23 Lug 2016 / 17:07

Versi di vini. Giovanni Pascoli

Nel nostro vagare tra secoli e poesie alla ricerca delle migliori liriche sul vino, arriviamo a Giovanni Pascoli e alla sua poetica del fanciullino, ai suoi versi dedicati alla vita campestre.

Versi di vini. Giovanni Pascoli

Nel nostro vagare tra secoli e poesie alla ricerca delle migliori liriche sul vino, arriviamo a Giovanni Pascoli e alla sua poetica del fanciullino, ai suoi versi dedicati alla vita campestre.

a cura di

Allievo di Carducci all’Università di Bologna e poi rettore nello stesso ateneo, Giovanni Pascoli (1855 – 1912) è uno dei grandi nomi della poesia italiana. La poetica del fanciullino, a un passo dall'inizio del '900, è quella di una dimensione intima, quotidiana, quasi infantile della scrittura in versi. Quella che solo la poesia e il poeta sanno esprimere. Così il poeta vate tiene saldo il suo ruolo e quello delle liriche, che mantengono il valore morale e civile inattaccabile.

La prima raccolta poetica, Myricae,canta la natura, la sofferenza e il sogno. Protagonisti sono quadri di vita campestre, in cui dettagli minimi, luci e suoni diventano protagonisti, con loro l'avvicendarsi delle stagioni, il lavoro nei campi e nelle vigne, la vita contadina con i suoi momenti conviviali. Come in queste liriche che cantano, con accenti malinconici, di feste e di vino.

 

Convivio

O convitato della vita, è l’ora.

Brillino rossi i calici di vino,

tu ne’ bramoso più, né sazio ancora,

lascia il festino.

Splendano d’aurea luce i lampadari,

fragrante la rosa e il timo.

Sorrida in cerchio tuttavia di cari

capi il banchetto:

tu sorgi e… Triste, su la mensa ingombra

delle morenti lampade lo svolo

lugubre, lungo. Triste errar nell’ombra,

ultimo e solo.

 

I tre grappoli

Ha tre, Giacinto, grappoli la vite.

Bevi del primo il limpido piacere;

bevi dell’altro l’oblio breve e mite;

e…più non bere:

ché sonno è il terzo e con lo sguardo acuto

nel nero sonno vigila, da un canto,

sappi il dolore; e alto grida un muto

pianto già pianto.

 

Dalla raccolta poetica Odi e inni, il libro che rappresenta maggiormente la poesia storica e civile di Giovanni Pascoli, una lirica molto studiata nelle scuole.

 

A ciapin

Quella vendemmia ch’hai deposta senza

libarne, pura, nel cellier di sotto,

tre anni fa, per l’ora che in licenza

venga Pinotto;

quella vendemmia che sgorgò dal cerro

dal masso, credo; ch’odiò la fonte;

ch’altra non ebbe tanto del tuo ferro,

ferreo Piemonte;

quella vendemmia che ribollì scossa

tutta da un cupo palpito alla prima

luna di marzo come l’onda rossa

d’Abba Garima;

e ch’ora tiene nel suo forte vetro,

come in un muto e forte cuor, costretta

l’ira d’allora e il lungo pensier tetro

della vendetta:

Ciapin fedele, frema negli oscuri

Vetri segnati dalla cauta cera,

quella vendemmia! Resti ancor, maturi

quella barbera!

Non beva il vino dell’eroe chi chiede

al vin l’oblio del cuore e delle gambe

tremule! Ei vive: là vagar si vede,

solo, tra l’ambe.

Serbalo il vino dell’eroe che tace

ma vive. Ignote costellazioni

lui fissano e, con occhi tra le acace

tondi, i leoni.

Serbalo il vino dell’eroe che vuole

quello che vuole e là resta al comando

suo, donde, certo e allegro come il sole,

tornerà quando…

Serba per quando, ciò che ha fermo in cuore,

coi nostri pezzi che al ghebì selvaggio

son come cani e con il nostro onore

ch’è come paggio…

Serba la tua purpurea barbera

per quando, un giorno che non è lontano

tutto ravvolto nella sua bandiera

torni Galliano.

 

 

a cura di Giuseppe Brandone

 

Per leggere Versi di vini. Giosuè Carducci clicca qui

Per leggere Versi di vini. Charles Baudelaire clicca qui

Per leggere Versi di vini. Stéphane Mallarmé e Paul Verlaine clicca qui

Per leggere Versi di vini. Emilio Praga e Olindo Guerrini clicca qui

Per leggere Versi di vini. Giovanni Marradi e Giacomo Zanella clicca qui

Per leggere Versi di vini. Paolo Rolli e Carlo Innocenzo Frugoni clicca qui

Per leggere Versi di vini. Giuseppe Parini clicca qui

Per leggere Versi di vini. I poeti minori del 1600. Volume 3 clicca qui

Per leggere Versi di vini. I poeti minori del 1600. Volume 2 clicca qui

Per leggere Per leggere Versi di vini. I poeti minori del 1600. Voume 1 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Gabriello Chiabrera e la poesia della vendemmia clicca qui

Per leggere Versi di vini. Francois Rabelais e le grandi bevute in Gargantua e Pantagruel clicca qui

Per leggere Versi di vini. Burchiello e Bandello e il '400 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Morando Da Padova e la lode ai vini clicca qui

Per leggere Versi di vini. Carmina Burana 2 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Carmina Burana 1 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Cecco Angiolieri e la passione per il vino clicca qui

Per leggere Versi di vini. Francois Villon e lo scherno in versi clicca qui

Per leggere Versi di vini. Ovidio: l'arte di amare e il vino della seduzione clicca qui

Per leggere Versi di vini. Virgilio: quando il vino è amicizia clicca qui

Per leggere Versi di vini. La poesia nell’Islam clicca qui

Per leggere Versi di vini. Il vino di Omero clicca qui

Per leggere Versi di vini. Le poesie dell’antologia Palatina e di Saffo clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, Omar Khayyam: massimo cantore del vino clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, i poeti greci e il symposion clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, dalla Cina alla Persia clicca qui

Per leggere Versi di vini. Antica Roma: Gaio Valerio Catullo clicca qui

Per leggere Versi di vini. La poesia sufi clicca qui

 

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition