Un week end di relax alla scoperta della Versilia. Pietrasanta, Camaiore, Viareggio e Forte dei Marmi: un percorso tra natura, vita notturna e centri storici da visitare. Alla scoperta di una cucina che coniuga mare e terra e non lesina indirizzi di grande interesse.

Le miniguide cittadine si trasformano in un vademecum per viaggiare alla scoperta delle località marittime più ambite, in vista dell'estate. Cominciamo con la Versilia, le sue spiagge di sabbia dorata, gli stabilimenti storici, le villette liberty e le pievi romaniche. Ma anche la natura incontaminata della Alpi Apuane. E soprattutto i migliori indirizzi per mangiare di gusto.

Non solo mare. La Versilia che non ti aspetti

Se la prima immagine che salta alla mente è una distesa di spiagge di sabbia finissima, l'area della Versilia – premiata da un turismo che non passa mai di moda – ha panorami ben più nascosti da offrire al turismo che sa spingersi oltre la costa senza indugiare troppo al sole che bacia un litorale che sa alternare angoli di natura incontaminata a eleganti stabilimenti attrezzati di tutto punto. Storicamente compreso tra i comuni di Pietrasanta, Forte dei Marmi, Stazzema e Seravezza, il territorio della Toscana nord-occidentale delimitato dalle vette frastagliate delle Alpi Apuane, nella provincia di Lucca che affaccia sul Tirreno, annovera tra le sue punte di diamante alcune delle più celebri località della dolce vita all'italiana dal fascino d'altri tempi, in molti casi ancora immutato. Meta fiorente di turismo marittimo (che è anche quello degli esclusivi locali notturni) ha saputo preservare e valorizzare un patrimonio naturalistico, artistico, culturale che si rivela poco alla volta, in visita tra le rocche, le pievi e le ville storiche del comune di Camaiore e il lago costiero di Massaciuccoli (riserva naturale nel comune di Massarosa), gli itinerari del marmo e la Villa Medicea di Seravezza, il trekking sui sentieri alpini di Stazzema, il borgo tristemente noto per l'eccidio nazista di Sant'Anna, che oggi conta solo quattromila anime e rappresenta l'altro volto della Versilia, quello più selvatico e fuori dal tempo.

I centri da scoprire. Da Pietrasanta a Viareggio

Antico capoluogo e punto di riferimento storico per tutta la regione è Pietrasanta, che della sua peculiarità territoriale – centro di smercio e lavorazione per il marmo in arrivo dalle celebri cave – ha saputo fare un vanto artistico, apprezzabile durante la passeggiata tra i vicoli del centro storico, che vi condurranno facilmente in piazza del Duomo per ammirarne la bella Collegiata di San Martino in stile romanico-gotico. Prima di dirigervi verso la Marina e la sua spiaggia lunga 5 chilometri, fate tappa a Valdicastello, per rendere omaggio a uno dei più celebrati poeti italiani, Giosuè Carducci, visitandone (solo su prenotazione) la residenza storica (oggi monumento nazionale).
Un altro centro da scoprire, aldilà della nota spiaggia del Lido, è quello di Camaiore e del suo nucleo storico perfettamente conservato all'interno delle mura antiche. Viareggio è la cittadina che attira il turismo più festaiolo: dieci chilometri di spiaggia, il porto turistico, un carnevale famoso nel mondo (e gli artigiani della cartapesta), l'eleganza dal gusto liberty delle villette in riva al mare – tra vetrate multicolore, mosaici e torrette d'inizio Novecento – gli atelier di design e le boutique di moda, lo spirito conviviale e i festival letterari.
A Nord, chiude il litorale della Versilia l'altrettanto celebre Forte dei Marmi (dal fortino de Medici del XVIII secolo), dove gli amanti del genere avranno modo di scoprire uno dei più curiosi musei del mondo, dedicato all'arte della Satira e della Caricatura. Nota per l'atmosfera mondana che oggi attira numerosi vip, sportivi e politici, la sua spiaggia è entrata nel mito per la frequentazione di importanti personalità della vita culturale italiana, ma il suo fascino d'antan è tangibile muovendosi tra le ville del quartiere Roma imperiale, disegnate da Giò Ponti, Giovanni Michelucci, Giuseppe Pagano e acquistate nel periodo d'oro degli anni Sessanta dalle più importanti famiglie dell'industria nazionale; altrettanto nota la Capannina, discoteca inaugurata nel 1929 e ancora in attività.

Versilia enogastronomica. Mare e terra si sposano nel piatto

Un'atmosfera così vivace e la compresenza di tanti habitat naturali hanno determinato negli ultimi decenni il concretizzarsi di una scena ristorativa di grande ambizione (purtroppo inquinata anche da molte piccole insegne che cercano di sfruttare il traino turistico senza offrire la qualità che gli ingredienti e la storia del territorio meriterebbero), che sa mantenere il legame con la tradizione gastronomica locale aprendosi agli stimoli di una clientela internazionale.

Tra i prodotti più tipici del territorio è il lardo di Colonnata, il re delle lavorazioni che raccontano una storia fatta di tavole contadine e pasti frugali seppur con ingredienti oggi prestigiosi: stagionato almeno sei mesi e conservato in salamoia dentro grandi vasche di marmo, il salume originario del piccolo paesino sulla Alpi Apuane arriva su tutte le tavole della Versilia, ricordando il prolifico rapporto con l'entroterra di una cucina di litorale che sposa in prevalenza la tradizione del mare (come testimoniano per esempio ricette tipiche a base di farro e pescato del giorno, gli sparnocchi – le cicale di mare – con fagioli, il risotto con seppie e bietole). Sapore di mare protagonista anche del cacciucco, qui presentato in versione meno piccante rispetto al cugino livornese; poi spaghetti con cannolicchi e grigliate di pesce.
Numerosi i frantoi e le aziende agricole dedite all'apicoltura, olio e miele entrano a pieno titolo nel paniere di eccellenze della gastronomia versiliese. E sempre in Versilia bisogna spingersi per visitare l'allevamento di Paolo Parisi, sinonimo di uova di qualità, o scoprire il pecorino con il pinolo di San Rossore.
Ecco allora i nostri consigli per godere della bellezza della Versilia scoprendo le tappe più significative e le migliori insegne sul territorio attraverso le guide del Gambero Rosso.

 

CONSIGLI DALLA GUIDA RISTORANTI D’ITALIA 2015 (comprala qui)


Da Lorenzo (Forte dei Marmi): Tre Forchette che sono espressione del perfetto equilibrio raggiunto tra sala, servizio e cucina, dove Gioacchino Pontrelli regala delicati piatti di mare e altrettanto raffinate pietanze di terra. Un baluardo della ristorazione classica che dimostra grande elasticità verso le esigenze dei commensali. Carta dei vini che segue gli alti standard qualitativi della tavola.

La Magnolia dell'Hotel Byron (Forte dei Marmi): Una tavola d'albergo che è diventata meta gourmet grazie alla gestione illuminata della famiglia Madonna. In cucina c'è Cristoforo Trapani, che utilizza gli ingredienti locali (non solo pesce) con grande attenzione e creatività. Si mangia in un ambiente esclusivo che d'estate offre tavoli suggestivi a bordo piscina. Carta dei vini importante e selezione di menu degustazione.

Romano (Viareggio): Ancora un Tre Forchette che brilla nella ristorazione del litorale locale e porta avanti con qualità la storia di quarant'anni di pranzi e cene eccellenti. Cucina di mare con grandi classici della casa, mano leggera e sapori intensi, materia prima sempre eccellente (anche nelle proposte di terra). Dessert di livello, servizio professionale e cortese, grande carta dei vini.

Il Piccolo Principe del Grand Hotel Principe di Piemonte (Viareggio): Un'altra cucina d'albergo di grande impatto, all'ultimo piano del lussuoso hotel viareggino con terrazza. Dalla cucina sapori mediterranei e ricchi di profumi, valorizzati dall'attenzione alle cotture. Servizio di classe e tre proposte di degustazione.

La Brilla (Camaiore): Un'osteria suggestiva in località Lombrici, ai piedi delle Alpi Apuane, circondata dall'ex tenuta di Cesare Garboli. Molto buoni i secondi di carne, ma anche i primi realizzati in casa, come le pappardella al ragù di cinghiale e i tordelli versiliesi. Buona selezione di formaggi con miele di spiaggia del Parco di San Rossore.

Bistrot (Forte dei Marmi): I prodotti arrivano dall'azienda agricola di famiglia, l'ambiente è confortevole, in menu prevalgono i piatti di pesce, con particolare bonus per i crudi e la frittura di mare con fiori di zucca. Deliziosi i dolci e splendida cantina.

Il Circo (Pietrasanta): Pochi coperti e un ambiente estremamente piacevole, in carta proposte di terra e mare, ma è la carne il vero must della casa. Molto validi anche i dolci e un ottimo rapporto qualità/prezzo per il menu da cinque portate a 35 euro. Carta dei vini in prevalenza regionale.

Enoteca Marcucci (Pietrasanta): Un wine bar che vale Tre Bottiglie gestito con passione da Michele Marcucci, punto di riferimento per gli appassionati di vino, ma anche per i gourmet che cerchino un rifugio di classe nel centro storico. Grande cantina con molte etichette d'Oltralpe, dalla cucina proposte semplici ma di altissimo livello, dalle zuppe alla brace, ai testaroli della Lunigiana con pesto leggero. E in chiusura un sorprendente carrello di formaggi. Obbligatorio prenotare.


CONSIGLI DALLA GUIDA STREET FOOD 2016 (comprala qui)

Adone (Viareggio):fast food in chiave italiana dal 1981, che declina panini in tutte le varianti. Il successo sta negli ingredienti di prima qualità e negli abbinamenti sempre azzeccati. Da bere birra e qualche bottiglia di vino.

CONSIGLI DALLA GUIDA FOODIES 2015 (comprala qui)

Apogeo Giovannini (Pietrasanta):Un casolare immerso nel verde da raggiungere per scoprire un'ottima pizza gourmet, farine macinate a pietra, lievito madre e lunghe lievitazioni. Per la farcitura ingredienti gourmet e interessanti abbinamenti che compongono il Menu Innovazione. Da bere birre artigianali e carta dei vini divisa per regioni.
Filippo (Pietrasanta):Ambiente contemporaneo e cucina della tradizione che incontra la creatività dello chef Fabio Mazzei. In carta dei vini etichette biodinamiche e qualche proposta d'Oltralpe.
Il Merlo (Camaiore):Attraversata la celebre gastronomia/enoteca Da Claudio (Torcigliani), si arriva in giardino per gustare una cucina autentica che si avvale di ingredienti selezionati. Ogni prodotto ha un nome e una provenienza. Eccellente la carta dei vini.

CONSIGLI DALLA GUIDA PIZZERIE D’ITALIA (comprala qui)

Il Pachino (Viareggio):Pizza napoletana alla “viareggina”. Lunga lievitazione, pizza morbida ed elastica, facile digestione e prodotti di prima qualità per la farcitura. Ci sono anche cecina, insalate e un'interessante carta delle birre.
Da Rizieri (Viareggio):Le teglie escono dal forno a legna a getto continuo, la fila degli estimatori di Margherita e Cecina è sempre numerosa. Si mangia anche in sala, o è disponibile la pizza da asporto in versione gigante cotta in teglia.

CONSIGLI DA BAR D’ITALIA 2015 (comprala qui)

Amadeus (Lido di Camaiore):A colazione buoni i lieviti che accompagnano caffè e cappuccini ben eseguiti. Ma il momento clou è l'aperitivo: grande scelta di bollicine, cocktail internazionali e long drink. Dalla cucina un buffet ricco con ingredienti locali di qualità. Si può anche cenare.
Galliano (Viareggio):Una pasticceria di ottimo livello trova l'espressione più felice nei budini di riso deliziosi. Ottimi anche i gelati e le granite alla frutta. A pranzo si mangia sulla spiaggia.
Caffè Giardino( Forte dei Marmi): Si fa colazione all'ombra dell'antico fortino leopoldino, la caffetteria è ottima, come il momento dell'aperitivo: buoni i cocktail e ricco il buffet.
Caffè Principe (Forte dei Marmi):Ambiente raffinato, atmosfere esclusive a caffetteria di livello, accompagnata da un'ottima pasticceria. Aperitivo estivo nel piacevole dehors con vista sullo struscio cittadino.

CONSIGLI DALLA GUIDA PASTICCERI&PASTICCERIE 2015 (comprala qui)

Pasticceria Angelo (Forte dei Marmi):sulla provinciale che porta verso le Apuane, il laboratorio di famiglia è stato rilevato da Angelo Baldini dopo una formazione Oltralpe. Ottimi i lieviti, le sfoglie, le paste. Deliziosi i mignon e le crostate di frolla con crema pasticcera e frutta fresca.
Gambalunga (Viareggio):Un locale storico del centro città con boiserie e specchi d'inizio secolo. Un repertorio classico e ottimi lieviti, oltre ai dolci di stagione e ai must della tradizione toscana. Molto curato il packaging.
Patalani (Viareggio):All'interno del mercato centrale, sempre molto frequentata. Lieviti di altissima qualità e celebri bomboloni alla crema al forno. Grande scelta di torte e panettone di livello in stagione.


a cura di Livia Montagnoli

Da Lorenzo | Forte dei Marmi (Lu) | Via Giosuè Carducci 61 | tel. 0584 874030 |www.ristorantelorenzo.com/
La Magnolia dell'Hotel Byron | Forte dei Marmi (Lu) | Viale E. Morin 46 | tel. 0584 787052 |www.hotelbyron.net/
Romano | Viareggio (Lu)| Via Giuseppe Mazzini 120 | tel. 0584 31382 |www.romanoristorante.it/
Il Piccolo Principe del Grand Hotel Principe di Piemonte | Viareggio | Piazza Puccini 1 | tel. 0584 4011 |www.ristoranteilpiccoloprincipe.com/
La Brilla | Camaiore (Lu) | Via Nuova 825, località Lombrici | tel. 0584 984657 |villalabianca.com/it/ristorante-camaiore-versilia.html
Bistrot | Forte dei Marmi (Lu) | Viale Franceschini 14 | tel. 0584 89879 |www.facebook.com/pages/Ristorante-Bistrot-Forte-Dei-Marmi/140924902700586?fref=ts
Il Circo | Pietrasanta (Lu) | Vicolo San Biagio 28 | tel. 0584 70436 |www.ristoranteilcirco.it/
Enoteca Marcucci | Pietrasanta (Lu) | Via Garibaldi 40 | tel. 0584 791962 |www.enotecamarcucci.it/
Adone | Viareggio (Lu) | Via Giuseppe garibaldi 85 | tel. 0584 49836 |www.facebook.com/pages/Paninoteca-Adone/160402367318707


Apogeo Giovannini | Pietrasanta (Lu) | Via Pisanica int. 136 | tel. 0584 793 394 |www.pizzeriaapogeo.it/#index
Filippo | Pietrasanta (Lu) | Via Stagio Stagi 22 | tel. 0584 70010 |www.filippolondon.it/
Il Merlo | Camaiore (Lu) | Piazza Minati 5 | tel. 0587 644040 |www.ristoranteilmerlo.it/
Il Pachino | Viareggio (LU) | Via Vittorio Veneto 46 | tel. 0584 961063 |www.pizzeriapachino.it/
Rizieri | Viareggio (Lu) | Via Cesare Battisti | tel. 0584 962053 |www.facebook.com/pages/Pizzeria-Da-Rizzieri/162270377130545
Amadeus | Camaiore (Lu) | Viale Cristoforo Colombo 35 | tel. 0584 66261 |www.facebook.com/pages/Amadeus/108969525832890
Galliano | Viareggio (Lu) | Viale Guglielmo Marconi 127 | tel. 058450015 |www.bargalliano.it/
Caffè Giardino | Forte dei Marmi (Lu) | Via Stagio Stagi 44 | tel. 0584 89318 |www.facebook.com/caffetteriailgiardinofortedeimarmi
Caffè Principe | Forte dei Marmi (Lu) | Via Ammiraglio Morin 67 | tel. 0584 783636 |www.principefortedeimarmi.it/it/13/home.aspx
Pasticceria Angelo | Forte dei marmi (Lu) | Via Provinciale 218 | tel. 0584 787841
Gambalunga | Viareggio (Lu) | Via Sant'Andrea 34 | tel. 0584 962116 |www.facebook.com/pages/Pasticceria-Gambalaunga-Viareggio/410398979090866
Patalani | Viareggio (Lu) | Via Giuseppe Zanardelli 183 | tel. 0584 47279 |www.facebook.com/pages/Pasticceria-Patalani/1718232291650809



Per acquistare la guida Ristoranti d’Italia 2015 del Gambero Rosso cliccaqui. Disponibile anche l’Appqui
Per acquistare la guida Foodies 2015 cliccaqui
Per acquistare la guida Pizzerie d’Italia cliccaqui
Per acquistare la guida Street Food 2016 cliccaqui
Per acquistare la guida Bar d’Italia 2015 cliccaqui. Disponibile anche l’Appqui
Per acquistare la guida Pasticceri&Pasticcerie 2015 cliccaqui


Per leggere Miniguida di Livorno. Il porto toscano del cacciucco e della torta di ceci cliccaqui
Per leggere Miniguida di Parma. La città del buon gusto tra salumi pregiati e alta pasticceria cliccaqui
Per leggere Miniguida di Salerno. Mare, pizza e mozzarella di bufala nel capoluogo del Cilento cliccaqui
Per leggere Miniguida di Perugia. Piatti della tradizione e grandi prodotti del territorio: torta al testo, salumi e selvaggina cliccaqui
Per leggere Miniguida di Trieste. Cucina cosmopolita ed eleganti caffè, tra jota, prosciutto in crosta e Sacher Torte cliccaqui
Per leggere Miniguida di Catania. La storia e il mare nel piatto: pasta alla Norma, sarde a beccafico, cannoli siciliani e frutta martorana cliccaqui
Per leggere Miniguida di Bolzano. Selvaggina, pane di segale, speck e formaggi malga per una cucina che parla tirolese cliccaqui
Per leggere Miniguida di Lecce. Tutto il gusto della cucina povera tra i gioielli del barocco salentino cliccaqui
Per leggere Miniguida dell’Aquila. La semplicità nel piatto e grandi materie prime di una città tenace cliccaqui
Per leggere Miniguida di Bergamo. Dove mangiare i piatti della tradizione contadina. E non solo cliccaqui
Per leggere Miniguida di Ravenna. Ori bizantini e una ricca tradizione nel piatto cliccaqui
Per leggere Miniguida di La Spezia. Cibo di strada e cucina ligure in tavola cliccaqui
Per leggere Miniguida di Matera. I sapori della tradizione custoditi dai Sassi cliccaqui
Per leggere Miniguida di Modena. Tradizione e alta cucina all'ombra della Ghirlandina cliccaqui
Per leggere Miniguida di Macerata. Terra di armonie tra ciauscolo e vincisgrassi cliccaqui
Per leggere Miniguida di Cagliari. Identità isolana in tavola e tra i bastioni della città cliccaqui
Per leggere Miniguida di Varese. La città-giardino tra pesce di lago e sapori della terra cliccaqui
Per leggere Miniguida di Vercelli. Accolti dalle risaie nel Piemonte di rane e panissa cliccaqui
Per leggere Miniguida di Brescia. Anima longobarda, polenta taragna e pesce di lago cliccaqui
Per leggere Miniguida di Piacenza. Dalla Via Emilia alla Francigena: coppa, grana e tortelli con la coda cliccaqui
Per leggere Miniguida di Asti. Una cucina contadina regale: agnolotti gobbi, bollito misto e bonet cliccaqu
i


Altre Foto