Le Vigne di San Pietro

Nei suoi innumerevoli interessi e impegni, tesi soprattutto alla valorizzazione e alla crescita del territorio veronese, Carlo Nerozzi trova sempre le energie per dedicarsi con passione e attenzione alla vigna, ottenendo risultati sempre più interessanti. Dopo oltre un ventennio dedicato alla viticoltura, Carlo ha sviluppato un?idea romantica del vino quale elemento fatto per trasmettere cultura e passione, certo possibilmente sempre più buono, ma costantemente pensato come espressione del lavoro di un uomo, non come campione costruito per una gara. Dai suoi vini quest?idea traspare sempre, sia grazie alle curate etichette che già esprimono un legame con il territorio, sia con uno stile che ricerca, accanto a doti di aromaticità e concentrazione, la leggerezza che caratterizza la zona dell?anfiteatro morenico del Garda. D?ottima levatura tutta la produzione, con un importante passo avanti del Balconi Rossi, un taglio di merlot e cabernet con la tradizionale corvina. Al naso si apre leggero e intenso con profumi di frutta fresca e matura, mentre in bocca si distende con una delicata autorità e riesce a coniugare freschezza e potenza. Molto buono il vino più importante, il Refolà, ottenuto da uve cabernet sauvignon leggermente passite; i profumi si offrono surmaturi e di gran fascino, perfettamente corrisposti al palato, dove una fine nota di inchiostro e grafite chiude in bellezza il vino. Il Sanpietro si conferma come una delle migliori espressioni di Custoza, mentre il Due Cuori ritorna ad essere un moscato ricco e potente. La gamma dei vini assaggiati non presenta crepe, anzi più di una eccellenza. Quelli che ci sono piaciuti maggiormente sono da una parte il fresco Bardolino '09 e, dall'altra, il più importante taglio bordolese Refolà '05, a testimonianza della duttilità di questa cantina. Nel primo troviamo un frutto nitido e una bocca succosa e di facile beva, con un ritorno di note speziate di pepe nero che gli conferiscono maggiore complessità. Nel secondo il naso, ampio e nitido, alterna frutta rossa a fiori secchi. Lo sviluppo gustativo è sapido e teso. L'Amarone '06, novità di quest'anno, promette bene per l'armonia gustativa.
Nei suoi innumerevoli interessi e impegni, tesi soprattutto alla valorizzazione e alla crescita del territorio veronese, Carlo Nerozzi trova sempre le energie per dedicarsi con passione e attenzione alla vigna, ottenendo risultati sempre più interessanti. Dopo oltre un ventennio dedicato alla viticoltura, Carlo ha sviluppato un?idea romantica del vino quale elemento fatto per trasmettere cultura e passione, certo possibilmente sempre più buono, ma costantemente pensato come espressione del lavoro di un uomo, non come campione costruito per una gara. Dai suoi vini quest?idea traspare sempre, sia grazie alle curate etichette che già esprimono un legame con il territorio, sia con uno stile che ricerca, accanto a doti di aromaticità e concentrazione, la leggerezza che caratterizza la zona dell?anfiteatro morenico del Garda. D?ottima levatura tutta la produzione, con un importante passo avanti del Balconi Rossi, un taglio di merlot e cabernet con la tradizionale corvina. Al naso si apre leggero e intenso con profumi di frutta fresca e matura, mentre in bocca si distende con una delicata autorità e riesce a coniugare freschezza e potenza. Molto buono il vino più importante, il Refolà, ottenuto da uve cabernet sauvignon leggermente passite; i profumi si offrono surmaturi e di gran fascino, perfettamente corrisposti al palato, dove una fine nota di inchiostro e grafite chiude in bellezza il vino. Il Sanpietro si conferma come una delle migliori espressioni di Custoza, mentre il Due Cuori ritorna ad essere un moscato ricco e potente. La gamma dei vini assaggiati non presenta crepe, anzi più di una eccellenza. Quelli che ci sono piaciuti maggiormente sono da una parte il fresco Bardolino '09 e, dall'altra, il più importante taglio bordolese Refolà '05, a testimonianza della duttilità di questa cantina. Nel primo troviamo un frutto nitido e una bocca succosa e di facile beva, con un ritorno di note speziate di pepe nero che gli conferiscono maggiore complessità. Nel secondo il naso, ampio e nitido, alterna frutta rossa a fiori secchi. Lo sviluppo gustativo è sapido e teso. L'Amarone '06, novità di quest'anno, promette bene per l'armonia gustativa.

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo: via San Pietro, 23
  • CAP: 37066
  • Comune: Sommacampagna
  • Provincia: VR
  • Nazione: Italia
  • Telefono: 045510016
  • Fax: 0458960701
  • Sito Internet: www.levignedisanpietro.it
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Produzione annua: 80000
  • Ettari vitati: 20.00
  • Tipi di viticoltura: Agricola
  • Regione: Veneto
  • Vitigno1: guyot
  • Vitigno2: cordone speronato
  • perc_Vitigno1: 80.00
  • perc_Vitigno2: 20.00
  • Orari: da lunedì a sabato 9/18
  • Vendita diretta: S
  • Vendita online: N
  • latitudine: 45.4132054
  • longitudine: 10.8463529
  • testo inglese: Carlo Nerozzi’s estate extends into the Bardolino and Custoza DOC zones, and more recently into Valpolicella at Valgatara and Moron, thanks to the ten or so hectares brought by new associate Giovanni Boscaini. The partners, assisted along the way by their friend and consultant Federico Giotto, demonstrate great unity of purpose. Whatever their origin, the wines produced share features, from the approachable Bardolino to the more ambitious Amarone. All are very enjoyable and show a strong link to the terroir and its traditions. La gamma dei vini assaggiati non presenta crepe, anzi più di una eccellenza. Quelli che ci sono piaciuti maggiormente sono da una parte il fresco Bardolino '09 e, dall'altra, il più importante taglio bordolese Refolà '05, a testimonianza della duttilità di questa cantina. Nel primo troviamo un frutto nitido e una bocca succosa e di facile beva, con un ritorno di note speziate di pepe nero che gli conferiscono maggiore complessità. Nel secondo il naso, ampio e nitido, alterna frutta rossa a fiori secchi. Lo sviluppo gustativo è sapido e teso. L'Amarone '06, novità di quest'anno, promette bene per l'armonia gustativa.

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition