25 Gen 2013 / 16:01

In Thailandia è gia tempo di vendemmia

Alto tasso di umidità, variazioni delle stagioni quasi inesistente, periodo di piogge lunghe e costanti, temperature medie annue intorno ai 27°: difficile ipotizzare condizioni per la viticoltura più proibitive di quelle thailandesi. Eppure proprio nella seconda economia del sud-est asiatico la produzione di vi

http://med.gamberorosso.it/media/2013/01/332736_web.jpeg

Alto tasso di umidità, variazioni delle stagioni quasi inesistente, periodo di piogge lunghe e costanti, temperature medie annue intorno ai 27°: difficile ipotizzare condizioni per la viticoltura più proibitive di quelle thailandesi. Eppure proprio nella seconda economia del sud-est asiatico la produzione di vi

no sta crescendo a velocità importanti, sulla scia di una domanda crescente interna sospinta dalle nuove generazioni, da una ristorazione rampante e da un turismo internazionale in ascesa.

 

 

Circa il 90% del vino thailandese è consumato entro i confini nazionali, grazie anche a una tassazione minore rispetto ai vini importati. I vini thailandesi stanno crescendo di popolarità, sottraendo quote ai superalcolici. Gli investimenti? Si stanno concentrando sul Parco Nazionale Khao Yai, letteralmente “Grande Montagna”, una riserva suggestiva, tra orsi tibetani, tigri e una foresta tropicale lussureggiante; un patrimonio tutelato dall’Unesco fin dal 2005. Siamo a 200 km a nord-est di Bangkok, dove si sta sviluppando una ricezione turistica top con cantine che ospitano ristoranti, campi di golf, resort.

 

Tra le varietà principali il syrah e lo chenin blanc, due varietà pensate per un profilo organolettico ben abbinabile al cibo speziato locale.

 

 

La vendemmia 2013 inizierà tra una settimana: “il clima di quest’anno è stato buono. C’è stato freddo asciutto durante il periodo di crescita, ma anche periodi molto assolati, senza per questo essere troppo caldi, siamo fiduciosi per grande annata”, ci racconta Khun Prayut Piangbunta, enologo della P. B Valley Khao Yai Winery, una delle prime ad aver creduto in questo nuovo distretto nel 1989. Siamo adiacenti al parco naturale, a una latitudine compresa tra i 300 e i 380 metri: qui i terreni sono prevalentemente argillosi e beneficiano dell’aria fresca che proviene dalle montagne circostanti. La produzione totale si aggira intorno alle 150mila bottiglie che possono essere assaggiate in cantina, dove troverete il ristorante Great Hornbill Grill che offre specialità Thai e una vista spettacolare sulle vigne. Mentre se siete a Bangkok, dall’ottobre scorso ha inaugurato il Great Hornbill Bistrot, un modo per conoscere i vini thailandesi nel pieno centro della città.



Lorenzo Ruggeri

25/01/2013

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition