Iddu, A Muntagna, Mongibello. Nomi storici e gergali per riconoscere il vulcano più alto d'Europa, l'Etna. Da quasi due anni è entrato nella lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco e, complice una buona attenzione mediatica, la sua vocazione agricola incuriosisce sempre più. Il vino domina il territorio. Accanto a realtà gastronomiche e agricole sempre più interessanti.

L'Etna è una fucina di biodiversità. Qui il vino ha tirato la volata, facendo del vulcano uno dei luoghi vitivinicoli più trendyd'Europa: ricopre meno del cinque per cento della produzione dell'isola, ma se ne parla come se questa ammontasse a novanta. Intanto l'enoturismo cresce e con esso tutto ciò che serve ai viaggiatori: alberghi, b&b, ristoranti, realtà produttive. È l'idea di un'Etna gourmet.
Poche cucine sanno bilanciare con altrettanta sapienza il salato e il dolce, come quella siciliana. È il suo cuore agricolo e nobile che batte all'unisono. E se la zona orientale da tempo fa incetta di riconoscimenti, l'Etna dei cuochi ha acceso i fuochi per una sfida alla pari: non più solo i grandi alberghi di Taormina, ma anche trattorie e osterie nate tra le sciare (accumuli lavici) del vulcano e poi relais e case di charme.

Cucine isolane da relais

Come nel country boutique hotel Zash, a Risposto, dove il cuoco trentenne Giuseppe Raciti usa il mare e i sapori della Muntagna: su un risotto mantecato con polvere di rosmarino, capperi e zeste di limone candito ci sta (bene) un carpaccio di gamberi. Tutto a chilometri zero: dal giardino di erbe aromatiche e agrumi dell'albergo. Cinque chilometri più a sud, un altro resort, il Donna Carmela, ha puntato sulla cucina di un giovane chef, Andrea Macca – allievo di Ciccio Sultano – che omaggia Iddu(il vulcano) con paccheri sabbiati: un formato troncoconico ripieni di ricotta con funghi porcini (quelli neri sono una prelibatezza dell'Etna) e adagiati su una crema di zucca. Nella versione primaverile il carciofo prende il posto del fungo, e il macco di fave quello della zucca. La croccantezza è nella sabbiatura realizzata con una polvere tostata e incocciata( come per il cus cus) di pomodori secchi, acciuga, capperi e pangrattato. A Zafferana Etnea, la cucina del ristorante Parco dei Principi dell'Esperia Palace Hotel segue le regole vulcaniche di Seby Sorbello, presidente dell'Associazione cuochi etnei, così innamorato del vulcano da dedicargli il Ripiddu (ghiaia nera di lava), piatto creato con soli ingredienti provenienti dal Mongibello: una tartare di carne di asina marinata nella mela cola (piccola, acidula e croccante), miele, timo e aneto con quenelle di nocciole, ricotta di pecora, bouquet di cannatedda(un'erba spontanea dolce che cresce sulle pendici) e il crumble realizzato con una riduzione di Nerello Mascalese (il Ripiddu, appunto). Un'invenzione culinaria simile a una mappa gastronomica.

Easy food in salsa etnea

Più semplice ma altrettanto territoriale è la proposta della trattoria San Giorgio e il Drago di Peppe Anzalone a Randazzo: il cuoco prepara tutta la pasta in casa e la condisce con verdure di stagione come le sparacogne, gli asparagi selvatici dell'Etna che crescono fino a 1.300 metri di altezza (si raccolgono fino a estate inoltrata). La sua collega Lina Castorina della trattoria I 4 Archi di Milo ha scelto invece un presidio Slow Food, il cavolo trunzu di Aci, un cavolo rapa coltivato anticamente negli orti di Acireale e riconoscibile perché la parte edule ha striature violacee, comune a molti ortaggi coltivati su terreni vulcanici: si accompagna con salsa di pomodoro e scaglie di ragusano, per ammorbidire l'amarognolo delle foglie. Da Catania come si fa a non pensare all'Etna? Lo,vedi, lo senti, lo puoi mangiare. Come ha fatto Andrea Graziano con PorkEtna l'ultimo panino uscito da quel laboratorio del gusto che è il suo locale Fud: il pane che ha la forma del vulcano, un pastrami di maialino dei Nebrodi aromatizzato con chiodi di garofano, ginepro e sale affumicato, cotto a bassa temperatura e condito con broccoli, confettura di mela cola e miele di Zafferana Etnea, dopo un'impanatura al pistacchio.

Nel regno della frutta secca

L'Etna deve molto alla frutta secca, in particolare al pistacchio. L'oro verde viene dai comuni di Adrano, Bronte, Biancavilla e Ragalna, nei quali viene coltivato quasi il cento per cento del pistacchio italiano. Pochi sanno che è una coltura a produzione biennale e in annate non semplici, come la scorsa, il prezzo è arrivato a quasi 50 euro al chilo. Si parla complessivamente di 300 ettari e con alberi produttivi solo a dieci anni dall'impianto. I noccioleti invece crescono dove le vigne non arrivano e trovano nel terreno vulcanico un habitat naturale: buona acidità, sostanze organiche e calcare attivo. Interprete rigoroso di questi prodotti – a cui va aggiunta la mandorla – è la pasticceria Alhambra di Linguaglossa della famiglia Barone, nata nel 1939. Il suo nome cominciò a circolare grazie al croccante di nocciola ricoperto di cioccolato. Una nocciola che da queste parti sa di ginestra. Seguiranno le classiche paste di nocciola, di mandorla e di pistacchio che sono sempre fresche – durata massima quattro settimane - e mai stucchevoli. Nel forno ci stanno per non più di due ore, per scongiurare l'effetto “biscottato” e farle rimanere fragranti.

Adrano, porchette made in Sicily

La carne non manca sul vulcano, né le macellerie. Famose le salsicce, soprattutto, quelle “al ceppo”, fatte di carne di maiale e speziate con finocchietto selvatico. La tradizione vuole che vengano lavorate su un grosso pezzo di tronco d'albero di quercia – detto anche chianca. Eppure non c'è tradizione di salumi. Almeno fino all'apertura di Nero Maialino, la macelleria-salumeria di Giuseppe Indorato ad Adrano: prosciutti, porchette, salsicce stagionano sull'Etna che, secondo Pippo, regala tutt'altro sapore. Il negozio è meta di cultori della “ciccia”: porchetta di maialino nero dei Nebrodi, il manzo marinato, il salame di suino nero, le salsicce piccanti rosse dell'Etna, i prosciutti cotti. Questa è la boutique di Giuseppe dove si è fermato dopo aver girato in l'Italia come tecnico: insegnava anche in grosse aziende tecniche di taglio, speziature e temperature adatte. I vitelli sono siculi, della zona di Fiumefreddo e Sortino e in bottega si trovano anche wurstel “homemade”.
 

Indirizzi


Dormire

Agriturismo Parco Statella| Randazzo (CT) | via Montelaguardia, 2/s | tel. 095 924036 | www.parcostatella.com
Agriturismo Wine Resort Villagrande | Milo (CT) | via del Bosco, 25 | tel. 095.708 2175 | www.villagrande.it
Donna Carmela Resort | Riposto (CT) | c.da Grotte, 5 | tel. 095.809383 | www.donnacarmela.com
Esperia Palace HotelRistorante Parco dei Principi | Zafferana Etnea (CT) | via delle Ginestre 1 | tel. 095.7082335| http://www.ristoranteparcodeiprincipi.it
Picciolo Etna Golf Resort & Spa | Castiglione di Sicilia (CT) | s.s. 120, km 200 |tel. 0942.986384 | www.ilpiccioloetnagolfresort.com
Shalai Resort | Linguaglossa (CT) | via G. Marconi, 25 | tel. 095.643128 | www.shalai.it
Zash Contry Boutique Hotel | Archi - Riposto (CT) | s.da Provinciale 2/I-II, 60 | tel. 095.7828932 | www.zash.it

Mangiare

4 Archi | Milo (CT) | via F. Crispi, 9 | tel. 095.955566 | www.4archi.it
Cave Ox | Solicchiata | Castiglione di Sicilia (CT) | via Nazionale Solicchiata, 159 | tel. 0942.986171| www.caveox.it
FUD | Catania | via Santa Filomena, 35 | tel. 095.715 3518 | http://www.fud.it/
San Giorgio e il Drago | Randazzo (CT) | p.zza San Giorgio, 20 | tel. 095.923972
Terra Mia - ristorante di campagna | Solicchiata | Castiglione di Sicilia (CT) | s.p. 64 | tel. 393.9069704

Comprare

Mieli Solmielato | Zafferana Etnea (CT) | via Cancelliere, 53 | tel. 095.7083374 | www.solmielato.it
Nero Maialino macelleria | Adrano (CT) | via Cappuccini, 22 |tel. 095.9893056| www.neromaialino.it
Olio extravergine di oliva Stingi | Adrano (CT) | via S. Pietro 149 |tel. 095.7691971
Pasticceria Alhambra | Linguaglossa (CT) | via G. Marconi, 76 | tel. 095.643156 | www.pasticcerialalhambra.it

a cura di Francesca Ciancio

Articolo uscito sul numero di Giugno 2015 del Gambero Rosso. Per abbonarti clicca qui

