12 Mar 2016 / 17:03

Versi di vini. Cecco Angiolieri e la passione per il vino

Il nostro consueto viaggio nelle liriche a tema enologico oggi incontra Cecco Angiolieri. Dissipato, attaccabrighe, amante delle donne e del bere. Come ha cantato in più di un sonetto. Arrivando perfino a raccontare quali sono i suoi vini preferiti.

Versi di vini. Cecco Angiolieri e la passione per il vino

Il nostro consueto viaggio nelle liriche a tema enologico oggi incontra Cecco Angiolieri. Dissipato, attaccabrighe, amante delle donne e del bere. Come ha cantato in più di un sonetto. Arrivando perfino a raccontare quali sono i suoi vini preferiti.

a cura di

Cecco Angiolieri

È il Francois Villon italiano. Nato a Siena, visse sempre in modo disordinato, oberato dei debiti, dissipato, subì diversi processi e condanne per alcuni reati, dalle percosse alla resistenza alle forze dell’ordine. Ci restano di lui centocinquanta sonetti, ricchi di vita e di colore, che trattano temi diversi che vanno dal burrascoso rapporto amoroso con Becchina all’odio per il proprio padre, dal vino agli insulti a Dante Alighieri. Nel sonetto che presentiamo, Cecco Angiolieri (1260 – 1312) ci comunica le sue preferenze enologiche:

 

Tutto quest’anno ch’è mi son frustato

de tutti i vizi, che solìa avere,

non m’è rimaso se non quel di bere,

del qual me n’abbi Iddio per escusato.

Chè la mattina, quando son levato,

el corpo pien di sal mi par avere;

adunque dì : chi si porìa tenere

di non bagnarsi la lingua e ‘l palato?

E non vorrìa se non GRECO e VERNACCIA,

che mi fa maggior noia il VIN LATINO, ( vinello )

che la mia donna, quand’ella mi caccia.

Deh ben abbi chi prima pose ‘l vino,

che tutto ‘l dì mi fa star in bonaccia:

i non ne fo però un mal latino.

 

Del resto, il nostro poeta, è quello della famosa quartina che recita:

 

Tre cose solamente mi so’ in grado,

le quali posso non ben ben fornire:

ciò è la donna, la taverna e ‘l dado;

queste mi fanno ‘l cuor lieto sentire.

 

a cura di Giuseppe Brandone

 

Per leggere Versi di vini. Francois Villon e lo scherno in versi clicca qui

Per leggere Versi di vini. Ovidio: l'arte di amare e il vino della seduzione clicca qui

Per leggere Versi di vini. Virgilio: quando il vino è amicizia clicca qui

Per leggere Versi di vini. La poesia nell’Islam clicca qui

Per leggere Versi di vini. Il vino di Omero clicca qui

Per leggere Versi di vini. Le poesie dell’antologia Palatina e di Saffo clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, Omar Khayyam: massimo cantore del vino clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, i poeti greci e il symposion clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, dalla Cina alla Persia clicca qui

Per leggere Versi di vini. Antica Roma: Gaio Valerio Catullo clicca qui

Per leggere Versi di vini. La poesia sufi clicca qui

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition