[caption id="attachment_87592" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2010/04/239175_web.jpeg[/caption]

 

È sempre tempo di pizza e con il caldo estivo la scelta è obbligatoria per chi vuol restar leggero con gusto. Se poi si ha la fortuna di avere in città un pizzaiolo speciale come Michele Leo il pasto è ancora più delizioso!


La sala ristorante della Città del gusto Napoli ha osp

itato ieri gli appassionati dell’italiana più famosa del mondo: la pizza, accompagnata dalle sue sorelle interpretate alla maniera del Maestro pizzaiolo di casa.

 

Quattro tipologie diverse, tre salate e una dolce per chiudere coccolati la serata, tutte molto apprezzate dagli ospiti che le hanno degustate accompagnate da una selezione di birre Moretti.

La sua proposta di degustazione ha avuto inizio con una new entry da poco inserita nel suo menu, che omaggia la stagione estiva con la presenza dei “ciurilli”, ovvero fiori di zucca chiusi accompagnati da provola, ricotta e speck.

In abbinamento è stata scelta “La Rossa” Moretti, 100% malto d’orzo di qualità speciale, essiccato e torrefatto, e luppolo di una varietà particolarmente aromatica.

Si è proseguito con un classico già presente in carta: la puttanesca. Provola, pomodorini del piennolo, alici sott’olio, capperi, olive e origano sono gli ingredienti protagonisti, ai quali è stata abbinata una “Baffo d’oro” Moretti, birra Premium 100% di puro malto d’orzo proveniente da varietà selezionate, che prende il nome dal suo color oro vivo.

La varietà salata si chiude con la “Mastu Nicola”, un’antica pizza napoletana con sugna e tanto basilico rivisitata con pomodorini gialli del Vesuvio, pecorino di Moliterno, pancetta di maiale nero casertano aggiunta a fine cottura. Il tutto accompagnato da una Birra Moretti “La Grand Cru”: prodotto dal corpo unico e dal gusto caldo, dedicata agli intenditori e agli amanti delle birre speciali.

 

Anche il dessert è stato a base di pizza. Un delizioso calzoncino fritto con ricotta, scaglie di cioccolato e buccia di arancia a cui è stato abbinato, per concludere in bellezza, il tocco particolare  del barchef Sebastiano che ha proposto un cocktail a base di birra scura composto da un premiscelato di succo di arancia, vodka al mandarino, lime e zucchero alla cannella.

“Una pizza fatta a regola d’arte con materie prima di qualità è già un prodotto vincente in partenza” assicura Michele Leo, che ha scelto di abbandonare l’informatica preferendo la più creativa e gustosa professione di cuoco e pizzaiolo.