Rivivere il rituale delle celebrazioni del grano e delle feste propiziatorie per il raccolto, attraverso una serie di eventi e iniziative pensate per promuovere la cultura cerealicola italiana. Dal 7 al 13 giugno 2018 a Roma torna Cerealia, festival del grano con un programma fitto di appuntamenti.

 

La festa nell'Antica Roma

Valorizzazione dei territori, delle colture autoctone locali, della biodiversità, ma anche della specificità culturale, che si rinnova e si arricchisce nel dialogo con l’altro. Molteplici sono gli obiettivi che un anno dopo l’altro si prefigge Cerealia, il Festival dei cereali, Cerere e il Mediterraneo, giunto quest'anno alla sua ottava edizione. Dal 7 al 13 giugno, seminari, forum, convegni, laboratori e interventi da parte dei professionisti del settore faranno luce sui concetti di sostenibilità e biodiversità, andando alla ricerca della profonda e antica storia gastronomica del nostro Paese. Per una festa dal fascino intramontabile, che riprende i Cerialia, celebrazioni che i romani dedicavano a Cerere a metà aprile, con riti propiziatori per i lavori nei campi, Ludi circenses e Ludi scaenici. Nel mese di maggio, poi, si celebrava il rito del “finto raccolto”, nel periodo più critico in cui la fioritura delle spighe era esposta al rischio di una possibile ultima gelata, mentre le Vestali più anziane provvedevano a preparare la mola salsa, impasto offerto a Vesta, dea del focolare domestico.

… E oggi

Tradizioni che – in forma contemporanea – da 8 anni tornano alla ribalta ogni primavera nella Capitale, grazie alla manifestazione moderna e innovativa che conserva lo spirito e il profondo significato di una volta. Quest'anno, l'edizione è dedicata alla Repubblica di Malta e ha come tema “L'acqua e la terra. Sostenibilità ambientale e sicurezza sociale”. Un festival che coinvolge tutta la città (e zone limitrofe), e si inserisce a pieno titolo nella serie di eventi per l'Anno del Cibo Italiano, campagna di promozione nata a inizio 2018 per fare luce sulla cultura gastronomica italiana.

Il programma

Si comincia giovedì 7, con la cerimonia del passaggio di testimone dall'Unione Europea (protagonista dello scorso anno) alla Repubblica di Malta, con un dibattito sulle ricerche preistoriche della Missione Archeologica Italiana a Malta, per proseguire poi con “C'era una volta la Dolce Vita”, percorso itinerante da Largo Fellini a Piazza Barberini lungo i luoghi legati all'atmosfera dello storico periodo dell'Italia repubblicana, insieme all'Archeoclub d'Italia. E ancora il forum “Che ne sai tu di un campo di grano? Dono della pasta madre e laboratorio cereali e panificazione”, ospitato al Mercato Contadino di Capannelle in collaborazione con l'Orto Botanico Università di Tor Vergata e l'azienda agricola Umberto Di Pietro, realtà produttrice di cereali, legumi e farine di qualità. Un'occasione unica per rivivere il rito del dono della pasta madre, di buon auspicio per il raccolto, e per imparare a fare il pane in casa. E poi visite guidate alla scoperta delle opere di Caravaggio, l'omaggio a Gioacchino Rossini, musicista e gran gourmand, presentazioni di libri, Il Pane di Vicovaro di Luigi Rinaldi, concorsi fotografici, “Tutti a tavola!”, proiezione di filmati, street food e tanti assaggi. Per un programma fitto da appuntamenti che trasformerà l'intera città.

Cerealia – Roma – evento diffuso – dal 7 al 13 giugno 2018 - www.cerealialudi.org/

a cura di Michela Becchi