Era la Cenerentola delle regioni italiane e oggi si scopre meta gourmet grazie al lavoro di tanti giovani che hanno creduto e investito sul Molise: olio, vini, salumi, e poi ancora ristoranti e pasticcerie. I tesori del Molise, una regione tutta da scoprire.... 21 Gennaio 2014
Oggi le etichette abruzzesi non hanno niente dell’ingenuità, anche sgraziata, di una volta, ma sono diventate interessantissime e molto ben lavorate, marcate da un forte e vitale rapporto con una natura irruente. Il Montepulciano d’Abruzzo è il padrone di casa: un grande vino rosso che cambia fisionomia... 01 Gennaio 2011
Centinaia di gioielli italiani sparsi lungo il Belpaese. Ad accomunarli sono spesso un castello o una rocca. A differenziarli sono mille accezioni: dialetti, tradizioni artigianali, piatti tipici. Sono i Borghi d'Italia. Scrigni di meraviglie storico-artistiche e paesaggistiche ancora intatti. Microcosmi vivaci in grado di stupi... 01 Gennaio 2011

... 01 Gennaio 2011
É stato presentato oggi a Roma, presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi La Sapienza di Roma Extrascape, il primo concorso olivicolo internazionale che oltre a premiare un extravergine di qualità dà un riconoscimento anche al paesaggio... 01 Gennaio 2011


Come ogni settimana eccoci all'
appuntamento con Market Wines, la nostra rubrica sui buoni vini italiani di facile reperibilià presso i supermercati. Per questa sesta puntata siamo in Molise, una regione piccola e proprio per questo interessante, da scoprire e analizzare, troppo spesso accorpata con le adiacenti Basilicata, Abruzzo, Campania. In realtà c’è molto da assaggiare in questo territorio che vede la maggior parte delle aziende lungo le colline che si addolciscono fino alla costa adriatica. La produzione è molto legata alle tradizioni e alla storia della viticoltura molisana, a partire dalla scelta dei vitigni: per i rossi soprattutto montepulciano, che qui acquisisce una tipicità del tutto particolare, e l’aglianico, decisamente più leggero e fresco della varietà campana ad esempio; per i vitigni a bacca bianca ci sono soprattutto falanghina e trebbiano. E c’è poi il vitigno molisano autoctono per antonomasia, la tintilia, un uva che dà vita a bianchi minerali e profumati, i più caratteristici senza dubbio.... 01 Gennaio 2011

Eliminate le zampe della gallina incidendo l'articolazione e spuntate le ali. Tagliate alla base l'osso del collo lasciando un lembo di pelle del collo stesso di circa due dita. Fiammeggiatela con cura e ripulite la pelle da eventuali pennette rimaste quindi lavatela sotto l'acqua corrente. Lasciatela sgocciolare e asciugatela anche internamente con la carta da cucina.

Lavate e asciugate il fegatino e tagliatelo a dadini. Dopo averlo svuotato e lavato, tritate il ventriglio. Scaldate un filo dolio in un padellino e rosolate per pochi minuti ventriglio e fegatino quindi salate e pepate.

Preparate un trito finissimo con lo spicchio d'aglio e una manciatina di prezzemolo. Sbriciolate la mollica di pane e raccoglietela in una terrina con il pecorino, le regaglie, il trito di aglio e prezzemolo, l'uovo intero una grattatina di noce moscata, sale e pepe.

Amalgamate con cura quindi riempite la gallina con questo composto. Rivoltate sul dorso il lembo di pelle del collo e cucitelo con ago e del filo bianco.

Mettete sul fuoco una grossa pentola con circa tre litri d'acqua, i gambi di prezzemolo, la cipolla, e il sedano.

Quando l'acqua bolle, salate e immergete la gallina. Fate riprendere l'ebollizione quindi abbassate la fiamma al minimo e proseguite la cottura per circa due ore e mezzo.

Quando è cotta, togliete la gallina dal brodo, tagliatela a pezzi e servitela ben calda con il ripieno tagliato a fette spesse e accompagnata, secondo la tredizione, da confettura di amarene.... 07 Gennaio 2008
Scaldate un po' il miele per renderlo fuido. Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e metteteci le mandorle, il miele, la scorza d'arancia (lavata e asciugata) grattugiata e una abbondante macinata di pepe.

Impastate gli ingredienti fino ad avere un composto omogeneo quindi modellatelo sulla spianatoia infarinata per ottenere una specie di filoncino piatto, di circa 5 cm di larghezza e circa 2 di spessore.

Trasferitelo su una placca rivestita di carta da forno e infornate a 180° per 30 minuti quindi sfornate e, ancora caldo, tagliate il filoncino a fette oblique di circa 1 cm.

Allineate i pepatelli sulla placca e passateli per qualche minuto nel forno caldo ma spento. Fateli ben raffreddare conservateli in una scatola di latta a chiusura ermetica.... 07 Gennaio 2008
Staccate la testa delle acciughe tirandola in avanti ed eliminando contemporaneamente le interiora. Apritele e staccate la lisca. Lavatele sotto l'acqua corrente e asciugatele allargandole su un doppio foglio di carta da cucina.

Scaldate l'olio in una padella e fate rosolare dolcemente gli spicchi d'aglio schiacciati e il peperoncino in quatità a piacere. Quando hanno preso colore, scartateli e mettete in padella i pomodori sminuzzati.

Fate cuocere il sugo per circa un quarto d'ora quindi aggiungete le alici spezzettate e il basilico, salate e fate cuocere per pochi minuti.

Cuocete gli spaghetti, scolateli molto al dente e fateli saltare per per un paio di minuti nella padella con il sugo.

Spolverate la pasta con il prezzemolo tritato prima di servire.... 07 Gennaio 2008
Fate ammollare l'uvetta in acqua tiepida quindi scolatela e asciugatela. Spellate il baccalà, tagliatelo a pezzi ed eliminate le spine.

Sbriciolate grossolanamente la mollica e raccoglietela in una terrina con le noci sminuzzate, l'uvetta, i filetti di acciuga spezzettati, lo spicchio d'aglio tritatissimo e un pizzico di sale.

Unitevi due cucchiai d'olio e amalgamate bene il composto. Ungete con un filo d'olio una teglia che contenga di misura il baccalà e disponete sul fondo qualche foglia di alloro quindi accomodatevi i pezzi di baccalà e cospargeteli con il composto di mollica.

Completate con un filo d'olio e infornate il baccalà a 180°per circa 30 minuti fino a quando si sarà formata una crosticina dorata e leggermente croccante.... 07 Gennaio 2008

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition