Passeggiata tra le bellezze e le bontà del distretto turistico costiero della Penisola Sorrentina. Un tesoro di panorami montani e paradisi marini, che vanta un patrimonio enogastronomico costellato di specialità e prodotti tipici da primato.

Una meta turistica rinomata ma conosciuta solo in parte, la penisola sorrentina mette d'accordo tutti: gli amanti del mare, gli appassionati di montagna ma anche i turisti gourmand. Offre infatti la possibilità di intraprendere escursioni in montagna o tuffi al mare e di provare chicche gastronomiche uniche, dalla treccia di Apreda al Provolone del Monaco Dop, passando per i pomodori di Sorrento che ben si sposano con il fior di latte dei Monti Lattari. Ad accorgersi di questa grande potenzialità è stato, nel gennaio scorso, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che ha approvato l’istituzione del distretto turistico costiero della penisola sorrentina, al quale aderiscono i sei comuni dell’area. E da allora gli operatori del settore si sono rimboccati le maniche facendo rete per portare avanti progetti in grado di potenziare l’offerta turistica e di migliorare la qualità dei servizi, rilanciando la competitività di questo territorio.

Altro impegno istituzionale è il Centro Commerciale Naturale di Piano di Sorrento, al quale hanno aderito una settantina tra operatori turistici, commercianti e strutture alberghiere, con l’obiettivo di valorizzare il centro cittadino, sia in termini di salvaguardia e rivitalizzazione del centro storico, sia in termini di incremento degli investimenti privati sul territorio, perché il Piano di Sorrento è un punto strategico per poter apprezzare l'enorme patrimonio della penisola: da qui si può raggiungere la costiera sorrentina ma anche quella amalfitana, ed è proprio dal porto Marina di Cassano di Piano di Sorrento che ci si può imbarcare per visitare le isole, Capri in primis. E accantonando per un attimo le immagini più conosciute della Costiera Sorrentina e di quella Amalfitana, con le loro strade panoramiche a picco sul mare, le antiche ville e i porticcioli caratteristici, sempre da qui, il turista può andare alla scoperta del lato montano del territorio in compagnia di guide locali (la nostra è il bravo Nino Aversa), appassionate e amanti del loro luogo.

Poco battuti ma molto belli sono i sentieri del Monte Vico Albano (chiamato dalla gente del posto Montagna del Principe in riferimento al vecchio proprietario, il principe Colonna). Dalla sommità del monte è possibile scorgere orchidee rarissime e godere dei colori tenui degli aranceti e di tinte più accese regalate dal riverbero sul mare delle isole delle Sirene. La vista è un vero e proprio museo a cielo aperto. Ai piedi del monte sorge invece il Castello Colonna, che fu prima dimora di un’abbazia benedettina e, subito dopo, residenza privata del Principe Eduardo Colonna Doria del Carretto e della sua sposa Maria Serra di Cardinale (si deve a lei l'elegante bosco di camelie, conosciuto soprattutto all'estero). 

Grazie al sapiente restauro degli architetti Ricciardi (Domenico Ricciardi è anche ideatore di Mediterraneum -Acquario di Roma), nonché attuali proprietari della tenuta, il Castello è stato convertito in struttura alberghiera perfettamente integrata al contesto naturale. Negli eleganti saloni del ristorante (dove abbiamo avuto l'occasione di mangiare degli spaghetti al pomodoro impeccabili) c’è anche una curiosa esposizione di menu risalenti al 1901, riportati dalla principessa Adele Borghese e dal principe Lucio Colonna, che spesso vengono concretizzati dallo chef attuale.

Venendo all'enorme patrimonio gastronomico, ci siamo fatti raccontare le mete gourmet della costiera sorrentina dalla gente del posto. Appena a Sud di Napoli, dopo i comuni vesuviani, inizia il territorio dei Monti Lattari con diverse località interessanti: Gragnano, nota per la pasta artigianale (come i famosi paccheri), Lettere, che dà il nome a una delle sottozone della DOC Penisola Sorrentina, e Agerola, dove crescono le vacche agerolesi con il cui latte si fanno pregiati latticini come il provolone del monaco o il fior di latte. Noi abbiamo provato il fior di latte del caseificio Fior di latte, a conduzione familiare che produce anche il caciocavallo moscione, la caciotta e i diavoletti, detti riavulillo in dialetto campano, per via della piccola dimensione e il cuore piccante. Per quanto riguarda il provolone del monaco Dop, abbiamo assaggiato quello prodotto dal caseificio La Verde Fattoria del Monte Comune accompagnandolo con pane casereccio biscottato e noci di Sorrento.

Castellammare si distingue invece per la produzione dolciaria dove la tradizione è insita nel nome del biscottificio Riccardi, antica fabbrica familiare nota soprattutto per la ricetta del biscotto di Castellammare. Il paese conta anche un altro eccellente prodotto tipico: i carciofi violetti, detti mammarole o anche di Schito dal nome della località a nord della cittadina particolarmente vocata per questa coltivazione. Tenerissimi grazie all’usanza di ripararli dal sole con coppette di terracotta (oggi spesso in plastica), sono una prelibatezza cotti alla brace.

Proseguendo verso sud si arriva in Costiera Sorrentina, che annovera alcuni dei più rinomati ristoranti della scena nazionale. Qui, se avete occasione, provate la pezzogna, che si pesca nelle profondità del Golfo di Napoli (noi l'abbiamo provata nel ristorante del Castello Colonna accompagnata da olive e pomodorini San Marzano). Sempre in questa zona da non perdere, il Caseificio De Gennaro a Pacognano, che realizza strepitosi formaggi e una straordinaria ricotta da latte vaccino di alta qualità, e l’azienda agricola Russo a Montechiaro, che produce L’Arcangelo, olio dalla cultivar locale minucciola.

Sulla strada che da Seiano porta a Sorrento c’è La Tradizione, incredibile e famosissima bottega di specialità alimentari dove Annamaria Cuomo e Salvatore De Gennaro propongono veri e propri tesori gastronomici ricercati con passione: formaggi e salumi che lo stesso Salvatore affina sapientemente, carni di diverse razze, pane e taralli, paste di Gragnano, pomodorini del Piennolo, e tante altre delizie locali, senza dimenticare i vini.

Sorrento è invece la patria dei famosi limoni coltivati tradizionalmente sotto le stuoie di paglia per proteggere le piante dal freddo e ritardare la maturazione dei frutti, particolarmente ricchi di oli essenziali e dunque profumatissimi. Tra i tanti nomi, sono ottimi il Limoncello Villa Massa e quello Piemme. Anche le noci di Sorrento sono prelibate per il sapore e per una particolarità della cultivar locale, ovvero la facilità con cui si estrae il gheriglio integro dal guscio. Da assaggiare anche la treccia del Caseificio Apreda.

Nella frazione di Sant’Agata sui Due Golfi, infine, su una collina da cui si ammirano i golfi di Napoli e Salerno, c’è il ristorante Don Alfonso della famiglia Iaccarino che nella vicina località Termini possiede l’azienda agricola Le Peracciole, ubicata in una vasta area affacciata su Punta Campanella dove crescono, in maniera del tutto naturale e organica, olivi, limoni, frutta e ortaggi.

Bisogna insomma dare atto a Domenico Ricciardi, proprietario del Castello Colonna il quale, benché pugliese, si è innamorato della penisola sorrentina e ha deciso di investire in tempo e denaro su queste terre: “Quello della penisola sorrentina è un patrimonio incredibile, che bisogna far conoscere e mettere a sistema, offrendo un pacchetto completo e organizzato, studiato e non banale, e che metta in relazione mare e montagna. In poche parole bisogna far capire ai turisti che nella penisola sorrentina oltre al mare c'è di più”.


Castello Colonna | via Cermenna 12 | Piano di Sorrento (Na) | tel.081.3504895 | www.castellocolonna.com

a cura di Annalisa Zordan

INDIRIZZI

Caseificio Fior di latte | via San Liborio, 13 ! Piano di Sorrento (NA) | tel.339.8236227 

Caseificio La Verde Fattoria | via Sala, 24 | Vico Equense (Na) | tel.081.8023095 | www.laverdefattoria.it

Biscottificio Riccardi | viale Europa, 105 | Castellammare di Stabia (NA) | tel.081.8715561 

Caseificio De Gennaro | via R. Bosco 956 Località Seiano | Vico Equense (Na) |www.caseificiodegennaro.it

Azienda Agricola Russo | piazza Montechiaro, 18 fraz. Montechiaro | Vico Equense (NA) | tel.081.8028404 

La Tradizione | via Raffaele Bosco, 969 | Vico Equense (Na) | tel. 081.8028437

Villa Massa | via Mortora San Liborio | Piano di Sorrento (Na) | tel.081.5628154 | www.villamassa.com

Piemme | corso Italia, 374 | S. Agnello (NA) | tel.081.5322199 | www.piemme-it.com

Caseificio Apreda | via del Mare, 20 | Sorrento (Na) | tel.081.8074059 

Azienda agricola Le Peracciole | corso S. Agata, 13 | Massa Lubrense (Na) | tel. 081.8780026 | www.donalfonso.com/azienda_agricola
 


Altre Foto