Un bistrot a Torino per mettere insieme nord e sud. È questo il nuovo progetto di Antonino Cannavacciuolo, chef pluripremiato e volto noto della tv, annunciato dal suo profilo Facebook con l’apertura della nuova pagina "Cannavacciuolo Bistrot Torino".


Il nuovo bistrot di Torino

A poco meno di un anno dall'apertura del suo "Cafè & Bistrot" di Novara, lo chef patron di Villa Crespi si lancia in una nuova avventura, questa volta nel capoluogo piemontese. L’annuncio arriva dal suo profilo Facebook, seguito dall’apertura della pagina del Bistrot. Lo chef ha spiegato "Il mio Sud incontra il Nord in un Bistrot che vuole farti sentire come a casa. Ecco perché ho scelto una delle città più belle del nord Italia per la mia prossima apertura: Torino sto arrivando”. L’annuncio era accompagnato dalla foto dello chef sulla soglia del locale in cui i lavori sono ancora in corso, ma senza notizie ulteriori sulla data dell’apertura o sul tipo di offerta gastronomica pensata.

La location

Le uniche indiscrezioni desumibili dalla pagina del bistrot riguardano la zona dove sarà: grazie alla mappa di Torino inserita, si sa che il locale dovrebbe essere nella zona di corso Regina Margherita tra via Napione e il Po, poco sopra piazza Vittorio Veneto. L’idea di un nuovo bistrot viene dall’“esperimento” fatto con il bistrot in piazza Martiri della Libertà a Novara, aperto appena un anno fa, ma che ha già riscontrato un discreto successo di pubblico. Non è l'unica novità per lo chef che, si legge nelle pagine del Corriere, vuole ritornare a Vico Equense, suo paese di origine, per aprire un hotel in un casolare di famiglia sui colli vicani. Ovviamente è prevista anche una cucina che proporrà prodotti coltivati nei frutteti e negli orti che circondano il casolare. Dal canto nostro, speriamo di potervi dire di più nei prossimi giorni. Stay tuned.