[caption id="attachment_91456" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/09/327844_web.jpeg[/caption]

Non chiamateli DJ, sono solo un po' lunatici.

Gli Skipper di Radio Yacht, capitanati da Roberto Barone, presentano stasera venerdì 21 settembre, alle ore 19 al Grand Hotel Santa Lucia di Napoli: "Lunare Project Tribute", la compilation dalle atmosfere lunari che ha accompagnato gli aperitivi musicali della Coppa

America.

 

Incontri sul lungomare organizzati nel Grand Hotel Santa Lucia, ai quali hanno partecipato i campioni e gli appassionati del trofeo velico più prestigioso del mondo: dagli atleti del Team Oracle e i loro tifosi, a Richard Worth Presidente del Comitato eventi America’s Cup.”Lunare Project Tribute” è una raccolta emozionale: 13 tracce che avvolgono le atmosfere del Ristobar dal gusto retrò dell’Hotel Santa Lucia. Si tratta dell’unico progetto italiano realizzato da un DJ Collective ad alta tecnologia. Un network di “skipper musicali” che naviga il cyber spazio da Capri a Sydney, in una combinazione armoniosa di suoni e natura, uomo e mare. “Tattico” del Team dei DJ sulla Luna è Roberto Barone: disk jockey a soli 13 anni, speaker a 16, e a 20 è su Radio 1 nella trasmissione che sostituisce “Alto gradimento” di Arbore e Boncompagni, fino a Radio Capri con la sua trasmissione “Lunare” che ha già dieci anni. Ora è al timone di Radio yacht, la stazione “on the go”, che regata tra due continenti opposti ed è interamente realizzata da un collective di dj di razza provenienti da ogni parte del mondo, uniti dagli stessi valori e dallo stesso entusiasmo: Lunare Project. I suoni lunari sono il sottofondo ideale per l’aperitivo, per la cena e perché no, in vista delle prossime regate di Coppa America per un party a bordo di uno yacht all’ora del tramonto. L’aperitivo lunare si beve al lounge bar del Grand Hotel Santa Lucia. S’inaugura dunque nell’albergo del lungomare l’autunno napoletano, con gli incontri ispirati ai suoni e alla luna. Ingresso libero, musica con dj set, cocktail, e finger food d’autore, per sorseggiare un drink in un ambiente che ricorda uno yachting club degli anni ’30. Primo di tanti appuntamenti itineranti del Lunare Project che farà il giro del mondo.