Per leggere In viaggio. Giro della Sicilia in 4 microbirrifici clicca qui
http://www.gamberorosso.it/component/k2/item/1022236-in-viaggio-giro-della-sicilia-in-4-microbirrifici
Per leggereIn viaggio. Modena, ieri, oggi e domanicliccaqui
Per leggere In viaggio. Germania del Nord, sulle rotte della Lega Anseatica cliccaqui
Per leggere In viaggio. Alla scoperta della Liguria di Ponente cliccaqui
Per leggere In viaggio. Fusion madrileno: la new wave gastronomica ispano-asiatica in 4 indirizzi cliccaqui
Per leggere In viaggio. Paesi Baschi vol. 2: tour alla scoperta dei pintxos di Bilbao cliccaqui
Per leggere In viaggio. Cilento: terra di bufale, formaggi e dolci golosi clicca qui
Per leggere In viaggio. La Piccola Polonia da Cracovia ai Carpazi cliccaqui
Per leggere In viaggio Dall'Appennino all'Adriatico nella Marca Fermana cliccaqui
Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Verona nei giorni del Vinitaly clicca qui
Per leggere In viaggio. Ginevra: verso l'Expo a passi ecosostenibili cliccaqui
Per leggere In viaggio. Riga, la nuova cucina lettone cliccaqui
Per leggere In viaggio. Agnone, nel paese delle campane tra soste golose e passeggiate nella natura cliccaqui
Per leggere In viaggio. Sicilia d'inverno: nuovi locali e vecchie trattorie clicca qui
Per leggere In viaggio. Firenze: le belle arti… del quinto quarto cliccaqui
Per leggere In viaggio. Bruges & Anversa: cioccolato, birra e la cucina dei Primitivi Fiamminghi cliccaqui
Per leggere In viaggio. A Vienna per i 150 del Ring, tra caffè e giovani chef cliccaqui
Per leggere In viaggio. Sapori di confine da Trieste al Carso cliccaqui
Per leggere In viaggio. Cuba: racconto di una serata alcolica sulle tracce di Hemingway a la Habana cliccaqui
Per leggere In viaggio. Paesi Baschi: tour alla scoperta dei pintxos di San Sebastian cliccaqui
Per leggere In viaggio. Pantelleria. Alla scoperta della Figlia del Vento cliccaqui
Per leggere In viaggio. Soave: a spasso tra vigneti e grandi tavole cliccaqui
Per leggere In viaggio. La Piana di Sibari e i sapori del Pollino cliccaqui
Per leggere In viaggio. Venezia: autunno in laguna cliccaqui
Per leggere In viaggio. La Cina. Seconda tappa: Pechino e Shanghai cliccaqui
Per leggere In viaggio. La Cina. Prima tappa: Xi’an, la capitale antica cliccaqui
Per leggere In viaggio. Torino, il Salone del Gusto, la Reggia di Venaria cliccaqui
Per leggere In viaggio. Il Frusinate: tesori d'Appennino cliccaqui
Per leggere In viaggio. Val Tidone, quei sapori tra le vigne cliccaqui
Per leggere In viaggio. Cadore: i sapori delle Dolomiti cliccaqui
Per leggere In viaggio. Cosa porta con sé la Scozia se vota per l’indipendenza? Angus, whisky e ostriche cliccaqui
Per leggere In viaggio. Conero da cima a fondo. Le sorprese delle Marche e della costa Adriatica cliccaqui
Per leggere In viaggio. Il Sulcis Iglesiente, Carloforte e Sant'Antioco: la Sardegna tra mare e terra cliccaqui
Per leggere In viaggio. Dove mangiareinLanghe, Roero e Monferrato. Consiglia Davide Palluda cliccaqui
Per leggere In viaggio. In Salento tra panorami marini, vigneti, olivi secolari e arte barocca cliccaqui
Per leggere In viaggio. A Genova e dintorni per scoprire i profumi e i colori di una terra stretta fra monti e mare cliccaqui
Per leggere In viaggio. Dove mangiareinCosta Azzurra. Indirizzi golosi tra la Francia e l'Italia suggeriti da Mauro Colagreco cliccaqui
Per leggere In viaggio. Dove mangiareinIstria. Itinerario goloso tra negozi e ristoranti suggeriti da Ana Roš cliccaqui
Per leggere In viaggio. Dove mangiare a Formentera cliccaqui
Per leggere In viaggio nel Pollino, il parco dei tesori cliccaqui
Per leggere In viaggio da Trapani a Erice. Sale, aglio e genovese cliccaqui
Per leggere In viaggio tra sassi e mare alla scoperta della provincia di Matera cliccaqui
Per leggere In viaggio nella Penisola Sorrentina: oltre al mare c’è di più cliccaqui
Per leggere nel cuore di Perugia. Indirizzi foodies e musica jazz cliccaqui
Per leggere In Istria alla ricerca di sapori tra Croazia e Slovenia cliccaqui
Per leggere In viaggio verso Foggia e la Daunia cliccaqui
Per leggere In viaggio in Portogallo tra Porto e baccalà cliccaqui
Per leggere In viaggio. InTrentino tra sapori di malga cliccaqui
Per leggere In viaggio. Sulle strade della mozzarella cliccaqui
Per leggere In viaggio nel Gran Paradiso tra fontina e ghiacciai cliccaqui
Per leggere In viaggio.In Alsazia tra Reseling e foie gras cliccaqui
Per leggere Piceno in tour alla scoperta di pecorino e olive ascolane cliccaqui
Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 1. Castel di Tusa, Palermo e Regale ali di Tasca cliccaqui
Per leggere Sicilia occidentale in tour volume 2. Da Agrigento a Trapani passando per Marsala e la valle dei templi cliccaqui
Per leggere Castellammare, Gragnano, Agerola, Furore, Amalfi. Storie, sapori e testimonianze dell'altra costiera cliccaqui
Per leggere Molise panorami e sapori di una regione da scoprire cliccaqui
Per leggere alla scoperta di una Puglia insolita cliccaqui
Per leggere Vulture intour un viaggio tra cantine e paesaggi straordinari cliccaqui


Altre Foto