12 Apr 2013 / 15:04

Market Wines: Valle d'Aosta

Il nostro viaggio attraverso l'enologia italiana è giunto al termine. Abbiamo percorso l'Italia da sud a nord, assaporato i diversi vitigni e scoperto il vasto e ricco patrimonio ampelografico. Abbiamo imparato a conoscere le persone e i territori, il lavoro dei viticoltori nei territori impervi e l'impegno degli enologi nel conferire al

http://med.gamberorosso.it/media/2010/03/239160_web.jpeg

Il nostro viaggio attraverso l'enologia italiana è giunto al termine. Abbiamo percorso l'Italia da sud a nord, assaporato i diversi vitigni e scoperto il vasto e ricco patrimonio ampelografico. Abbiamo imparato a conoscere le persone e i territori, il lavoro dei viticoltori nei territori impervi e l'impegno degli enologi nel conferire al

vino le giuste qualità. Abbiamo compreso come il valore di un vino non sia sinonimo di prezzo alto e come sia possibile rivolgersi anche alla grande distribuzione per provare tutto il gusto della nostra penisola senza salassi economici.

Concludiamo la nostra ricerca con la Valle d'Aosta, una regione caratterizzata da piccoli appezzamenti, un mondo rurale che preserva i suoi vitigni autoctoni, figli della montagna e dotati di sapori e fragranze uniche. Una produzione modesta in termini quantitativi, ma che offre vini irripetibili, capaci di trasportarci nel territorio alpino. Un paesaggio ricco di contrasti, in cui hanno saputo adattarsi anche vitigni internazionali come lo Chardonnay, il Merlot, il Syrah e il Pinot Noir, dando interessanti risultati. Tra i vitigni tradizionali ricordiamo il Moscato, il Nebbiolo e il Pinot Grigio, tra quelli di recente introduzione il Petit Arvive, il Müller Thurgau e il Gamay, che si sono adattati perfettamente all'aria di montagna valdostana. Vitigni autoctoni sono invece il Cornalin, il Fumin, il Malevoisie, il Mayolet, il Petit Rouge, il Prié Blanc, il Prëmetta e il Vien de Nus, rarità enologiche che rendono la zona ricca e variegata. I vini che questa settimana desideriamo proporvi sono Valle d'Aosta Cornalin 2011 di Le Clocher, Valle d'Aosta Pinot Gris Soleil Couchant 2011 di Coopérative de l'Enfer e Valle d'Aosta Müller Thurgau 2011 di Cave des Onze Communes.





Valle d'Aosta Cornalin 2011 - Le Clocher
L'azienda Le Clocher si colloca lungo la Strada del Vino della Valle d'Aosta, precisamente sulla riva destra della Dora Baltea, all'altezza della città di Aosta. Nel piccolo villaggio di Jovencan Danilo Charrère produce vini legati al territorio e alla tradizione, mettendo in vendita circa 20mila bottiglie. Nella parte alta dei suoi possedimenti, a circa 800 metri, prende vita il Cornalin, dall'omonimo vitigno originario di queste zone. Il 2011 è caratterizzato da note floreali e fruttate, che vanno dalla rosa ai frutti rossi. Al palato è equilibrato e fresco, morbido e avvolgente. Ottimo accanto ad un piatto locale quali cappelle di funghi porcini con fonduta. € 8.70






Valle d'Aosta Pinot Gris Soleil Couchant 2011 - Coopérative de l'Enfer
La Coopérative de l'Enfer è una storica cooperativa del villaggio di Arvier, posto in una conca naturale circondata dalle montagne. La collocazione del villaggio e il microclima della zona permettono la produzione di vini piacevoli e dalla giusta sapidità. Nella zona chiamata La Crete, a  800 metri dal livello del mare, da qualche anno si allevano un certo numero di barbatelle di pinot gris che danno vita al Soleil Couchant. Un bianco dai caratteristici profumi fruttati che ricordano le albicocche, il miele e la menta. In bocca ritornano i delicati sentori di frutta, ma in particolare di quella esotica. Ideale con formaggi a pasta molle, caprini o fettine di pollo alla valdostana.
€ 7.40





Valle d'Aosta Müller Thurgau 2011 - Cave des Onze Communes
La cantina Cave des Onze Communes è stata inaugurata ad Aymavilles nel 1990 e prende il nome dagli undici comuni intorno alla città di Aosta. Un'azienda all'avanguardia, che lavora utilizzando le moderne tecnologie di produzione nel rispetto del territorio circostante. Il Müller Thurgau è un vitigno introdotto nella regione negli anni Settanta che ha saputo dare interessanti risultati a livello qualitativo. Dai piacevoli sentori di frutta tropicale e pesca il 2011 è fresco, sapido nel modo giusto con un retrogusto di note aromatiche. Perfetto con torte salate o quiche e verdure alla griglia. € 7.20

a cura di Stefania Annese e Alessio Noè
12/04/2013

 

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition