Una cantina... fa primavera. Quest'anno per la prima volta entra nel programma Giornata Fai di Primavera anche un'azienda vitivinicola: la Fattoria Le Mortelle

 

La Fattoria Le Mortelle di Castiglione della Pescaia è uno degli ultimi investimenti Antinori. Una notizia che accredita ulteriormente l'architettura vitivinicola come espressione culturale, quando non artistica.

Così sabato 23 e domenica 24 gli amanti della bella stagione potranno visitare gratuitamente, oltre a musei, palazzi e ville di tutta Italia, anche i 160 ettari di vigneto dell'azienda toscana, circondati da un frutteto biologico, colline di uliveti e due laghi artificiali.

 

 

Non meno suggestiva la cantina interna disposta su tre livelli che culmina in una barricaia immersa in uno splendido gioco di rocce, legno e vetrate. “Il progetto viene da lontano, dall'Africa” spiega Fabio Ratto, responsabile della Fattoria “per realizzarlo non abbiamo scelto un archistar (pratica molto diffusa tra i grandi nomi del vino; n.d.r.) ma ci siamo affidati allo Studio Hydea diFirenze: un team di professionisti che ha concretizzato la nostra idea di cantina ecosostenibile”. A partire dall'impatto visivo.

 

 

Della cantina, infatti, emerge solo una piccola cupola, il resto del cilindro si ritrova all'interno della collina. Tutti i processi interni cercano di sfruttare la forza di gravità grazie ai tre livelli che permettono la vinificazione per caduta.

 

 

I tre elementi principali coinvolti sono la luce che filtra dai lucernari ed è calibrata su ogni piano in base alle fasi di vinificazione, l’acqua che dopo l'utilizzo in cantina viene depurata e reintrodotta nell’ambiente grazie a un sistema di fitodepurazione, e l'aria, il cui ricambio avviene in modo naturale: l’anidride carbonica rilasciata dalle uve, precipita verso il basso, viene raccolta in un pozzo, trasportata tramite due canali nel vigneto, per poi essere rimessa in circolazione dalle stesse piante sotto forma di ossigeno.

 

Oltre alla sostenibilità, la Fattoria Le Mortelle è una realtà molto attenta all'enoturismo e all'accoglienza: “Siamo sempre aperti e su prenotazione proponiamo i nostri percorsi di visita e degustazione” dice Irene Burberi che si occupa proprio dell'ospitalità in cantina “in un anno contiamo circa 10 mila visite con una forte presenza di stranieri, soprattutto tedeschi, polacchi, scandinavi e americani. In questo gioca un ruolo fondamentale la sinergia con tutto il territorio”. Anche in questo primo week-end di primavera, infatti, oltre alla cantina si possono visitare nei dintorni il Forte delle Rocchette e il Museo Civico Archeologico Isidoro Falchi di Vetulonia. Per gli spostamenti il Comune di Castiglione della Pescaia ha messo a disposizione un servizio di bus navette da Le Mortelle al Museo.

a cura di Loredana Sottile

 

FATTORIA LE MORTELLE
Località Ampio Tirli
58043 Castiglione della Pescaia (GR)

Per prenotare la visita in cantina
tel. 0564.944.003; e-mail: irene.burberi@antinori.it