Appuntamento al Westin Excelsior Roma Hotel di Via Veneto il 15 e 16 novembre per tutto gli appassionati di vini piemontesi, accompagnati in un viaggio attraverso le suggestioni di una viticoltura antica che si muove su territori di grande fascino, dalle Langhe al Roero, al Monferrato. Una degustazione dell’eccellenza regionale accompagnata dai prodotti laziali di DOL in abbinamento.

Andar per langa… a Roma. Impossibile? L’espressione del dialetto locale piemontese evoca le colline delle Langhe, quelle che si percorrono in cresta circondati da una distesa di vigneti. Un paesaggio vinicolo antico che ha raccolto le suggestioni di grandi scrittori della letteratura italiana, entrando così nel mito del mondo letterario (“...un versante lungo e ininterrotto di vigne e di rive, un pendio così insensibile che alzando la testa non se ne vede la cima – e in cima, chi sa dove ci sono altre vigne, altri boschi, altri sentieri…” scriveva Cesare Pavese raccontando la sua terra).
La stessa dimensione, carica di tradizioni e riti che parlano di ruralità e vita semplice, recentemente premiata per il suo valore culturale dal riconoscimento Unesco, che ha incluso Langhe e Monferrato nella lista del patrimonio dell’umanità. Ma oltre che in Langa, dove si esprime in modo sublime in Barolo e Barbaresco, l’uva nebbiolo racconta la storia della viticoltura piemontese, identificando una regione di grande ricchezza ampelografica: ciò che la rende uno dei territori vinicoli più apprezzati nel mondo. Il 15 e 16 novembre l’eccellenza della viticoltura piemontese arriva a Roma - per iniziativa di Tiziana Gallo - al Westin Excelsior Rome di Via Veneto, per offrire al pubblico romano la possibilità di scoprire i Vignaioli di Langa e Piemonte.
L’edizione 2014 della rassegna di degustazione sarà così connotata, oltre che dall’indiscussa qualità di Barolo e Barbaresco, da vini come il Gattinara del Vercellese, il Roero, il Lessona rosso dell’Alto Piemonte, fino al raffinato Boca, frutto di una viticoltura estrema che opera in condizioni avverse (e da queste acquista forza). Poi ci saranno i vitigni autoctoni come l’Erbaluce di Caluso, la Barbera, il Moscato, il Gavi e il Timorasso. E i produttori piemontesi in rappresentanza delle cantine, per accompagnare i visitatori in un viaggio attraverso la viticoltura del Piemonte. L’incontro tra Piemonte e Lazio si concretizzerà sulla tavola, con i prodotti locali di DOL in abbinamento ai calici in degustazione.

Vignaioli di Langa e Piemonte | Westin Excelsior Rome, Via Veneto 125, Roma | Il 15 e 16 novembre, sabato dalle 12.30 alle 19.30, domenica dalle 12 alle 20 | Ingresso: 20 euro | www.vignaiolidilanga.com