12 Apr 2016 / 11:04

Focus Vinitaly. Cronaca da Verona. Incontro Renzi-Jack Ma: l'e-commerce e la giornata del vino

Il futuro dell’export di vino in Cina passa soprattutto dall’e-commerce. Lo ha spiegato il fondatore di Alibaba nell’incontro con il premier Renzi, ma l’Italia non va oltre il 6% della quota di mercato

Focus Vinitaly. Cronaca da Verona. Incontro Renzi-Jack Ma: l'e-commerce e la giornata del vino

Il futuro dell’export di vino in Cina passa soprattutto dall’e-commerce. Lo ha spiegato il fondatore di Alibaba nell’incontro con il premier Renzi, ma l’Italia non va oltre il 6% della quota di mercato

a cura di

Se la giornata dell’inaugurazione di Vinitaly è stata all’insegna del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, the day after è stato decisamente quello del premier Matteo Renzi che ha subito messo sul tavolo i dati positivi dell’export di vino italiano rispetto alla tabella di marcia: “Due anni fa a Vinitaly ci siamo dati l’obiettivo di raggiungere i 7,5 miliardi di export di vino entro il 2020 e di 50 miliardi per il comparto agroalimentare. Eravamo a 30 miliardi e oggi siamo arrivati a 36,9 miliardi, nel vino eravamo a 4,9 miliardi e siamo a 5,4 miliardi: possiamo farcela”.

 

Il digitale e le potenzialità dell'Italia

Poi, come preannunciato, ha incontrato Jack Ma, fondatore di Alibaba, il colosso del commercio digitale. “Il futuro di Alibaba e dell'Italia sono intimamente connessi” ha detto Renzi, durante l’incontro moderato dal direttore di Repubblica, Mario Calabresi e organizzato dal ministero delle Politiche agricole. “Il digitale può trasformare radicalmente la nostra economia” ha continuato“I francesi hanno saputo raccontare una storia, un Paese, una strategia comune: dobbiamo farlo anche noi. Con Alibaba abbiamo la gigantesca opportunità di raccontare che l’Italia è il Paese che può ottenere il maggior dividendo possibile dalla globalizzazione”.

La pensa allo stesso modo Jack Ma, l’imprenditore cinese che 17 anni fa ha lanciato la piattaforma commerciale Alibaba: “Vogliamo portare l’export italiano di vino dal 6% fino al 66%” ha detto “E credo che riusciremo ad accorciare le distanze tra lo spazio di mercato del vino francese in Cina, che è al 55%. Io stesso voglio essere l'ambasciatore dei prodotti italiani in Cina e Alibaba deve essere la porta di ingresso. Per spiegarvi il potenziale dell’e-commerce in Cina, posso portarvi un esempio su tutti: la vendita in 18 secondi di ben 100 Maserati nel mondo. Dovete imparare a vendere meglio altrimenti arriveranno altri concorrenti a cogliere le potenzialità di questo settore, magari in modo disonesto. Invece, insieme dobbiamo combattere la contraffazione: l’anno scorso siamo riusciti a far scoprire oltre 700 operatori disonesti. E ci impegneremo anche a proteggere i vostri diritti su proprietà intellettuale”.

Tema - quello della protezione - su cui è intervenuto anche il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina: Con Alibaba abbiamo già sottoscritto un accordo per la tutela del Made in Italy agroalimentare, e adesso vogliamo lavorare insieme per la promozione”.

 

La giornata del vino

E a proposito di promozione, l’incontro di Verona è stato anche l’occasione per lanciare la giornata del vino il prossimo 9 settembre che si svolgerà, per la prima volta, proprio sulla piattaforma cinese. Una data non casuale, come ha svelato lo stesso Ma: “Partirà il 9 settembre alle ore 9 perché per noi il 9 è il numero del vino, dunque 9-9-9 suona come wine-wine-wine. Sulla scia di quello che facciamo per i single l’11 novembre alle ore 11”.Interessante l’idea della giornata del vino” ha commentato a caldo il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese La sfida si gioca su due fronti: sul piano della tutela del Made in Italy e sulla promozione, attraverso azioni coordinate per spiegare la peculiarità del vino italiano. Ormai è certo: il futuro viaggerà anche sulle piattaforme digitali”. D’altronde, come ha ricordato Jack Ma, ormai “quello che Marco Polo ha fatto in 4 anni per andare in Cina, oggi si fa in soli 4 secondi”. Con un semplice click.

Ma qual è attualmente il valore delle esportazioni italiane in Cina? Secondo i dati Istat nel 2015 il Belpaese ha esportato vino in Cina per un controvalore di circa 90 milioni di euro, con una crescita pari al 18% rispetto all’anno precedente. Dal punto di vista quantitativo, invece, l’aumento è stato del 5,5%.

 

a cura di Loredana Sottile

 

Il Gambero Rosso da anni è impegnato a portare il vino italiano in Cina, con le grandi degustazioni. Ecco i prossimi appuntamenti:

25 maggio Hong Kong Gambero Rosso Top Italian Wines & Spirits Special Edition For Vinexpo

Il Tre Bicchieri tour, invece, sarà in Cina a novembre: il 4 a Beijing, il 7 a Shanghai, ll 9 a Hong Kong

Per leggere tutti gli eventi esteri clicca qui

 

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition