Ospitalità extralusso e alta cucina è il binomio da cavalcare per distinguersi. La pensano così Luis Contreras e LCD: il primo chiama Andrea Berton sul lago di Como per dirigere il ristorante del nuovo Sereno, mentre il gruppo taiwanese sceglie Bartolini per Palazzo Venart. E in Laguna si affacciano di nuovo i fratelli Alajmo... 

 


Berton Al Lago. Nell'hotel by Patricia Urquiola

Torno è un tranquillo paese a breve distanza da Como, affacciato sulle sponde del lago. Elette come luogo di villeggiatura dal jet set internazionale, le acque del Lario non sono mai state avare di residenze esclusive e alberghi a 5 stelle. Come l'hotel aperto nel mese di agosto sulla riva orientale, località Torno, dal gruppo Sereno Hotels dell'imprenditore venezuelano Luis Contreras. E Il Sereno si presenta all'appello con tutte le qualità dell'ospitalità extralusso (già scelto dalle testate internazionali tra i 25 alberghi al mondo da visitare nel 2016): trenta suite vista lago a firma Patricia Urquiola - che ha curato l'interior design tra legno, pietra, rame e fibre naturali -  i giardini verticali di Patrick Blanc, una villa cinquecentesca a disposizione per gli eventi e un ristorante da 60 coperti (aperto anche al pubblico) che la proprietà ha deciso di affidare alla guida di Andrea Berton, imperatore della ristorazione milanese con l'insegna triforchettata e stellata che porta il suo nome e gli indirizzi di tendenza di Brera, Pisacco e Dry.

La cucina

Berton Al Lago, appena inaugurato, resterà aperto fino alla fine di ottobre, per i primi mesi di affinamento. Poi se ne riparlerà a primavera. Alla guida della cucina c'è il napoletano Raffaele Lenzi (ex Turbigo, Milano). In tavola tante materie prime del territorio, a cominciare dal pesce d'acqua dolce, lavarelli, trote, salmerini, persico. E piatti semplici eseguiti con personalità, per accontentare le esigenze di una clientela internazionale, dal risotto allo zafferano al ragù alla genovese. In abbinamento anche vini di piccole cantine locali, con quel gusto per una ricercatezza che è fatta di ascolto e comprensione del territorio.

Enrico Bartolini a Venezia. Glam a Palazzo Venart

Intanto anche Enrico Bartolini si fa tentare dal fascino della trasferta eccellente. E così dopo il trasloco negli spazi del Mudec di Milano e l'apertura del bistrot Casual di Bergamo, lo chef toscano da anni trapiantato in Lombardia mette radici anche a Venezia. Lo anticipa il sito di Identità Golose, riportando i dettagli della nuova sfida che lo vede impegnato già da qualche giorno con Glam, il ristorante di Palazzo Venart, luxury hotel recentemente inaugurato in calle Tron a San Stae, proprio lungo il Canal Grande. L'operazione è frutto dell'investimento di un colosso taiwanese dell'hotellerie come Lcd e ricorda, nella scelta di coniugare lusso e cucina d'autore, il progetto che JW Marriott ha affidato a Giancarlo Perbellini sull'Isola delle Rose. Stavolta però siamo nel cuore della città e gli spazi sono più intimi e contenuti: 18 suite e ambientazione d'epoca, tra trabeazioni in legno, pavimenti alla veneziana, boiserie e velluti pregiati. Per il ristorante, dal gusto contemporaneo, lo chef ha scelto Donato Ascani; in sala invece, 40 coperti in tutto,  ci sarà la sommelier Adele Furno, già in squadra al Devero. Tra i primi piatti in carta signature dish come la Carbonara Bartolini e tanti sapori lagunari. Anche menu degustazione  da 6 portate a 90 euro.

E i fratelli Alajmo?

Un bel risveglio d'autore per Venezia, che presto potrebbe contare anche sul raddoppio di casa Alajmo in città. Raffaele e Massimiliano sono già titolari del Gran Caffè Quadri, riaperto nel 2011 dopo un attento restauro e dotato di un ristorante informale al pian terreno (l'Abc Quadri) e una tavola più ambiziosa al primo piano, con vista su piazza San Marco. Secondo indiscrezioni riportate dal Sole24Ore, però, i fratelli Alajmo sarebbero in procinto di aprire un terzo locale informale, affacciato sul Canal Grande, con il coinvolgimento di Philippe Starck, già designer del Caffè Stern di Parigi. Ancora nessun ufficialità, ma certo l'imminente apertura di un grande laboratorio di pasticceria con centro di sperimentazione per supportare la ricerca e la produzione di tutti i locali del gruppo (che fattura 13 milioni di euro) fa ben sperare sulla decisione di consolidare la propria presenza in Laguna. Ne riparleremo.

 

Berton Al Lago all'hotel Il Sereno | Torno (CO) | via Torrazza, 10 | tel. 031 5477800 |  www.ilsereno.com

Glam a Palazzo Venart | Venezia | Santa Croce, 1961 | tel. 041  5233784 | www.palazzovenart.com

 

a cura di Livia Montagnoli