Mondate gli orapi e lavateli più volte. Mettete sul fuoco una pentola con acqua salata e quando si alza l'ebollizione calatevi gli orapi tagliati a pezzetti.

Quando sono cotti, eliminate quasi tutta l'acqua (conservatene una tazza) e mettete nella pentola il pane spezzettato.

Lasciatelo ammorbidire quindi mescolate energicamente con il cucchiaio di legno finché non diventerà un composto morbido e abbastanza omogeneo (se necessario aggiungere un po' dell'acqua di cottura).

Per il condimento, scaldate l'olio in una piccola padella e fate soffriggere dolcemente, lo spicchio d'aglio, il peperoncino sbriciolato e la pancetta a pezzetti.

Versate tutto il contenuto della padella nella pentola con il pancotto, mescolate e fate insaporire il tutto per un paio di minuti.

Nella regione sono chiamati orapi gli spinaci selvatici (il loro nome scientifico è chenopodium bonus-henricus) che crescono spontanei nelle zone di montagna delle Alpi e degli Appennini specialmente nei luoghi dove pascolano gli animali in terreni quindi naturalmente ricchi di sali minerali.... 07 Gennaio 2008
Preparazione: 40 + 30 minuti di riposo

Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e versatevi 150 g di acqua tiepida e un pizzico di sale.

Impastate energicamente per almeno 5 minuti quindi formate una palla e lasciate riposare la pasta per una mezz'ora avvolta nella pellicola.

Prendendo un pezzo di pasta alla volta, formate un rotolino delle dimensioni di una matita e tagliatelo a pezzetti di circa 1 cm.

Via via che sono pronti, allargate i cazzarielli su un panno infarinato. Tritate sedano carota e cipolla.

Scaldate l'olio in una casseruola e fate rosolare dolcemente il guanciale a dadini e il peperoncino quindi unite il trito di verdure e fatelo ben appassire.
Aggiungete i pomodori frantumati e dopo qualche minuto anche i fagioli con la loro acqua di cottura, mescolate, salate e fate bollire dolcemente.

Nel frattempo, lessate i cazzarielli in abbondante acqua salata, scolateli al dente e versateli nella casseruola con i fagioli.

Fateli andare ancora per qualche minuto e servite la zuppa ben calda.... 07 Gennaio 2008
Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e mettetevi le uova, il succo di limone, un pizzico di sale e lo strutto a fiocchetti.

Lavorate la pasta fino ad averla liscia e omogenea quindi avvolgetela nella pellicola e fatela riposare per una mezz'ora: nel frattempo preparate il ripieno.

Raccogliete la ricotta in una terrina con il prosciutto e il formaggio tagliati a dadini molto piccoli, una cucchiaiata di prezzemolo tritato, i tuorli, sale e pepe. Mescolate molto bene.

Dividete la pasta in quattro e passate ogni pezzo alla macchinetta ottenendo quattro lunghe strisce di pasta sottili.

Deponete su due strisce dei mucchietti di ripieno delle dimensioni di una piccola noce e coprite con le altre strisce.

Premete bene intorno al ripieno quindi ritagliate i calcioni con una tagliapaste rotondo.

Friggeteli in abbondante olio ben caldo fino a color oro quindi sgocciolateli e passateli su un doppio foglio di carta da cucina.... 07 Gennaio 2008
Pagina 4 di 4

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition