6 Ago 2016 / 17:08

Versi di vini. Vincenzo Cardarelli

Avanguardia prima, ritorno all'ordine poi. Così per Vincenzo Cardarelli, che attraversò la vita letteraria dei primi del '900 da giornalista e poeta, dando voce e forza al movimento chiamato il rondismo. Continuiamo così il nostro viaggio nella poesia di tutti i tempi per trovare le più belle liriche dedicate al tema del vino.

Versi di vini. Vincenzo Cardarelli

Avanguardia prima, ritorno all'ordine poi. Così per Vincenzo Cardarelli, che attraversò la vita letteraria dei primi del '900 da giornalista e poeta, dando voce e forza al movimento chiamato il rondismo. Continuiamo così il nostro viaggio nella poesia di tutti i tempi per trovare le più belle liriche dedicate al tema del vino.

a cura di

La nostra corsa attraverso la poesia di ogni epoca ci fa approdare al '900, continuiamo a indagare tra i versi dei poeti per scoprire come cantavano il loro amore pr il vino. Arriviamo oggi a un giornalista che nel 1919 fondò la rivista culturale La Ronda professando un ideale di restaurazione classicista, auspicando un ritorno a Leopardi. Scrittore e poeta, oltre che giornalista, VincenzoCardarelli (1887 – 1959), fu animatore della vita culturale germinata intorno alla rivista, da cui nacque il movimento letterario detto rondismo. La sua produzione poetica si colloca a cavallo tra l'avanguardia degli anni '10 e la restaurazione del decennio successivo, ma ben presto rifiutò le istanze trasgressive dei primi del novecento per richiamare a una maggiore compostezza, professando un ritorno all'ordine e al ruolo dell'intellettuale.

Diverse le sue raccolte poetiche, ma, in particolare, ne riportiamo due, dal volume Poesie.

Ottobre

Un tempo era d’estate,

era a quel fuoco, a quegli ardori,

che si destava la mia fantasia.

Inclino adesso all’autunno

dal colore che inebria,

amo la stanca stagione

che ha già vendemmiato.

Niente più mi somiglia,

nulla più mi consola,

di quest’aria che odora

di mosto e di vino,

di questo vecchio sole ottobrino

che splende sulle vigne saccheggiate.

 

Ricordate il persiano Omar Kayyam, il massimo cantore del vino? Ebbene, una lirica di Cardarelli è dedicata a lui

A Omar Kayyam

Kayyam, nei mattini d’estate,

basta avere una foglia in bocca,

il sole dei giardini

ci ubbriaca meglio del tuo vino

che noi non berremo.

Abbiamo, dopo di te,

bevuto in ben altre cantine.

Abbiamo la gola rossa

dei nostri vini d’Occidente,

o mio vecchio, melodico persiano.

Ma la tua dolce infanzia di filosofo,

questa è un gran dono.

Tu hai guardato il mondo

tra nebbie e per distanze siderali.

Tu hai potuto iridare

di primordiali curiosità

l’ombra della vita.

Dove tutto non era

che disperata certezza

tu hai fatto domande,

proposto accordi e tutto era concluso.

E quando, non la durezza

della faccia di Dio,

pietosamente a te ascosa,

ma la tua carne stanca

ti rimbrottava,

da quell’oscuro e flebile scontento

nasceva la grazia d’un ritmo.

Così dell’umano

viaggio eludesti

le premesse fatali,

convinto di non saperle

e illuso di doverle ricercare.

E questo era il buon vino,

Kajjam.

Il dio che ti propiziava

questa bevanda d’inganni

faceva la tua fortuna

e il tuo canto.

E tu libavi alle rose

del tuo ridente sepolcro,

non sospettando, o impavido,

che la tua vita era già

un cimitero fiorito.

 

a cura di Giuseppe Brandone

 

Per leggere Versi di vini. Gabriele D'Annunzio clicca qui 

Per leggere Versi di vini. Giovanni Pascoli clicca qui

Per leggere Versi di vini. Giosuè Carducci clicca qui

Per leggere Versi di vini. Charles Baudelaire clicca qui

Per leggere Versi di vini. Stéphane Mallarmé e Paul Verlaine clicca qui

Per leggere Versi di vini. Emilio Praga e Olindo Guerrini clicca qui

Per leggere Versi di vini. Giovanni Marradi e Giacomo Zanella clicca qui

Per leggere Versi di vini. Paolo Rolli e Carlo Innocenzo Frugoni clicca qui

Per leggere Versi di vini. Giuseppe Parini clicca qui

Per leggere Versi di vini. I poeti minori del 1600. Volume 3 clicca qui

Per leggere Versi di vini. I poeti minori del 1600. Volume 2 clicca qui

Per leggere Per leggere Versi di vini. I poeti minori del 1600. Voume 1 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Gabriello Chiabrera e la poesia della vendemmia clicca qui

Per leggere Versi di vini. Francois Rabelais e le grandi bevute in Gargantua e Pantagruel clicca qui

Per leggere Versi di vini. Burchiello e Bandello e il '400 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Morando Da Padova e la lode ai vini clicca qui

Per leggere Versi di vini. Carmina Burana 2 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Carmina Burana 1 clicca qui

Per leggere Versi di vini. Cecco Angiolieri e la passione per il vino clicca qui

Per leggere Versi di vini. Francois Villon e lo scherno in versi clicca qui

Per leggere Versi di vini. Ovidio: l'arte di amare e il vino della seduzione clicca qui

Per leggere Versi di vini. Virgilio: quando il vino è amicizia clicca qui

Per leggere Versi di vini. Antica Roma: Gaio Valerio Catullo clicca qui

Per leggere Versi di vini. La poesia sufi clicca qui

Per leggere Versi di vini. La poesia nell’Islam clicca qui

Per leggere Versi di vini. Il vino di Omero clicca qui

Per leggere Versi di vini. Le poesie dell’antologia Palatina e di Saffo clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, Omar Khayyam: massimo cantore del vino clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, i poeti greci e il symposion clicca qui

Per leggere Versi di vini. Vino e poesia, dalla Cina alla Persia clicca qui

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition