottenere una pasta soda ed elastica, formare una palla, avvolgerla in carta pellicola e lasciarla riposare in frigorifero almeno per un'ora. Stendere la sfoglia molto sottile e ricavare dei rettangoli di 12 cm di larghezza e 15 di lunghezza. Sfogliare e lavare bene la verza, eliminare le coste più spesse e scottarla in acqua bollente e salata per due, tre minuti. Scolare la verza e tagliarla grossolanamente al coltello. Affettare finemente i porri (solo la parte bianca), lasciarli appassire in padella con olio extravergine d'oliva e una noce di burro, aggiungere la verza e saltarla per qualche minuto, aggiustare di sale e spegnere il fuoco. Tagliare lo speck a coltello, versarlo nel mixer, tritarlo e metterlo da parte. Versare la panna in un pentolino antiaderente, unire la fontina tagliata a dadini e lasciare che fonda, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Cuocere la pasta in acqua bollente salata, poca alla volta, scolare e stendere le sfoglie su un panno ben pulito. Comporre la lasagna: ungere la teglia (rettangolare per sei persone) alla base, adagiare uno strato di sfoglia di pasta, cospargere con la verza e con la fonduta di Fontina, in ultimo unire lo speck. Procedere con altri strati fino a esaurimento degli ingredienti. La superficie della lasagna dovrà essere condita con fonduta di Fontina e parmigiano grattugiato. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti (si deve dorare e deve fare la tipica crosticina).
A cura di Sara Bonamini
... 02 Febbraio 2012
... 26 Gennaio 2012
... 26 Gennaio 2012
... 26 Gennaio 2012
... 26 Gennaio 2012
... 26 Gennaio 2012
... 26 Gennaio 2012
... 26 Gennaio 2012
Esecuzione:

Setacciare nella ciotola dell’impastatrice, o planetaria, 250 gr di farina; aggiungere lo zucchero, il burro a pezzetti, la polpa della vaniglia, le uova e la farina di mandorle. Iniziare a lavorare a bassa velocità fino ad avere un composto quasi omogeneo. Incorporare quindi la restante farina setacciata e continuare a lavorare finchè il composto non sarà omogeneo.
Formare due panetti e chiudere con pellicola alimentare; lasciar riposare in frigorifero almeno 12 ore prima di utilizzare. Schiacciare il baccello di vaniglia con il dorso di un coltello, inciderlo nel senso della lunghezza ed estrarne la polpa con un coltello. In una casseruola versare il latte e il baccello di vaniglia; portare a bollore.

In una ciotola versare i tuorli d'uovo e romperli con una frusta; aggiungere la polpa di vaniglia, lo zucchero e lavorare energicamente con la frusta fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Unire la farina setacciata mescolando rapidamente, ma senza lavorarla a lungo.

Quando il latte avrà raggiunto il bollore versarlo sulla preparazione di uova, filtrandolo per eliminare il
baccello di vaniglia; mescolare delicatamente fino al completo scioglimento dello zucchero. Rimettere il
composto così ottenuto sul fuoco e continuare a mescolare con la frusta.

Procedere con la cottura della crema fino alla comparsa sulla superficie delle prime bolle; togliere la crema dal fuoco e travasarla in una ciotola. Coprire con un foglio di pellicola alimentare a contatto con la
superficie per evitare la formazione di uno strato secco durante il raffreddamento. Da un panetto di frolla ricavare due dischi a misura dello stampo seclato per la cottura; stendere il primo
sul fondo della teglia foderata con carta da forno e bucherellare la superficie. Coprire con la crema pasticcera e 2/3 dei pinoli leggermente tostati in un padellino antiaderente. Coprire con il secondo disco di frolla, spennellare con il tuorlo d’uovo sbattuto e decorare con i rimanenti pinoli. Cuocere in forno a 180°C per almeno 30/35 minuti quindi verificarne la cottura. setacciare la ricotta e lavorarla con lo zucchero a velo fino a ottenere una consistenza liscia.

A parte stendere la frolla della misura scelta per foderare lo stampo. Cuocere in bianco i primi 15 minuti quindi farcire il guscio con la marmellata e infine la ricotta lavorata; decorare a piacere con striscioline di frolla e terminare la cottura fino a cottura della pasta.
... 25 Gennaio 2012

Dal 1986 ad oggi

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition