La Città del gusto Torino di Gambero Rosso è presente a The Others grande fiera di arte contemponarea, con un corner dedicato ai produttori di vino del territorio.

Torino città creativa del design Unesco e votata all’arte contemporanea e Torino capitale del gusto si ritrovano a inizio novembre in quel grande evento che è la Contemporary Art Week, che richiama in città migliaia di appassionati e collezionisti da tutto il mondo. E l’arte si unisce al food: da Artissima, la manifestazione maggiore, dove anche quest’anno è di scena la cucina d’eccellenza di Mariangela Susigan, chef del ristorante Gardenia di Caluso Due Forchette del Gambero Rosso e 1 stella Michelin, a The Others, evento che dal 2011 ha un’identità precisa: selezionare talenti nuovi, spazi emergenti, associazioni culturali che riflettano la varietà e la complessità del panorama artistico contemporaneo. Il tutto sempre in luoghi non convenzionali: fino al 2015 nelle ex Carceri Le Nuove e dal 2016 nell’ex Ospedale Regina Maria Adelaide. Più che una fiera, una piattaforma culturale, che individua e crea tendenze, sinergie fra espositori ed artisti, propone una cinquantina di gallerie (per due terzi non italiane), è coordinata da un gruppo di curatori internazionale e under 35 e piace soprattutto a un pubblico giovane (nel 2017 l’80% dei fruitori è stato tra i 19 e i 45 anni).

Per l’edizione 2018, dal 1° al 4 novembre, in programma sezioni, premi, tavole rotonde e contaminazioni tra design, teatro e performance live.

Totalmente nuova la formula food, che quest’anno è affidata a due realtà consolidate nel panorama dell’enogastronomia torinese, come Bottega Baretti del quartiere di San Salvario e Dogana Grimm, in zona Regio Parco.

Il risultato è il nuovo brand ‘CORNERS’, uno spazio in cui è presente con produttori e vini selezionati la Città del gusto Torino e che offrirà 4 giorni di esperienze legate al mondo del Food&Wine e della Live Music, con concerti dal vivo nell’area sound. E che arte e food sia un binomio che funziona lo conferma anche il #premiobottegabaretti. Quest’anno il vincitore sarà scelto in base a un’opera presentata durante the Others, e il premio consisterà nell’ esporre l’opera in modo permanente alla Bottega Baretti.

Ma vediamo come si articola Corners 2018. Nell’AREA GARDEN esterna viene proposta una ristorazione street di qualità, dagli arrosticini alle zuppe calde, le crêpes dolci e salate e la focacceria con salumi e affettati, più il bar, mentre nell’AREA MENSA interna, proprio dove era la mensa dell’ospedale, le proposte food& wine sono più articolate e insolite. Per cominciare il Food Pairing, a cura del ristorante Dogana Grimm: ovvero l’ abbinamento di piatti e mixology per esaltare i sapori delle ricette proposte . Per esempio il gravlax al tè nero con salsa di aneto e sfoglia di riso venere o il tonno di coniglio su catalogna e gocce di passito. Ma ci si può fermare anche per un semplice cocktail come aperitivo: uno Spicy con paprika, vodka e basilico o un Chives al gin e thè verde, giusto per citarne un paio. Altro settore quello delle pizze gourmet e prodotti del forno a cura della Pizzeria Bottega Baretti ,con selezione di farine (tipo 1, multi cereali, semi integrale) e proposte che spaziano dalla pizza alla coppa, stracciatella, semi di papavero e olio tartufato alla crema di zucca, nocciole e ricotta salata. Il tutto a prezzi sempre easy.

A cura della Città del gusto Torino – presente a The Others anche con i partner Acqua Panna e Illy – la sezione L’Arte in Cantina con una selezione di produttori ed etichette del territorio: da Enrico Serafino, dal 1878 a Canale, dove produce grandi rossi e bollicine, ad Angelo Negro, dal 1670 vigneron a Monteu Roero. E poi Ceste, di Govone, all’ombra del Castello Patrimonio Unesco, Scagliola di Canelli, nelle terre del Moscato e dello spumante metodo classico, La Gironda di Nizza Monferrato, dove è nata la nuova docg del Barbera, il Nizza, per finire con il Castello di Gabiano, in provincia di Alessandria, dove da 4 secoli si produce una delle più piccole doc d’Italia, il Gabiano, e La Smilla, di Bosio, il comune viticolo piemontese più vicino alla Liguria, 8 km in linea d’aria dal mare, fra le colline del Gavi.

Vini da abbinare ai piatti alla pizza, secondo il suggerimento dei maggiori chef, o da degustare a piacere durante la visita delle sale, e magari per l’aperitivo. L’Area Mensa punta infatti ad essere uno spazio conviviale in perfetta sintonia con l’arte esposta. E con il settore dell’Arte in Cantina l’attenzione al territorio diventa una scoperta di produttori che fanno del vino una vera arte.

The Others, ex Ospedale Maria Adelaide, Lungo Dora Firenze 87, tel. 011 850 660: www.theothersfair.com

Gli spazi espositivi sono aperti il 1° novembre dalle 20 alle 0.30, venerdì 2 e sabato 3 dalle 17 alle 0.30 e domenica 4 dalle 11 alle 20; ingresso 7€. L’accesso ai Corners è compreso nel biglietto e giov, ven e sabato ingresso gratuito dopo la mezzanotte, per continuare fino a notte fonda con musica, food, cocktail e i vini dei produttori selezionati dalla Città del Gusto del Gambero Rosso.

 

a cura di Rosalba Graglia